Le tredicesime serviranno a pagare tasse e bollette

Dei 34,40 miliardi di euro di tredicesime che verranno pagate quest'anno, il 14,6%, ossia 5,1 miliardi di euro, resterà realmente nelle tasche di lavoratori e pensionati

Le tredicesime serviranno a pagare tasse e bollette

Le tredicesime che saranno pagate tra due settimane a lavoratori e pensionati italiani serviranno per la maggior parte a pagare tasse e bollette.

È quanto sottolineano le associazioni dei consumatori Adusbef e Federconsumatori. Quest'anno l'ammontare dell'attesa gratifica natalizia è di 34,40 miliardi di euro ripartite in questo modo: 9,2 miliardi ai pensionati (come nel 2014), 9,5 miliardi ai lavoratori pubblici (+1,00%), 15,7 mld (0,6%) ai dipendenti privati (agricoltura, industria e terziario).

Ma la tredicesima sarà impiegata per pagare gli aumenti iniziati a gennaio 2016 con tariffe autostradali, benzina, bolli, accise, Tari; tariffe idriche, elettriche e del gas; e un'altra serie infinita di spese che durante il mese di dicembre i contribuenti sono chiamati a pagare, in particolare Tasi e Imu seconda casa, da saldare entro il 16 dicembre.

"Il risultato è che l'85,4% dell'agognata gratifica natalizia sarà decurtata. Nel rincorrersi dei pagamenti da effettuare entro il 31 dicembre, dei 34,40 miliardi di euro di tredicesime che verranno pagate quest'anno, il 14,6%, ossia 5,1 miliardi di euro, come nel 2015, resterà realmente nelle tasche di lavoratori e pensionati" rilevano i presidenti di Adusbef, Elio Lannutti, e di Federconsumatori, Rosario Trefiletti.

Commenti