Coronavirus, ecco per chi scatta lo stop del pagamento delle bollette

Per l’emergenza coronavirus sono sospesi i pagamenti delle bollette di luce, gas, acqua, rifiuti e del canone Rai per i cittadini dei comuni della zona rossa

L’emergenza coronavirus, seppur iniziata da sole due settimane, sta già provocando seri danni all’economia italiana e alla vita quotidiana dei cittadini.

Lo scorso 2 marzo il Consiglio dei ministri, per venire incontro alle difficoltà dei residenti delle aree più colpite dall’epidemia, ha approvato un decreto legge che ha ampliato le misure messe in campo dal governo per sostenere famiglie, imprese e lavoratori interessati dall’emergenza sanitaria. Ad esempio, i pagamenti delle bollette di luce, gas, acqua, rifiuti e del canone Rai sono stati sospesi per due mesi nelle zone più colpite dal coronavirus.

Il Sole24Ore.com indica in quali Comuni è scattata la sospensione e come sarà attuata. Innanzitutto, si specifica che a fissare la sospensione è l’articolo 4 del decreto legge approvato il 2 marzo scorso: lo stop al pagamento delle bollette di luce, gas, acqua e rifiuti durerà fino al prossimo 30 aprile e riguarda solo i Comuni della zona rossa che sono quelli indicati dal governo: le località lombarde di Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione D’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini e la veneta Vo’. Non si esclude che questa lista si allunghi nelle prossime ore se il governo estenderà la zona rossa.

Tra i pagamenti sospesi vi è anche quello relativo al canone Rai che, come previsto dalla legge di stabilità del 2016, è incluso nella fattura dell’energia elettrica dell’abitazione di residenza. Il provvedimento stabilisce contemporaneamente che il pagamento dovrà avvenire in un’unica rata, senza sanzioni e interessi, con la prima bolletta utile pagata alla fine del periodo di sospensione.

Secondo quanto stabilisce ancora il provvedimento sono sospesi i pagamenti delle fatture e gli avvisi di pagamento emessi o da emettersi. Il decreto affida all’Autorità per l’energia, le reti e l’ambiente (Arera) il compito di disciplinare, con suoi provvedimenti, la sospensione. Il meccanismo è lo stesso già applicato in occasione di disastri naturali come terremoti e alluvioni. Una volta passata la fase di emergenza coronavirus, l’Autorità per l’energia fisserà, entro il prossimo 30 giugno, le modalità di rateizzazione delle fatture e degli avvisi di pagamento sospesi.

Nel decreto si specifica che sarà sempre compito dell’Arera individuare "ove opportuno anche le modalità per la relativa copertura nell’ambito delle componenti tariffarie, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica". In pratica, la sospensione dei pagamenti non dovrà quindi gravare sul bilancio dello Stato. Nei prossimi giorni dovrebbero arrivare le prime indicazioni dell’Authority.

LE MIGLIORI OFFERTE ILIAD

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ninito

Sab, 07/03/2020 - 13:08

Come al solito tutto a carico di Pantaleone. Lo stato non ci rimette neanche un centesimo e loro sono i responsabili della situazione in cui ci troviamo.

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Sab, 07/03/2020 - 14:02

Sospensione e non annullamento vero, governo di CIALTRONI?

PRALBOINO

Sab, 07/03/2020 - 15:58

Ma cosa volete che sia rinvio più rinvio meno questi eroi hanno rinviato tutto mentre hanno agevolato ogni tipo di virus