Istat, chi ha redditi medio alti ha beneficiato di più degli 80 euro

L'Istat fotografa la "destinazione" del bonus voluto dal governo Renzi: gli 80 euro sono finiti in gran parte tra i redditi medio alti

Istat, chi ha redditi medio alti ha beneficiato di più degli 80 euro

Gli 80 euro hanno aiutato di più i redditi medio alti. Di fatto, secondo quanto rivela l'Istat, il bonus fortemente voluto dal governo di Matteo Renzi non è andato nelle tasche di chi ha un reddito medio basso, ma tra quelli che invece hanno un reddito medio alto. 6. Tecnicamente, spiegano gli esperti dell’istituto di statistica, "il bonus di 80 euro non è prioritariamente disegnato come misura anti-povertà. Per effetto dell’incapienza e della presenza di più lavoratori dipendenti nelle famiglie a reddito medio-alto - precisano - il bonus non risulta concentrato sui redditi più bassi. Sia la percentuale di famiglie beneficiarie, sia l’importo medio del beneficio nel quinto più povero sono inferiori rispetto a quelli dei quinti con redditi più elevati. Gli effetti maggiori in valore assoluto e come quota di beneficiari si registrano per le famiglie con redditi medio alti (nel penultimo quinto)".

Sempre l'Istat sottolinea che le principali politiche redistributive
del periodo 2014-2016 (bonus di 80 euro, aumento della quattordicesima per i pensionati e sostegno di inclusione attiva), "hanno aumentato l'equità della distribuzione dei redditi disponibili nel 2016 (l'indice di Gini è passato dal 30,4 al 30,1) e ridotto il rischio di povertà (dal 19,2 al 18,4%)".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti