La cifra oltre cui non è possibile fare un bonifico

Questo tipo di pagamento è tra i più sicuri. Grazie alla tracciabilità garantisce sia il creditore sia il Fisco. Ma ci sono dei limiti: ecco quali

La cifra oltre cui non è possibile fare un bonifico

Quando si fa riferimento al bonifico come forma di pagamento si indica uno degli strumenti di transazione finanziaria più sicuri. Il fatto che il denaro trasferito sia tracciabile mette al riparo da qualsiasi conseguenza negativa la persona che ha effettuato questo tipo di operazione, la quale, solitamente, non deve temere nulla da parte sia del Fisco sia dei creditori. Ma ci sono dei limiti sull’entità dei bonifici o si ha piena libertà su queste procedure?

Quando si è obbligati ad effettuare bonifici

Prima di tutto, gli accrediti di denaro tramite operazione bancaria o postale possono essere obbligatori o necessari. Rientrano nel primo caso gli spostamenti di denaro di almeno mille euro, mentre la seconda ipotesi è prevista se si ha l’obiettivo di usufruire di alcune detrazioni fiscali sulla dichiarazione dei redditi (visite mediche specialistiche e incentivi edilizi).

C’è un tetto massimo oltre cui non è possibile effettuare un bonifico?

Ritornando ai limiti entro cui è possibile trasferire soldi con un bonifico, la normativa non prevede cifre specifiche, quindi di può bonificare quanto si vuole. Chiaramente, più alto sarà l’importo, più è probabile che ci siano ispezioni da parte dell’Agenzia delle entrate, che farà delle verifiche incrociate per evitare che ci possa essere evasione fiscale. Le cose cambiamo se si tratta di un bonifico verso un conto estero. Due sono le cose da ricordare: i bonifici su un conto non aperto in Italia non possono superare i 12.500 euro. Qualora si vada oltre questa somma, come ricorda laleggepertutti.it è necessario presentare al Fisco la Comunicazione valutaria statistica (Cvs). Se accade il contrario, ossia se si fa un bonifico dall’estero su un contro italiano, non si devono superare i 15mila euro.

Il rapporto tra banca e correntista

L’altro aspetto da considerare è relativo al rapporto che si crea tra l’istituto di credito e il proprio cliente. Tutte le banche, oramai, fissano limiti sui bonifici da effettuare nell’arco di una giornata, questo per non incappare in frodi su internet. Ogni istituto di credito si comporta in maniera diversa e questi paletti, il più delle volte, sono anche personalizzati.

Commenti