Perché questo non è il solito barbiere

Un'oasi nel cuore di Milano: Signor San è il rifugio dell'uomo moderno alla ricerca di un tuffo nel passato e della quiete per la cura di barba e capelli

Perché questo non è il solito barbiere

"Appartengo a un mondo in cui il lettino dell'analista aveva sede dal barbiere e alle nevrosi si rispondeva con la passione". Ettore Scola molto probabilmente si sarebbe accomodato su una della poltrone di Signor San in via Doninzetti 2 (qui tutte le info), la nuova barberia a Milano dove il gusto vintage incontra il sapore dell'Oriente. Il taglio dei capelli e la cura del viso, all'interno del nuovo punto vendita lanciato da Sebastiano Liso insieme al designer Andrea Incontri e alle sapienti mani di Rocco Siliberto, rispecchia perfettamente il gusto per un tuffo nel passato legato alla ritualità tipica del Giappone. Un'oasi in mezzo alla città dove il cliente ha la certezza di trovare uno staff interamente dedicato alla cura del viso.

Non è il solito barbiere

Non è il solito barbiere. E i motivi sono tanti. Innanzitutto dietro Signor San c'è un'idea molto precisa, un progetto ricercato che cerca di soddisfare la richiesta, sempre più crescente, di un luogo in cui prendersi cura di barba e capelli ma all'interno di una bolla di total relax. "Abbiamo voluto questo ritorno alle origini per riscoprire il piacere di una sosta dal barbiere. Un luogo in cui ritrovare se stessi prendendosi una pausa dal vortice della vita quotidiana", spiega Sebastiano Liso. E ancora: "Nel nostro punto vendita c'è anche una grande attenzione ai prodotti che accompagnano ogni trattamento. La parola d'ordine è il vetro e nessuno spreco nel rispetto dell'ambiente". La cura dei capelli e quella della barba incontra l'essenza della lavanda e il profumo di mandorla dolce. L'Oriente si intreccia con la tradizione italiana della barberia.

La rasatura e i massaggi

"L'idea di questo punto vendita è nata dopo una esperienza in Giappone. L'attenzione per gli spazi e l'arredamento ma anche la possibilità di rilassarsi con i massaggi coniugano la professionalità italiana per la cura del corpo con il concetto di bellezza che arriva dall'Oriente", afferma Incontri. Le tipologie di massaggi sono tre: anti-caduta, relax e nutriente. Ma uno degli elementi che fanno di Signor San un posto da provare assolutamente è la rasatura. Quella all'italiana dura circa 20 minuti. Il trattamento è accompagnato da una crema pre-barba, da un panno caldo poggiato sul viso prima e polo la rasatura. Il tutto si chiude con l'applicazione di un dopo barba disinfettante. Non finisce qui. Il trattamento "Signor San luxury shave" è un vero e proprio momento di meditazione. Dura circa 40 minuti con tre passaggi con impacco di olio pre-barba e panno caldo. Poi il balsamo viso, massaggio relax e panno fresco finale. Tra le novità c'è anche il taglio "Little gentelman", riservato ai bambini e ragazzi sotto i 14 anni. Un posto per tutte le età dove il cliente si ritrova immerso in uno spazio dai colori rilassanti corredato da un arredamento in cui le protagoniste sono le sedute firmate Takara Belmont.

Il rigore giapponese

Il rigore giapponese poi fai resto: assicura l'essenzialità e il "riposo" dal caos della città che corre. Milano ha trovato il suo punto di equilibrio. Signor San è un rituale che diventa parte integrante della quotidianità, il classico "appuntamento fisso" nel cuore di Milano per mettersi in pace con look e con se stessi. E dopo aver scoperto Signor San cercate di seguire le regole dell'agente Gibbs: a parte quella di cambiare barbiere, vanno mantenute tutte le promesse.

Commenti