Così è nato il piano anti-cash: perché "cancellano" i contanti

L’introduzione del tetto al contante ha come obiettivo quello di frenare l’evasione e il riciclaggio. Così si combatte anche la criminalità organizzata

Tra pochi giorni scatterà la riduzione del tetto al contante: nuovo limite 2mila euro. Il governo ha varato questa misura con la legge di Bilancio del 2020. E ha come obiettivo combattere l’evasione fiscale e il riciclaggio di denaro sporco da parte delle mafie. Inibire la circolazione del contante, per molti, (ci sono autorevoli studi che smentiscono questa teoria) è un’esigenza per contrastare alcuni tipi di reati.

In primo luogo, quelli della criminalità mafiosa, ma anche la corruzione. Oltre che il lavoro nero. "In un momento di crisi come questo, limitare l’uso del contante è fondamentale per evitare che la criminalità organizzata approfitti della difficoltà di aziende e cittadini", spiega al Fatto Quotidiano, Luca Tescaroli, 55 anni, procuratore aggiunto a Firenze. Persegue i reati della criminalità organizzata e quelli dei colletti bianchi da quando era a Caltanissetta e poi a Roma. Da mesi sostiene che porre un limite alla circolazione del contante non serva solo a combattere l’evasione, ma sia anche uno strumento investigativo fondamentale: "Più il denaro è tracciato più si possono scoprire attività illecite".

La prima legge con lo scopo di limitare l’uso del contante per prevenire l’attività di riciclaggio risale al 3 maggio 1991. Nacque da un'idea di Giovanni Falcone. Già allora Falcone aveva capito che era importante limitare l’uso del contante nella lotta alla mafia: chi ha grosse disponibilità di liquidi le può inserire senza limiti nel mercato e nell’acquisto di società.

Per molti la liquidità è un elemento caratteristico della corruzione nel versamento delle tangenti. Un motivo in più per frenare il contante. Le banconote vengono usate anche per l’evasione: così si evitano fatture e il passaggio di denaro avviene senza tracciamento. Per questo dobbiamo limitare la circolazione di contante.

C’è uno scontro ideologico su questo punto. Per molti, tra cui Unimpresa, la riduzione del contante in un periodo di crisi come quello che stiamo vivendo ora ha l’effetto di frenare i consumi (già deboli). Provocando un ulteriore indebolimento dell’economia. Ma Tescaroli non è d’accordo. Per lui in questo momento di crisi il ruolo delle mafie viene avvantaggiato ancora di più. C’è una carenza di liquidità e chi ne ha disponibilità senza limiti può incidere sul mercato dei capitali impadronendosi delle società in difficoltà che hanno bisogno di denaro. "Per contrastare questo fenomeno lo Stato deve veicolare risorse con velocità ed efficienza e poi serve l’attività di controllo", spiega sempre al Fatto.

La riduzione della soglia del contante servirebbe anche a imporre il tracciamento: più i controlli sono puntuali e più si può evitare che finiscano in mani sbagliate. Quando i trasferimenti sono tracciati e non avvengono in contanti, si possono scoprire le attività illecite. "Altrimenti - conclude Tescaroli - diventa difficile combattere la criminalità organizzata".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Dom, 28/06/2020 - 17:28

Se vogliono limitare i pagamenti in nero l'unica strada è quella di rendere deducibili dal reddito e non detraibili tutte le spese sanitarie, di manutenzione (imbianchini, muratori e soprattutto idraulici), commercialistiche e legali che opprimono gli italiani. Al contrario, il piddì (Zingaretti e c) VUOLE ELIMINARE le attuali detrazioni!!! Che vogliano dare una mano al sommerso???

agosvac

Dom, 28/06/2020 - 17:29

Oggi come oggi le grandi acquisizioni di aziende si fanno non usando neanche una banconota. Si utilizzano canali telematici fuori dall'Italia, pertanto questo articolo dice solo stupidaggini. Oggi, in Italia, il contante lo utilizzano solo le persone che non hanno un c/c. E' gente povera che, spesso, vive con pensioni sociali. Ovviamente possono tranquillamente continuare ad usare il contante visto che difficilmente per la spesa possono spendere più di 2 mila euro che, per loro, sono solo un sogno. In tutti i Paesi fortemente industrializzati, tipo gli usa, quando l'economia è in crisi il Governo immette contanti nel mercato. Credo che togliere il contante dal mercato sia una totale scemenza. L'uso dei pagamenti elettronici deve essere una libera scelta dei cittadini, non un'imposizione. L'evasione fiscale non si è mai combattuta limitando i contanti ma con i controlli.

rawlivic

Dom, 28/06/2020 - 17:31

BALLE BALLE BALLE!!! elimninare il contante servo solo per togliere liberta' alle persone e rendere soggiogate ai governi che verranno. Il toiranno potra' mettere mano nei conti correnti dei cittadini quando e come vuole, addirittura vincolando l'accessibilita' al denaro in funzione di gradimento politico, sul modello cinese dei crediti sociali. Un popolo senza contanti e disarmato e' schiavo e destinato a soccombere!

bernardo47

Dom, 28/06/2020 - 17:32

Vi è un solo modo per combattere evasione....ma fingono di non capire e cioè, mettendo in conflitto interesse del committente e del prestatore di opera.....consentendo di portare le fatture in dichiarazione dei redditi,con un congruo recupero fiscale a favore del committente .......evasione scomparirebbe e gran parte del nero pure! Ma fingono di non capire!

Ritratto di wilegio

wilegio

Dom, 28/06/2020 - 17:34

Pisellate! (Baby Herman in "Chi ha incastrato Roger Rabbit?). La mafia, la delinquenza comune e soprattutto i cinesi, che arrivano in qua con le valigette di contante per comprare le nostre aziende, se ne fregano ampiamente del limite di contante. Per "ripulire" grosse somme ci sono mille modi, dai paradisi fiscali (senza neanche bisogno di uscire dall'europa) alle squadre di calcio. Chi rimane danneggiato sono, come al solito, i consumatori e i piccoli esercenti. Ma tanto quelli che stanno indecorosamente governando non sono minimamente interessati ai problemi del loro Paese.

GeoGio

Dom, 28/06/2020 - 17:46

scusi mi vende un kg di droga? quanto fa? 100 mila? le faccio 50 pagamenti in contante da 2000 anziche darle tutto insieme. cominciamo? uno..due..

necken

Dom, 28/06/2020 - 17:58

bernardo47 17,32:sono sostanzialmente daccordo detrarre dall'Irpef le fatture tracciate per manutenzioni ordinarie ed affini aiuta a combattere l'evasione ed a creare lavoro vero limitando ovviamente le deduzioni in conto Irpef prorata ma nessun politico l'ha proposta finora non capisco perchè? invece di pensare sempre a condoni che sono uno schiaffo gli onesti

tormalinaner

Dom, 28/06/2020 - 17:59

La limitazione del contante serve solo a controllarci perchè se mettono le mani sul portafoglio ci privano della libertà. Non serve a nulla perchè le associazioni delinquenziali da anni non lo usano più e l'economia spicciola basata sul contante ha tutta la filiera da produttore a consumatore quindi il limite non incide.

Ritratto di marystip

marystip

Dom, 28/06/2020 - 18:07

Il discorso sarebbe molto lungo, cmq per eliminare l'evasione l'unica strada è far pagare tasse eque a tutti e permettere di far dedurre dai redditi alcune spese ricorrenti (riparazione auto, casa, impianti, ammodernamento) delle famiglie. Oltre a questo è basilare che lo Stato spenda di meno per dipendenti pubblici, dirigenti, corti, Enti, funzionari, burocrati, parassiti vari, parlamentari, e tutto quello che gli gira intorno. Si tratta di tremilioni di dipendenti, mica uno!

flip

Dom, 28/06/2020 - 18:08

Quando Di Maio vendeva le bibite allo stadio, quanti scontrini fiscali HA rilasciato? NESSUNO!!" MAI!! PERCHE???? La risposta è banale. Quando si fanno certe suppposizioni idiote in particolare quelle SULL' iva!!!!, e sempre meglio documentarsi prima". Si evitano figure da pir-la!. Cercate di conoscere e capire le Leggi da voi stessi emanate! iN PARTICOLATRE QUELLA sull' IVA!!!! Un' Altra creti-nata che piace tanto al pd e 5 stalle . è l' evasione fiscale.... studite e capite le leggi !!!!

cgf

Lun, 29/06/2020 - 10:23

il problema non è solo cancellare i contanti, ma le scorte che dovremo pagare a certa gente per simili str*. Non è irrealistico pensare questo, basta vedere solo chi sono coloro che non hanno accesso alle banche, a parte tanti che vivono alla giornata, tutti quelli che hanno precedenti penali o sono tuttora ancora in carcere.

Italia_libera

Lun, 29/06/2020 - 11:38

Limitare e' segno di "dittatura".In questo caso,chi ha chiesto di non utilizzare l'uso della moneta sia cartacea che metallica? Se costa troppo stamparla detto "signoraggio" che paga chi chiede denaro,sara' il caso che l'utilizzo di carte di "plastica" che devono essere riciclata costa.....mentre la carta moneta si puo riciclare e riciclare fino all'usura........