Il Covid-19 ferma il fisco: Entrate e Gdf congelano le attività

Tregua del fisco: si va verso la sospensione delle attività delle Entrate e agente della riscossione. Anche la Gdf si "adatta" all'emergenza

A causa dell'emergenza provocata dal nuovo coronavirus il fisco concede una tregua ai contribuenti, sospendendo controlli e verifiche. Tutto parte da una direttiva dell'Agenzia delle Entrate e da una circolare della Guardia di Finanza, le quali congelano le attività. Come sottolinea Il Sole 24 Ore, adesso spetterà al decreto legge in arrivo decidere il destino degli atti in scadenza.

Il dl, atteso per il week end, dovrebbe varare il congelamento del saldo Iva e comprendere misure tra cui la sospensione delle attività delle Entrate e agente della riscossione, i termini di cartelle saldo e stralcio, rottamazione-ter, cartelle e atti esecutivi. Nel frattempo Agenzia e Guardia di Finanza hanno agito per fermare verifiche e controlli.

Per quanto riguarda le Entrate, ieri il direttore Ernesto Maria Ruffini ha firmato una direttiva con la quale è stato disposto “la sospensione di attività di liquidazione, controllo, accertamento, accessi, ispezioni e verifiche, riscossione e contenzioso tributario di propria competenza” a meno che “non siano in imminente scadenza o sospesi in base a espresse previsioni normative”.

Il termine chiave sul quale potrebbe e dovrebbe intervenire il dl al quale sta lavorando il governo è proprio quello di “imminente scadenza”. Dovranno infatti essere chiariti tanto i termini temporali della citata scadenza quanto se entro la sospensione siano previste anche limitazioni.

Le attività della Guardia di Finanza

La Guardia di Finanza, esattamente come l'Agenzia, ha sospeso per un lasso di tempo ancora indefinito e vincolato all'evoluzione della situazione sanitaria, tutte le esecuzioni delle verifiche, dei controlli fiscali e in materia di lavoro, “d'intesa con i contribuenti interessati, fatti salvi i casi di indifferibilità e urgenza”. Rientrano nella lista anche le situazioni collegate o collegabili a violazioni per le quali “potrebbero scadere i termini di contestazione”.

Nella circolare del comando generale della Guardia di Finanza diramata l'11 marzo a tutti gli uffici territoriali si trovano linee guida più specifiche, comprendenti tanto un blocco immediato esteso “ai controlli strumentali” quanto alle “attività di intelligence di polizia economico finanziaria di contrasto al riciclaggio”.

In questo delicato momento l'operato della Gdf si concentrerà nei confronti di quei soggetti che approfitteranno della situazione d'emergenza. La massima attenzione ricadrà quindi sulle frodi e attività illegali legate all'epidemia e alle gare di approvvigionamento di presidi. E ancora: frodi legate alle attrezzature sanitarie come le mascherine e l'indebito utilizzo di risorse pubbliche destinate a imprese e famiglie. Potenziati, infine, i controlli in dogana per il passaggio delle merci, sia in entrata che in uscita, con riguardo particolare alla sicurezza dei prodotti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Reip

Ven, 13/03/2020 - 12:58

VEDRETE CHE DOPO LA CRISI RIPRENDERANNO A PIENO RITMO E PAGHEREMO ANCHE GLI INTERESSI!!!

jaguar

Ven, 13/03/2020 - 13:10

Il dopo virus sarà preoccupante.

cgf

Ven, 13/03/2020 - 13:29

più che altro paura di contagiarsi e seguono le direttive, tutti a casa tanto sono pagati ugualmente

vinnynewyork256

Ven, 13/03/2020 - 14:17

ah .... hahahahahahahahahahahahhahahahahahaha ... grazie anche alla Lamorghese e la Gismondo!!! Piango la presenza di Salvini. Torna presto!!

marzo94

Ven, 13/03/2020 - 15:21

Così si imboscano ai tempi del virus, tanto ti perseguiteranno poi con calma per i prossimi 10 anni (tra riavvio prescrizione e cartelle fantasma "pubblicate" in Comune anche se non recapitate).

VittorioMar

Ven, 13/03/2020 - 16:17

..quello che a l'UOMO non riesce....la NATURA può...E' bastato un virus piccolo piccolo...

flgio

Ven, 13/03/2020 - 16:55

Concessioni peraltro scontate, ma invece è sul decreto economico che il Governo si gioca tutto politicamente. Già hanno sbagliato quasi tutto sulla sanità, se steccano anche su questo per loro sarà la fine. Dopo l'apertura di credito della UE non ci sono più scuse di volumi d'affari e Isee di questo sì e quello no......(parlano di sconti sulle sanzioni ma non si vergognano.....)

Fjr

Ven, 13/03/2020 - 19:01

Si mettono in forze per il dopo perché arriverà il dopo e sarà peggio del virus