Slitta al 30 settembre il termine per presentare il 730

Inoltre si potrà scegliere quando presentare il modello e avere il rimborso, se si è in credito con il fisco. La dichiarazione precompilata sarà disponibile online dal 5 maggio

Slitta al 30 settembre il termine per presentare il 730

Passa dal 23 luglio al 30 settembre la scadenza per l’invio del 730 precompilato. Inoltre chi vuole potrà presentare il modello a partire da giugno e ottenere il rimborso in busta paga dal mese successivo, se è in credito con il Fisco. È quanto stabilito dal decreto 9/2020, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 2 marzo 2020, che prolunga i termini di alcune scadenze fiscali in tutto il territorio nazionale. Quindi non saranno interessati solo i territori colpiti dal coronavirus, ma certo l'epidemia ha influito sui provvedimenti decisi dal governo. Già il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, aveva preannunciato che ci sarebbe stata una proroga per l'invio delle dichiarazioni dei redditi.

Scadenze

Slitta dal 7 al 31 marzo 2020 il termine entro cui trasmettere la certificazione unica da parte dei sostituti di imposta, ovvero datori di lavoro ed enti pensionistici. Passa invece dal 28 febbraio al 31 marzo il termine entro cui gli enti terzi devono inviare i dati utili per la dichiarazione precompilata. Per enti terzi si intendono banche, assicurazioni, enti previdenziali, amministratori di condominio, università, asili nido, veterinari, eccetera. È prorogato al 5 maggio 2020, la data precedete era il 15 aprile, il giorno in cui sarà disponibile per i contribuenti la dichiarazione precompilata direttamente sul portale dell’Agenzia delle Entrate.

Le altre date

Come già detto il 30 settembre è la scadenza finale per la presentazione del 730, sia per la consegna al Caf, sia per quella al datore di lavoro. Secondo quanto riporta Repubblica, è quindi prevista la possibilità di consegnare il modello dalla fine di maggio. Gli uffici del Caf la prepareranno nel giro di 15 giorni e il mese successivo sarà possibile ricevere il rimborso in busta paga oppure scontare la trattenuta per le imposte dovute.

Ecco le date stabilite dalla norma per inviare il 730: 15 giugno per le dichiarazioni consegnate entro il 31 maggio; 29 giugno per le dichiarazioni consegnate dal 1° al 20 giugno; 23 luglio per le dichiarazioni consegnate dal 21 giugno al 15 luglio; 15 settembre per le dichiarazioni consegnate dal 16 luglio al 31 agosto; 30 settembre per le dichiarazioni presentate dal 1° al 30 settembre.

Come ottenere il rimborso

Si può consegnare il 730 già dalla fine di maggio e, se si è in credito con il Fisco, il rimborso verrà inserito nella busta paga di luglio. Chi presenta il modello a giugno otterrà il rimborso ad agosto e così via. Chi dovrà pagare, avrà più tempo a disposizione in quanto il 730 può essere consegnato fino al 30 settembre senza dover sborsare soldi per gli interessi sulle somme dovute al fisco.

Commenti