Pensioni, scippo da gennaio. ​Tagli per invalidi e vedove

L'Inps prepara gli importi per il 2020 e arrivano le sforbiciate sugli assegni di reversibilità (e non solo)

Sulle pensioni ci sono grosse novità a partire da gennaio. I cambiamenti più importanti riguardano le pensioni di invalidità e quelle di reversibilità. Infatti col governo giallorosso restano sul campo le cesoie degli ultimi anni. Come riporta Italia Oggi, per quanto riguarda l'assegno di invalidità, di fatto dall'1 gennaio 2020, in presenza di altri redditi, verrà corrisposto al 75 per cento del totale nel caso in cui siano presenti altre entrate da lavoro pari a 4 volte il trattamento minimo. Nel caso in cui l'invalido percepisca un reddito che supera 5 volte il trattamento minimo, allora riceverà un assegno al 50 per cento del valore assoluto. E fin qui la situazione che riguarda gli invalidi. Ma vediamo adesso come stanno le cose per chi ha perso un coniuge. In questo caso ci sarà una riduzione dell'assegno anche in presenza di redditi Irpef. E in questo quadro vanno sottolineate le riduzioni sugli importi. Verrà corrisposto un assegno al 25 per cento con un reddito che supera 4 volte il minimo fissato dall'Inps, circa 26.700,00 euro. In seguito poi si va al 40 per cento con un reddito entro 5 volte il minimo (circa 33.479,55 euro), al 50 per cento se il reddito invece supera cinque volte il minimo. Insomma con il nuovo piano varato sul sistema previdenziale, una vedova che percepisce uno stipendio o una propria pensione potrebbe ricevere un assegno al 30 per cento al posto di uno fissato al 60 per cento.

Ma queste sono solo alcune delle novità previste per gli assegni. Infatti con l'inizio del nuovo anno ci saranno anche gli adeguamenti al costo della vita fissati allo 0,4 per cento. Il dato effettivo però si avrà solo a metà gennaio e dunque potrebbero scattare nuovi ricalcoli sugli assegni con un conguaglio in senso positivo che però arriverà sul rateo della pensione solo con il primo accredito del 2021. Restano poi sul campo i blocchi alle rivalutazioni che di fatto penalizzeranno e non poco diversi pensionati. Anche nel 2020 verrà confermato lo schema del 2019: per le pensioni superiori a 3 volte il minimo e inferiori a 4 la rivalutazione sarà del 97%, del 77% per gli importi tra 4 e 5 volte il minimo, del 52% tra 5 volte e 6 volte il minimo, del 47% oltre 6 volte, del 45 oltre 8 volte e solo del 40% oltre 9 volte il minimo. Il governo, dopo una trattativa con i sindacati, aveva aperto all'ipotesi di rivalutare al 100 per cento e non al 97 gli importi fino a quattro volte il minimo. Si tratta però di un cambiamento minimo che porterà nelle tasche dei pensionati tra i due e i tre euro in più. Vere e proprie briciole per una categoria che combatte tutti i giorni con il costo della vita perdendo sempre di più il potere di acquisto. E nel 2020 sarà guerra tra i sindacati dei pensionati e il governo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cgf

Sab, 28/12/2019 - 09:40

e 'loro' si aumentano lo stipendio

Calmapiatta

Sab, 28/12/2019 - 10:07

Certo, nell'Italia antifascista, nell'Italia di sx, nell'Italia dei canterini di "bella ciao", nel paese culla del Cattolicesimo...pare ovvio che si colpiscano sempre i più deboli mentre i più forti diventano sempre più forti. Il tutto grazie a forze politiche che ancora, non si sa a che titolo, si definiscono di sx, popolari e rivoluzionarie.

moichiodi

Sab, 28/12/2019 - 10:11

In pratica il giornale ci dice che l'INPS odia vedove ed invalidi. A prescindere da boeri o tridico. E il bello è che non mancheranno commenti.

tremendo2

Sab, 28/12/2019 - 10:11

democraticamente è impossibile una inversione di rotta. Bisogna scegliere: o governabilità, o privilegi mascherati da democrazia.

Ritratto di emo

emo

Sab, 28/12/2019 - 10:27

Non c'è che dire, grandi statisti e politici, anche questa volta hanno saputo trovare i fondi per i loro compensi e per quelli dei commessi delle camere. Maledette sanguisughe ingordigia e vigliaccheria

amedeov

Sab, 28/12/2019 - 10:34

Però per i clandestini i soldi ci sono

Ritratto di antonio4747

antonio4747

Sab, 28/12/2019 - 10:44

Nell'articolo vi è un errore nella valutazione dei tagli alle pensione di reversibilità: il 25, 40 e 50 % non può essere il corrispettivo della pensione erogata ma riguarda il taglio sul 60% spettante per reversibilità, più alto è il valore dell'altro reddito posseduto, maggiore è il taglio della pensione del decuius. Comunque è una vergogna. Prima se ne vanno a casa prima torneremo a vivere una vita normale, questa accoppiata di governo è nociva per l'Italia.

Ritratto di Azo

Azo

Sab, 28/12/2019 - 10:47

Dal loro stipendio, danno una percentuale al loro partito, ma per il ceto più basso, i bisognosi, devono arrangiarsi!!! """BEL LAVORO STA FACENDO L`AVVOCATO DEL POPOLO ITALIANO PER LE BANCHE EUROPEE""!!!

maxxena

Sab, 28/12/2019 - 10:54

gent.mo moichiodi Sab, 28/12/2019 - 10:11 in effetti i media utilizzano le notizie a proprio uso e consumo, ma ,se questi dati verranno confermati , allora l'odio verso invalidi e vedove/i non proverrebbe dall'Inps ma direttamente dal governo "del popolo"...che tanto protegge i più deboli.

bernardo47

Sab, 28/12/2019 - 11:00

Per le reversibilità tagliate, va ringraziato il sig. Dini del 1995.......

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 28/12/2019 - 11:01

@tremendo2 e @amedeov - avete ragione tutti e due.

salmodiante

Sab, 28/12/2019 - 11:09

Ieri Bernardo47 mi ha massacrato sul problema reversibilità, oggi la sorpresina della riduzione di circa un 20% delle reversibilità attuali, chiaramente perché i gaglioffi al governo stanno nascondendo un fatto incontrovertibile, che nonostante le tasse al 42% del reddito, il gettito diminuisce perché il lavoro scarseggia e si fanno troppi regali alle clientele.Le pensioni sono cosa diversa dell' assistenzialismo e dalla tassazione, proporzionale al gettito fiscale. La reversibilità va legata al cumulo dei contributi versati al netto di quanto erogato al coniuge deceduto. In difetto scatta un contributo sociale, troppo difficile vedere la realtà. In attesa del nuovo massacro di Bernardo47, gli anticipo che mi alzo alle 06.00 per lavorare con compiti di responsabilità da oltre trent' anni, versamenti reali non figurativi, non sono un fancazzista del reddito di cittadinanza.

Ritratto di massacrato

massacrato

Sab, 28/12/2019 - 11:24

Articolo NEBULOSO, e ringrazio ANTONIO4747 per il chiarimento. In ogni caso la sostanza conferma l'azione (a torto o ragione) del governo verso taluni ceti che NON POSOONO PIU' DIFENDERSI.

salmodiante

Sab, 28/12/2019 - 11:25

In base ada indagine della Pension Outlook 2018, in Italia risultavano 4,4 milioni di percettori di pensioni di reveribilità, per oltre 44 mld, circa il 15% della spesa pensionistica. La reversibilità, nel caso di differenza di età superiore al 20% fra i coniugi, fu penalizzata con la LEGGE ANTI BADANTI emanata dal GOVERNO BERLUSCONI nel 2011 e successivamente RITENUTA INCOSTITUZIONALE e rimborsata dall' INPS con BOERI, governo di sinistra! La reversibilità deve essere legata al residuo di quanto effettivamente versato. Non scandalizzatevi, la reversibilità non esiste in Nuova Zelanda, Canada e Regno Unito, paesi democraticissimi e con sistema di welfare migliore dello scassatissimo servizio offerto dall' INPS.

bernardo47

Sab, 28/12/2019 - 11:26

Inps applica la legislazione vigente e nel caso di invalidità e vedove,era legislazione Dini previgente. Altra storia è quella delle rivalutazioni oltre 4 volte la minima inps(circa 2000 euro lordi e cioè circa 1450 euro netti); oltre quella soglia,la rivalutazione non è al 100%, ma è ridotta man mano che si sale negli i porti lordi. Ma va ringraziato il sig. Letta prima e in particolare il sig. Renzi poi, che nego ‘ il legittimo diritto dei pensionati alla applicazione della sentenza costituzionale 70/15, e che poi manipolo ‘ sulla stessa Corte Costituzionale senza vergognarsi! La nuova legge di stabilità comunque,dal gennaio 2022 ripristina il sistema di rivalutazione delle pensioni derivato da quella sentenza della suprema Corte,seppure dopo ben 12 anni dal decreto Monti di blocco che ha implicato una svalutazione del potere di acquisto delle pensioni di oltre il 10/15%......

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Sab, 28/12/2019 - 11:41

all'egrg.sig.(sic)bernardo47:quelli scoperti con il reddito di cittadinanza,e che avevano il loro in nero,sono evasori???

xfredix

Sab, 28/12/2019 - 11:44

ma di cosa vi preoccupate? adesso arriva Salvini&Meloni che sistemeranno tutto e, in poco tempo, l'italia tornerà il paese più bello del mondo, dove i pensionati riceveranno aumenti esagerati, il lavoro non mancherà, i treni saranno bellissimi e arriveranno puntuali, e scomparirà il debito pubblico di 2.400 miliardi, ecc.

necken

Sab, 28/12/2019 - 11:45

l'Italia rimane comunque il Paese dove il monte pensioni generale erogate dallo stoto è fra i elevati in Europa comparati con il PIL. Peccato che lo stato debba far tornare i conti di bilancio altrimenti potremmo essere tutti più abbienti magari lavorando pure meno e pagando meno tasse...

buonaparte

Sab, 28/12/2019 - 11:47

e certo ce da dare le pensioni agli stranieri che dopo poco mesi fanno i ricongiungimenti con un semplice permesso di soggiorno dei loro genitori che dichiarano di avere 65 anni e senza aver mai versato un contributo si portano a casa 480 euro che al loro paese sono come qua 4000 euro. e poi qualche pezzente di politico di sinistra ci dice che ci pagano la pensione . follia

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 28/12/2019 - 11:50

Meno male che siamo a tasso zero. Volevo vedere se invece ci fosse stato un'inflazione del 10% come la mettevano con le casse sempre le stesse e le pensioni aumentate con gli scatti per il costo della vita.Il problema che non avete capito tutti. Se il costo della vita aumentava del 5%, gli stipendi aumentavano del 3 o 4% Ora l'inflazione è zero quindi le pensioni e stipendi scendono o non salgono. Ma quali aumenti chiediamo, dobbiamo ringraziare che prendiamo già questi.

Elizabet

Sab, 28/12/2019 - 12:11

Il governo arraffa sempre dai più bisognosi e dagli indifesi. Politici! Fatevi un esame di coscienza e iniziate a mettere mano ai vostri portafogli!!!

ziobeppe1951

Sab, 28/12/2019 - 12:25

Quello che più mi dispiace è il taglio per gli invalidi...penso che Nahum sia d’accordo con me

caren

Sab, 28/12/2019 - 12:42

Eg. Bernardo, è ora di smetterla di fare retorica, cioè la colpa è di quello, la colpa è di quell'altro, è sempre colpa di qualcuno che ci ha preceduto. No, ognuno deve assumersi responsabilità sul presente, su ciò che si sta facendo ora. Troppo comodo dare addosso a chi c'era prima. Esempio figurativo: chiamo il muratore per raddrizzare un muro storto e quello mi risponde che non può farci niente, perché quel muro non l'ha fatto lui. Capito?

Albius50

Sab, 28/12/2019 - 12:49

In teoria la BORGONZONI/SALVINI possono approfittare dell'aiuto del GOVERNO, la Regione è piena di pensionati e VEDOVE e ha questo punto possono anche dimenticare che votavano PD.

Ritratto di Coralie

Coralie

Sab, 28/12/2019 - 14:00

@antonio4747. Esatto! Come al solito chi scrive questi articoli sul Giornale riguardo le pensioni, non e' chiaro nella sua esposizione e gli errori di calcono, o di attribuzione, ed il presente articolo lo dimostra. A rigor di logica, anche un banbino capirebbe che le percentuali esposte per quanto riguarda i tagli sulle pensioni di reversibilita', non sono esposte ed attribuite in modo corretto. Infatti come puo' l'importo di un assegno aumentare rispetto all'aumento del minimo.

bernardo47

Sab, 28/12/2019 - 15:27

Carmen,lei deve imparare ad inquadrare le responsabilità e stia sicuro che le cose stanno come io le ho indicate e le persone hanno imparato a colpire i politici che le colpiscono!visto i pensionati che mazzo hanno fatto a Renzi? E ora a dimaio dopo la buffonata del reddito di nullafacenza? E così via..impari a discernere e studiare anche un po’ magari.....chi colpisce deve sapere che verrà colpito nelle urne!

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Sab, 28/12/2019 - 16:18

Fasce deboli,pensionati e invalidi sempre nel mirino dell'INPS mentre per i clandestini il portafoglio è sempre aperto. Non avete ancora visto l'ira di chi contribuisce a questo sistema essendo ricattati.

Hegodamasck

Sab, 28/12/2019 - 16:24

Con tutti i finti invalidi che ci sono in giro e con quelli con il doppio lavoro in nero,mi sembra il minimo!!! comunque l’articolo è scritto male aumentare l’assegno con l’aumento del minimo??

bernardo47

Sab, 28/12/2019 - 17:19

anticalcio, quelli che percepiscono il reddito di cittadinanza col lavoro al nero o con documentazioni fraudolente, rubano agli altri, come fanno anche gli evasori fiscali! Gente da debellare quella! sono ladri!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 28/12/2019 - 17:23

e chi prende 528 euro al mese che fine gli faranno fare?

caren

Sab, 28/12/2019 - 17:24

bernardo, intanto io sono caren e non Carmen, e poi cosa dovrei studiare, non c'è proprio niente da studiare. Tu hai scritto solo ovvietà palesi, ma resta il fatto che le leggi, quando serve e per far progredire il Paese, devono essere cambiate ad ogni "cambio di governo", il chè significa che il politico che ha fatto la legge sbagliata, è stato trombato nelle urne, mi sono spiegato? Rileggi bene il mio commento, che è chiaro in proposito.

trasparente

Sab, 28/12/2019 - 17:36

Invalidi al macello perché i soldi servono per gli amici diversamente bianchi.

Trinky

Sab, 28/12/2019 - 17:49

Chierdete a quel buffone che si definisce primo ministro se sa quanto prende di pensione di invalidità un invalido al 100%............ Solo che lui deve pagarsi vistto e alloggio mentre le sue risorse clandestine no!

scurzone

Sab, 28/12/2019 - 21:01

Buonaparte le pensioni agli stranieri si danno grazie alla Legge che fece il caro Berlusca nel lontano 2001, ma chi ci pensava allora agli stranieri? Meglio una bella legge comunista alzando ad un milione la pensione sociale, di chi non aveva mai versato alcunché, alla faccia di chi aveva sempre versato e andava a percepire addirittura di meno! L'unico che ha dato in questo blog una risposta competente è salmodiante: per gli altri direi che stanno parlando del nulla, visto che non hanno capito alcunché delle nuove disposizioni governative concernenti le pensioni di reversibilità e invalidi. E poi di quale scippo si tratta, visto che chi percepisce pensioni di reversibilità o di invalidità non ha mai versato nulla in quel fondo???????????

Ritratto di ex finiano

ex finiano

Sab, 28/12/2019 - 21:03

L'importante è buttare i soldi del reddito di cittadinanza dalla finestra, poi se rapinano continuamente gli italiani chissenefrega!

Ritratto di cape code

cape code

Sab, 28/12/2019 - 21:12

xfredix Di sicuro Meloni e Salvini non tartassano i poveracci come il governo piddiotamerdastellato, e' bene che te lo metta in testa.

bernardo47

Sab, 28/12/2019 - 22:59

caren cerchi di riflettere meglio. Le cose stanno proprio cosi' purtroppo e i politici vanno ricordati per quello che hanno fatto e colpiti nelle urne! come accaduto a renzi prima e a di maio alle europee. Al prossimo giro, i gialloverdi del reddito di nullafacenza a sbafo e spesso truffaldino, pagato con le nostre tasse e col debito, come pure quota cento che pochi chiedono perche' e' una discreta fregatura, pagheranno dazio! Se lo scriva.

aldoroma

Sab, 28/12/2019 - 23:20

Reddito di cittadinanza e gli invalidi e vedovo decurtati Italiani.... Dormite???

ADAMS

Dom, 29/12/2019 - 17:28

Per invalidi e vedovi non cambia nulla: le tabelle con le percentuali di riduzione che si applicano a chi ha redditi superiori a tre, quattro o cinque volte il minimo pensionistico sono identiche dal 1995. La circolare Inps non fa altro che aggiornare il valore delle pensioni minime. Nessun taglio. L'autore dell'articolo ha fatto pessima figura, ora dovrebbe smentire con altrettanto spazio.