Gentiloni "stana" Conte. Il pressing sulla manovra. Ecco cosa c'è dietro

Il commissario all'Economia Paolo Gentiloni è stato chiaro: "L'Italia preservi sostenibilità di bilancio nel medio termine". La manovra del governo nel mirino dell'Ue

Non è una bocciatura esplicita, quanto piuttosto un avvertimento. Ma tanto è bastato a far scattare l'allarme tra i corridoi di Palazzo Chigi. "Considerando il livello del debito, è necessario che l’Italia, ogniqualvolta prende misure, preservi la sostenibilità di bilancio nel medio termine", ha sottolineato il commissario europeo all'Economia Paolo Gentiloni parlando della manovra appena sfornata dal governo giallorosso.

L'avvertimento di Gentiloni

Altro che Europa amica, vicina ai Paesi membri alle prese con l'emergenza Covid. Bruxelles non sembrerebbe essere intenzionata a fare sconti a nessuno, soprattutto a una nazione come l'Italia, già osservata speciale per i suoi conti ballerini. La manovra italiana è infatti finita nel mirino dell'Ue per due ragioni: contiene misure non temporanee o non finanziate da coperture. Tra le parole di Gentiloni si può dunque leggere un consiglio ben preciso rivolto all'esecutivo nostrano: inizi a mettere i conti sotto controllo.

Calcolatrice alla mano, la manovra dell'Italia per il 2021 contiene misure non temporanee o non finanziate da coperture pari all'1,1% del pil. Un valore troppo alto che ha insospettito la Commissione europea, sempre attenta a vigilare sulle mosse dei Paesi membri. Secondo quanto riportato da Repubblica, le parole di Gentiloni non indicherebbero una netta stroncatura da parte di Bruxelles, anche perché l'Ue, dall'inizio della pandemia, ha sospeso il Patto di stabilità e incoraggia i governi a spendere per contrastare la recessione economica.

Il commissario Gentiloni è stato chiaro: "Non si tratta di un giudizio negativo nel merito, in questa fase non si richiede alcuna nessuna correzione (dei conti ndr)". Attenzione però, perché "dato il livello del debito, è importante che l’Italia, quando prende misure, preservi la sostenibilità di bilancio nel medio termine". Come dire: Roma dovrà essere pronta a tornare su "posizioni prudenti" non appena la situazione si sarà ristabilita.

Italia osservata speciale

Italia e Francia sono i due osservati speciali della Commissione europea, la quale, tra l'altro, preparerà un'analisi proprio sugli squilibri macroeconomici italiani. Come se non bastasse, ai fini dei conti italiani, sarà importante capire quando verrà riattivato il Patto di Stabilità. Due sono le opzioni: nel 2022, come richiesto dai falchi, o nel 2023, come invece sostenuto dalle colombe.

In mezzo a tutto questo Gentiloni ha fatto capire chiaramente che i debiti non si cancellano. Neppure quelli generati dalle misure prese dai vari governi per mitigare gli effetti economici della pandemia di Covid. Dunque Bruxelles inizia già a preoccuparsi su come far calare l'indebitamento dei partner Ue. "C’è il problema di come rivedere il Patto, nel 2021 ci ritroveremo con un debito Ue superiore al 100% del Pil ed è chiaro che le norme andranno adeguate con maggiore gradualità alla situazione", ha fatto sapere Gentiloni. Intanto la pandemia continua a colpire l'economia dell'Europa e del mondo intero.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

grigonero

Gio, 19/11/2020 - 10:17

L'Italia è solo tutelata se riceve i cosiddetti "migranti", ma di soldi in cambio nn se ne parla, aiuti che forse arriveranno sotto forma di prestiti capestro, questo governo sottomesso alla UE deve solo andarsene in quanto non ci tutela da nessuna parte. Gentiloni poi mi piace molto x quanto fa x la sua patria... Vedi altri commissari UE....

DRAGONI

Gio, 19/11/2020 - 10:19

L'AUTOPROCLAMATOSI AVVOCATO DEL POPOLO ITALIANO , GIUSEPPI, SENZA ALCUNA RELATIVA INVESTITURA DEMIOCRATICAMENTE RICEVUTA OVVERO TRAMITE ELEZIONI A CUI NON HA MAI PARTECIPATO , ORAMAI E' UN RE NUDO CERTAMENTE SENZA ALCUNA FUTURA POSSIBILITA' DI INTERFERIRE PIU' NELLA VITA DEGLI ITALIANI.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Gio, 19/11/2020 - 10:55

(1) Ovviamente Il Giornale è contento se i burocrati dell'Unione eurodemenziale stanano e finanche minacciano l'attuale governo italiano se esso non si attiene a quelli che vengono ritenuti dogmi economici ai quali non si può derogare. Qualcosa dice che, se al posto del governo sinistroide ci fosse stato il governo del moderatume e con proposte addirittura più pervasive, costose e coraggiose di quelle che può mettere in campo l'attuale governo, ebbene si è alquanto sicuri che Il Giornale, in questo caso, avrebbe attaccato duramente i burocrati eurodemenziali. Insomma il solito, stucchevole giochino delle parti... Quello che lentamente contribuisce, in maniera determinante, ad affossare il paese.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Gio, 19/11/2020 - 10:56

(2) Evidentemente alla redazione de Il Giornale non importa nulla se un certo Mattarella cerca di tenere unito un paese allo sbando. Impresa, quest'ultima, praticamente impossibile tenendo conto dell'attuale dominio della Legge della Giungla. Inutile aggiungere che il ricatto dei burocrati è evidente: “Vi daremo tutti gli aiuti possibili ma il presupposto è che l’Italia si faccia invadere dalle orde barbariche”. Come se l’invasione barbarica non fosse un decisivo fattore in grado di disgregare qualsiasi paese.

Happy1937

Gio, 19/11/2020 - 10:57

C'è dietro che, se gli impieghi del denaro saranno quelli che proporrà questo governo di inetti pellegrini, l'Europa non ci darà neppure un centesimo dei fantastiliardi di cui Giuseppi si fa bello.

leopard73

Gio, 19/11/2020 - 11:24

L'italia è diventata uno STATO che sarà sempre sotto ricatto della UE perché abbiamo sempre avuto una politica corrotta e MARCIA sperperano soldi ovunque, vi immaginate un ITALIA che ha costretto le imprese a migrare in Cina per produrre!!! Siamo al paradosso TOTALE della POLITICA parassitaria e MARCIA.

Iacobellig

Gio, 19/11/2020 - 11:32

Un fallito incapace a Bruxelles! Vergogna per l’Italia.

Ritratto di VenCom

VenCom

Gio, 19/11/2020 - 11:33

@leopard73 l'Italia sarà sempre sotto ricatto economico perchè ha un debito che da sola non potrà mai saldare. O forse pensi che i "BOT di guerra" proposti da quel genio di Salvini (sto ridendo ancora adesso) ci salvino?

Indifferente

Gio, 19/11/2020 - 11:48

Tranquilli, parla di medio termine. Traduco: quando (nel 2023) governerà la destra, vi massacreremo. Per ora spendete e spandete, indebitatevi ed accetatte passivamente qualunque iniziativa dovessimo annunciare. Sarà ovviamente a favore di Stati e contro di voi, staterello vassallo. Ma l'acectterete e zitti. In cambio qualche poltroncina per ex esponenti PD..come dall'inizio della dittatura Uè-Uè..

Morion

Gio, 19/11/2020 - 12:09

Stanato tipo cinghiale. Risata galattica!

stefano.f

Gio, 19/11/2020 - 12:40

Fuor di dubbio che appena sarà rientrato operativo il patto di stabilità il paese dovrà fare quanto è stato chiesto di fare ad altri paesi quali Irlanda,Portogallo e Grecia. Non c'è nessun motivo per il qiale questo paese deve avere trattamenti diversi e non sarebbe comunque accettato (giustamente) dagli altri paesi.

Ritratto di asso_idefix

asso_idefix

Gio, 19/11/2020 - 13:08

Leopard 73, giusto! da quando in qua un'impresa può subire impassibile la concorrenza di una che ha un decimo dei suoi costi? La Globalizzazione ci ha portato a questo paradosso insanabile. Per pareggiare i conti dovremmo esportare in Cina anche i nostri sindacati, il nostro welfare, la nostra politica energetica ed ecologica (loro bruciano il loro carbone alla grande), la nostra mentalità "tarallucci e vino"e i nostri mascalzoni della politica (tutti, di destra e di sinistra). Per questo alcune delle nostre imprese disperate sono emigrate in Cina, è una questione di pura sopravvivenza.

Ritratto di asso_idefix

asso_idefix

Gio, 19/11/2020 - 13:09

Stefano.f, Verissimo!

necken

Gio, 19/11/2020 - 13:48

come può pensare che la UE conceda fondi a perdere o a prestito senza una rigorosa politica di bilancio. Per i cittadini che pagano le tasse ciò mi sembra doveroso

bistecca

Gio, 19/11/2020 - 13:54

@ Alsikar. "Vi daremo tutti gli aiuti possibili ma il presupposto è che l’Italia si faccia invadere dalle orde barbariche”. Rinnovo la mia proposta di costruire centri di accoglienza sul confine con Francia, Austria e Svizzera (per andare in Germania) e poi dimenticare aperti i cancelli. Sono convinto che cambierebbero idea, quelli che comandano.

gionnn

Gio, 19/11/2020 - 14:02

gentiloni scende dalle nuvole non sa niente degli amici di merende

Ritratto di cuoreitaliano

cuoreitaliano

Gio, 19/11/2020 - 14:18

Federico Giuliani in quanto vecchio lettore, già cartaceo ,di questo quotidiano sin dalla sua fondazione ti chiedo per piacere perchè usi "pressing"in italiano puoi scrive in molti modi : 1) paro paro pressione 2) azione incalzante ecc... Prima che muoio me lo fai un regalo ? Scrivi un solo articolo senza fonemi angloamericani ,tralaltro inutili! GRAZIE MILLE Non mi censurate prego nessuna offesa nessun turpiloquio...

leopard73

Gio, 19/11/2020 - 14:37

VENCOM: se tu leggi bene la mia chat collina con la tua la parola ricatto vuol dire TUTTO questione di SOLDI!!!!