La "rissa" su Quota 100 Ecco perché può saltare

Su Quota 100 si gioca la partita più dura della manovra. In campo anche Tridico: "Già risparmi per 2020 e 2021". Catalfo: "Non si tocca". I renziani insistono

Su Quota 100 ormai è scontro aperto nella maggioranza e nel governo. A sganciare la "bomba" è stato il vicecapogruppo alla Camera di Italia Viva Martinelli. I renziani hanno chiesto, senza usare giri di parole, lo stop totale a Quota 100. Una mossa che ha scatenato un vero e proprio putiferio a palazzo Chigi dove questa notte si è tenuto un vertice proprio sulla manovra e sulle eventuali modifiche alla riforma previdenziale. A frenare le mire renziane è il ministro del Lavoro, Catalfo, che ha chiuso le porte ad una modifica della riforma varata dal precedente esecutivo gialloverde: "Stiamo lavorando agli ultimi dettagli per definire la legge di Bilancio.

I renziani non governano da soli ma c’è una maggioranza. Quota 100 è una misura sperimentale e deve continuare fino al 2021". Parole durissime che accendono ancora di più lo scontro. Su questo fronte è intervenuto anche il premier Giuseppe Conte oggi in visita ad Avellino: "La ministra mi ha chiamato anche ieri, mi ha espresso la sua posizione, che è molto chiara: stiamo lavorando per trovare una soluzione, stiamo lavorando con i tecnici, sono continuamente aggiornato". Ma in questo quadro di stime e di calcoli sulle cifre va registrata anche la voce del presidente dell'Inps, Pasquale Tridico. Il numero uno dell'istituto di previdenza sociale ha spiegato quali saranno le risorse recuperate da Quota 100 con un abbassamento delle richieste: "Ci sono risparmi importanti per Quota 100, circa 2 miliardi nel 2020 e anche nel 2021, perchè c’è stata un’adesione inferiore rispetto a quanto previsto". Sulle eventuali modifiche alla riforma di fatto Tridico ha affermato che non sono decisioni che spettano al presidente dell'Inps. Una cosa è certa: la manovra si giocherà per gran parte sul tavolo delle pensioni. Un ritocco a Quota 100 potrebbe far esplodere definitivamente la tenuta dell'esecutivo. Di Maio è stato chiaro: "Quota 100 non si tocca. Il Movimento non voterà mai per l'abolizione".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Lun, 14/10/2019 - 12:58

Mandiamoli a casa diretti. Forza Italia. Shalòm.

bernardo47

Lun, 14/10/2019 - 13:00

un piccolo ritocco a quota cento, con spostamento limitatissimo a pochissimi mesi delle finestre di uscita, e' sostenibile, non e' la solita bischerata dello smantellamento posta dai renziani e da renzi e libera risorse che possono essere usate anche per le svalutatissime pensioni in essere dei nostri anziani. Sembrerebbe cosa seria e ragionevole! renzi la smetta di fare la inutile zanzarina, oppure se ha fegato, butti giu'' il governo assumendosene la responsabilita' davanti al paese, al Parlamento e al Capo dello stato!

agosvac

Lun, 14/10/2019 - 13:02

Lo Stato o il Governo, può rifiutare di pagare le pensioni agli statali o le pensioni senza contribuzioni. Ma se si rifiutasse di pagare le pensioni a chi ha regolarmente versato i contributi si tratterebbe di appropriazione indebita, ovvero un vero e proprio latrocinio. Credo che chiunque potrebbe fare causa e la vincerebbe. Non si può disporre dei soldi altrui!!!

yorkshire22

Lun, 14/10/2019 - 13:31

E' solo una sceneggiata in cui la spalla (Renzi) offre la battuta al comico (diMaio), per fargli prendere l'applauso. La misura fu voluta dalla Lega contro la Fornero. Che i 5s si tengano il merito del reddito di nullafacenza, vero gioiello alla Cipputi.

Ritratto di jonny$xx

jonny$xx

Lun, 14/10/2019 - 13:55

QUOTA 100 E' UNA LEGGE CHE VIENE RICHIESTA SU BASE VOLONTARIA QUINDI NON E0 OBBLIGATORIA RICHIEDERLA, IL REDDITO DI CITTADINANZA INVECE LO CHIEDONO ANCHE I NON AVENTI DIRITTO

Ritratto di ohm

ohm

Lun, 14/10/2019 - 14:05

renzi è il solito kamikaze.....ma chi lo ha chiamato ?....che se ne ritorni da dove è venuto...nessuno lo vuole !

SeverinoCicerchia

Lun, 14/10/2019 - 14:08

no problem, la manterranno sicuramente per le categorie con lavori usuranti, cioè le maestre ed altri settori del pubblico impiego, cioè quelli che votan pd coi risparmi verrà ridotto il cuneo, solo per i dipendenti sotto i 26.000 che già hanno preso gli 80 euro come elettori fedeli evvai col circo che gli altri pagano il sangue di irpef iva e non vanno mai in pensione

schiacciarayban

Lun, 14/10/2019 - 14:09

Quota 100 è una schifezza, non so come qualcuno possa averla solo pensata. Mandare la gente in pensione prima con una durata della vita che aumenta e una popolazione che invecchia. Anche un bambino capisce che non può funzionare! Ma Salvini ha mai fatto due conti in croce? Credo di sì ma lui se ne frega dei conti!

schiacciarayban

Lun, 14/10/2019 - 14:45

Salvini è un irresponsabile, per raggranellare un pugno di voti dai pensionati ha fatto un provvedimento che peggiora ulteriormente i conti dell'INPS, a danno delle generazioni più giovani. Per fortuna è stato un flop (perchè effettivamente era un mezzo imbroglio) e i danni sono stati limitati. Adesso però va abolito definitivamente.

Venditore

Lun, 14/10/2019 - 15:12

Ma va là. Contenti perché c'è stato un forte risparmio sul costo di quota 100, dato che la richiesta è stata inferiore al previsto. E domandarsi perché la richiesta è stata inferiore, no eh? Ve lo dico io perché. Sarei potuto andarci due mesi fa, dato che ho 62 anni e oltre 40 di contribuzione, ma non ci sono andato perché questo comportava l'impossibilità a vita di avere altri redditi, anche solo una quota societaria in un bar o un lavoro saltuario di consulenza. HANNO MENTITO! Sapevano bene che non ci sarebbe stato nessuno disposto a un simile ricatto eppure l'hanno sbandierata come l'idea del secolo. Vendono fumo, vendono fumo, vendono fumo. Oltretutto con i soldi nostri.

bernardo47

Lun, 14/10/2019 - 15:48

Agosvac.....lei ha concezioni tutte sue! Tutti i pensionati sono nella medesima barca. Non inventi scorciatoie. O tutti eroi o tutti accoppati! Costituzione alla mano!

bernardo47

Lun, 14/10/2019 - 15:51

Un ritocco alle finestre di uscita di un paio di mesi,senza negare alcun diritto, è sostenibile e consente di rivalutare almeno parzialmente le pensioni dei nostri anziani svalutate in breve tempo,del 10, 15%.....Renzi taccia che è molto meglio.

bernardo47

Lun, 14/10/2019 - 16:11

Schiacciarayban, concordo con lei su gravissimo errore di salvini, che peraltro ha votato pure il reddito di nullafacenza spesso truffaldino.......ma orama i diritti acquisiti,sono costituzionalmente consolidati e bisogna tenerne conto. La proposta di Renzi è errata e strumentale come al solito. Pero’ una lievissima variazione della apertura delle finestre di uscita di un paio di mesi o tre,penso sia sopportabile; libera risorse piccole risorse per una mini rivalutazione delle pensioni basse, già svalutate del 10/15% in pochi anni.,

Ritratto di Fabious76

Fabious76

Lun, 14/10/2019 - 16:13

Speriamo la elimino quanto prima

maurizio@rbbox.de

Lun, 14/10/2019 - 16:41

Sulle Pensione credo che sia necessario un chiarimento di natura politica: per quanto mi riguarda, pensando alla fasi della vita della persona, la fase dell’uscita dal mondo produttivo debba essere completamente libera OPPURE debitamente difesa Negli USA il trattamento pensionistico (401K) è di fatto “Bonus” del contratto di lavoro, di regola NON è previsto. Qui OBBLIGANO te e il tuo datore di lavoro a versare, ti obbligano a stare nel Sistema quanto vogliono loro e quindi ti pagano pure niente, perché al solito chi è arrivato prima ha svuotato la cassa. Non va bene. È un fatto di dignità della persona. O gli dai massima libertà, oppure gli togli la libertà ma allora lo tuteli come si deve. E comunque i soldi dati come pensione in qualche modo ritornano nel sistema, quindi non sono “contributi a fondo perduto”.

bernardo47

Lun, 14/10/2019 - 16:53

fabious76......capisco che lei e' giovane e pensa a modo suo, ma il diritto se vi e', non puo' essere tolto. Ma una piccola variazione alle finestre di uscita e' sopportabile e impingua pure ancora un po' pensioni che con quota cento, sono parecchio magrine......; quanto ai giovani come lei, la proposta sindacale al governo, contiene anche la pensione di garanzia per i giovani del lavoro acquisito post 1996 e, con una pensione di garanzia pubblica a carico della fiscalita' generale, unita alla pensione contributiva maturata sul lavoro e alla eventuale pensione integrativa....anche i giovani avranno pensioni non dissimili, in rapporto a ultimo stipendio, a quelle dei padri.

agosvac

Lun, 14/10/2019 - 17:05

Egregio bernardo47 (15,48) lei forse neanche sa come si calcolano le pensioni. Si calcolano in base ai contributi versati non in base all'età. Se uno ha cominciato giovanissimo ed ha versato contributi per 38 anni, non toglie niente a nessuno andando in pensione a 62 anni. Probabilmente non sa neanche che lo Stato paga di suo solo le pensioni senza contribuzioni: pensioni sociali o di inabilità o pensioni ai politici, i redditi vitalizi. Tutte le altre pensioni ogni lavoratore se le paga con i suoi contributi. La Costituzione non c'entra manco per niente. Forse sarebbe opportuno che si informasse meglio.

schiacciarayban

Lun, 14/10/2019 - 17:11

Insomma, è chiaro che quota 100 è un pateracchio, un'operazione puramente elettorale, peraltro anche un flop perchè non molti hanno aderito essendo una mezza truffa. Bisogna sicuramente uscirne riducendo al minimo i disagi di chi ci ha creduto. Ovviamente chi ne ha usufruito continuerà a farlo ma non vedo perchè debba continuare. Lo stesso identico discorso vale per il rdc.

schiacciarayban

Lun, 14/10/2019 - 17:22

agosvac 17:06 - Si, la cosa è un po' più complicata di come la metti, ma se la pensione deve durare 30 anni invece di 20, la cosa è un po' diversa. Qui nessuno considera che la gente vive più a lungo, e quindi deve lavorare di più, non di meno, i rapporti sono cambiati radicalmente.

bernardo47

Lun, 14/10/2019 - 17:23

agosvag quella di cui lei parla e' una materia che conosco piuttosto bene. Ma lei non ha capito molto della mia risposta. Lei ha dichiarato che "lo stato puo' decidere di non pagare le pensioni agli statali"! Non scriviamo sciocchezze ed ecco il motivo della mia risposta.Provi a rileggere il SWuo intervento e poi la mia risposta. Tutti sulla stessa barca e tutti eroi o tutti accoppati! si convinca!

bernardo47

Lun, 14/10/2019 - 17:29

schiacciarayban concordo.

marc59

Lun, 14/10/2019 - 18:15

Carissimi "bernardo47" e "schiacciarayban" gradirei farvi notare che 38 anni di lavoro e 62 di età sembrano un insieme più che giusto per la pensione. Anche in altri paesi europei l'età minima per la pensione è di 62 anni. Se l'aspettativa di vita si è allungata e politicamente si allunga anche l'età per andare in pensione, i giovani quando lavorano? Un lavoratore di 62/67 anni quanta produzione crea al Paese? Un giovane di 25/30 anni una famiglia quando la crea se c'è ancora il papà a lavoro? Andando in pensione con 38 anni, l'assegno è per quello che hai lavorato quindi più basso. Avete visto i politici pensionati che reazioni quando chiedono un contributo a loro? E basta una legislatura per garantirsi un ex-vitalizio da 4/5000 €. Sarebbe ora che le risorse vengano con una spending-review vera. Salvini è diventato il capro espiatorio della mala-politica e della casta con sede a bruxelles.