Canone Rai in bolletta: "Si paga più del dovuto"

Con il nuovo balzello in bolletta, Viale Mazzini incasserà più di quanto abbia bisogno. Gli esperti: "Cifra giusta 80 euro"

Canone Rai in bolletta: "Si paga più del dovuto"

Il canone Rai in bolletta continua a far discutere. A partire dal 2016 il balzello abbassato a 100 euro (che si ridurranno a 95 l’anno successivo) si pagherà a rate con la bolletta elettrica. Il pagamento del canone attraverso le bollette trova l’opposizione delle aziende elettriche, contrarie perché il travaso delle competenze Rai nelle fatture comporta numerose difficoltà giuridiche e tecniche, a partire dall’adeguamento, in tempi troppo rapidi, dei propri sistemi di fatturazione. La novità, però, garantisce ai contribuenti la riduzione del prelievo. Ma a quanto pare la Rai, dalla nuova tassa, avrà casse piene più del dovuto. Infatti il piccolo "miracolo" arriverà in virtù della minore evasione e del bacino di utenze molto elevato che caratterizzano il mercato elettrico.

La Rai nel 2014 ha incassato, come ricorda il Sole24Ore, 1,59 miliardi di euro con il canone fissato a 113 euro, un incasso dato solo dal 75% dei potenziali contribuenti, perché il tasso di evasione è attorno al 25 per cento. Ora, considerando che i morosi delle bollette elettriche sono invece il 5%, quale sarà l’impatto? A fare i calcoli è una simulazione effettuata da Stefano da Empoli e Gloria Marcotullio di I-Com Energia. Calcoli che nascondono una sorpresa. Prendendo come parametro il numero di famiglie italiane al 2015, I-Com ha stimato che il governo avrebbe potuto abbassare il canone fino a 80 euro, anche tenendo conto, in via cautelativa, di una morosità più elevata sulle bollette elettriche (dal 5% al 10%, cioè almeno il doppio dei livelli attuali) e remunerando gli operatori elettrici con un aggio del 2 per cento. Tradotto in cifre: con un canone a 80 euro, il gettito sarebbe pari a 2,03 miliardi in caso di morosità al 5% e a 1,83 miliardi con una quota di non paganti del 10%: in entrambi i casi un gettito ben superiore a quello Rai dell’anno scorso (1,59 miliardi).

Commenti