Come evitare l'oscuramento della tv: ecco cosa fare

Entro giugno 2022 sarà necessario adeguare i propri televisori con i nuovi standard tecnologici: ecco chi può richiedere il bonus e quali sono i requisiti necessari

Come evitare l'oscuramento della tv: ecco cosa fare

Tra poco più di anno (la data limite è quella del 30 giugno 2022), tutta Italia passerà alla nuova tecnologia DVBT-2/HEVC (digital video broadcasting T2), dicendo addio all’attuale standard di trasmissione televisivo DVB-T1. Anche in questo caso, come accadde nel passaggio tra analogico o digitale, sarà necessario sostituire il proprio televisione o acquistare un decoder. I bonus erogati dal governo sono già "operativi" e saranno erogati per tutto il 2022.

Ecco il bonus tv

Il governo ha già stanziato 100 milioni nel 2021 per estendere il bonus tv, finalizzato a "favorire il rinnovo o la sostituzione del parco degli apparecchi televisivi non idonei alla ricezione dei programmi con le nuove tecnologie DVBT2 e favorire il corretto smaltimento degli apparecchi obsoleti, attraverso il riciclo", ma la somma potrebbe essere ben superiore come ha illustrato il 17 marzo scorso Giancarlo Giorgetti, ministro dello Sviluppo economico. Il bonus sarà valido per acquistare nuovi televisori ma anche dei decoder satellitari per continuare a far funzionare e trasmettere quelli che già si possiedono senza essere costretti a cambiare. Per avere lo sconto si dovrà presentare un'apposita certificazione che attesti di avere tutte le carte in regola per ottenere l'agevolazione.

Quali sono i requisiti

ISEE inferiore a 20mila euro (reddito familiare), nessuno della famiglia deve aver utilizzato un precedente bonus Tv ed, infine, il televisore e il decoder devono essere certificati dal Ministero dello Sviluppo Economico: sono questi i tre requisiti per ottenere i bonus. Come riporta Trevisotoday, lo sconto sarà immediato e solamente in un secondo momento verranno effettuati i controlli necessari ad accertarsi che colui che ha beneficiato del bonus aveva o meno effettivamente i requisiti previsti. Per compilare la domanda, gli aventi diritto si dovranno collegare sul sito web del Mise e seguire le indicazioni che verranno pubblicate dai venditori online che aderiranno alla procedura.

Valore, durata e quantità: cosa c'è da sapere

Il bonus è di 50 euro ma può essere inferiore se il prodotto da acquistare costerà di meno, a quel punto il suo valore sarà la metà del prezzo intero. Si ha diritto ad un solo bonus per nucleo familiare e per l'acquisto di un solo apparecchio e si potrà ricevere fino alla fine del 2022 per acquistare tv, decoder terrestri e satellitari. Per sapere quale televisore acquistare si può consultare la pagina web del ministero economico dove è presente tutta la lista dei prodotti idonei o chiedere direttamente al rivenditore presso il quale si acquisterà. Al momento, è bene sottolinearlo, non è ancora attiva la lista ufficiale dei punti vendita (anche quelli online) dove si può usufruire dello sconto perché l'adesione dei rivenditori all'iniziativa è volontaria e l'utente che ha diritto al bonus, per poterne beneficiarne, dovrà recarsi presso un punto vendita che ha aderito all'iniziativa. Il bonus sarà valido anche nel caso di acquisti online seguendo la stessa procedura per l'acquisto fisico in negozio.

Cosa succede ai "furbetti"

Se l’acquirente dichiara il falso in merito a quanto indicato nella domanda, il bonus sarà revocato e l'acquirente incorrerà nelle conseguenze previste in caso di falsa dichiarazione secondo quanto previsto dalla legge. La documentazione che si presenta al rivenditore per ottenere il bonus comprende domanda, documento d'identità e codice fiscale che rimane presso il rivenditore ed i dati raccolti saranno trattati in conformità alla normativa sulla privacy (Regolamento UE 2016/679 e D.Lgs. 196/2003 e s.m.).

Qual è la data ultima

La data del 20 giugno 2022 è da segnare sul calendario perché darà l'avvio uniforme alla nuova tecnologia, nessuna Regione esclusa: inoltre, già dal 1° settembre 2021, soltanto i televisori e i decoder di prima generazione, cioè quelli che non permettono la visione di programmi in alta definizione, dovranno essere sostituiti. Per verificare se il proprio televisore rientra tra i requisiti, si potrà controllare la visione sui canali a partire dal 501. In ogni caso, tutti le TV e i decoder che potranno essere acquistati con il bonus, sono già conformi agli standard trasmissivi della nuova televisione e potranno ricevere tutte le trasmissioni in onda dal settembre 2021 e tutte quelle in onda a partire dal giugno 2022.

Commenti