Cielo europeo digitale, sicuro e green: Sea protagonista della sfida

La società di gestione degli aeroporti di Milano tra i firmatari della partnership del programma Sesar 3 JU: impegno per un trasporto aereo più sostenibile

Cielo europeo digitale, sicuro e green: Sea protagonista della sfida

Firmato da Sea Aeroporti di Milano l’impegno per la nuova partnership che ha l’obiettivo di accelerare, attraverso la ricerca e l’innovazione, il raggiungimento di un Digital European Sky, più inclusivo, resiliente e sostenibile. L’accordo è stato sottoscritto dal chief operating officer di Sea Alessandro Fidato a Bruxelles in occasione del programma Sesar 3 JU, insieme agli altri membri fondatori, prima occasione per le 55 organizzazioni, dopo la sua costituzione nel dicembre 2021, di avviare la partnership in presenza e con i rappresentanti della Commissione europea e di Eurocontrol. L’evento ha coinciso con l’annuncio del nuovo direttore esecutivo di Sesar 3 JU Andreas Boschen.

Sea conferma così il suo impegno per un trasporto aereo più sostenibile perché gli aeroporti di Milano sono da sempre impegnati sui temi dell’innovazione e della tutela dell’ambiente con progetti di altissimo livello per realizzare soluzioni tecnologiche che consentiranno l’attuazione della trasformazione verso il Single European Sky. Sesar (Single European Sky Atm Research) è infatti il progetto di ricerca per la gestione del traffico aereo del Cielo Unico Europeo, lanciato nel 1999 dalla Commissione europea con l’obiettivo di migliorarlo e renderlo più efficiente, competitivo e sicuro, riducendone la frammentazione che segue i confini degli stati nazionali.

Ed è in quest’ottica che Sea lavora da anni a progetti innovativi nell’ambito del programma Sesar. Dal 2016 e 2017 ha partecipato tre iniziative: la prima, Asmgcs - Advanced surface movements guidance & control system level I e II, con un investimento di circa 6 milioni euro; la seconda Synchronized stakeholder decision on process optimization at airport level con un investimento di circa 7 milioni di euro e la terza Aop Integration - Extended Implementation sullo scalo di Milano Malpensa con un investimento di circa 500.000 euro.

Per continuare a sviluppare le soluzioni tecniche delineate nella fase di ricerca di Sesar è stato costituito il consorzio pubblico privato Sesar 3JU di cui Sea è membro fondatore insieme ad altri aeroporti europei, la Commissione Europea, Eurocontrol, Enav e altri enti europei di gestione del traffico aereo, aziende produttrici del mondo aviation e compagnie aeree.

Sesar 3JU prevede una serie di temi di diretto interesse per gli aeroporti che prevedono Call for Projects, alcune delle quali già lanciati o che vedranno l’avvio nei prossimi mesi, tra cui:
Digital Atm – Digitalizzazione dell’intero network (con possibilità di estensione ai terminal); Integrazione di Drone/Unmanned Aircraft Systems; intermodalità (spostamenti Door-to-door); Sostenibilità (operazioni aeree sostenibili); integrazione completa degli aeroporti nel network; miglioramento attraverso tecnologie digitali della passenger experience.

La società di gestione degli aeroporti di Milano parteciperà a diverse Call for Projects con progetti dedicati in particolare al miglioramento della Passengers experience attraverso tecnologie digitali e biometriche, all’integrazione di Drone-Unmanned Aircraft Systems, alla sostenibilità attraverso operazioni di riduzione delle emissioni di C02 con l’utilizzo di nuovi combustibili green e all’Integrazione aeroportuale nel network con l’estensione dell’Airport operation llan a Milano Linate.

Non solo, Sea ha scelto di puntare su digitalizzazione, sicurezza, innovazione e sostenibilità ambientale avviando un percorso che porti all'azzeramento delle emissioni di CO2 nel 2030, in anticipo rispetto ai target prefissati dal comparto aeroportuale europeo, oltre ad essere già da dieci anni Carbon Neutral, confermando la propria determinazione sul fronte della sostenibilità e in particolare nella lotta al cambiamento climatico.

Commenti