Esperimenti in video

MilanoÈ vero che grazie a internet, come dice Massimo Cirri, «il confine fra radio e tv è sempre più labile». Ma «inventare un programma tv che abbia la freschezza e la forza della radio», come spiega Paolo Aleotti, resta una scommessa. Il primo, psicologo toscano, dal 1997 è conduttore su Radiodue Caterpillar, che da un sondaggio di Quattroruote è la trasmissione più amata dagli automobilisti. Il secondo, giornalista e autore Rai, è il curatore di Quelli di Caterpillar, il programma tv di attualità e varia italianità prodotto a Milano con il quale il primo attraverserà, insieme con il suo complice Filippo Solibello, il labile confine di cui sopra.
Discorso analogo, con scommessa ancora più difficile, si può fare per l’altro passaggio da radio a tv annunciato ieri dal direttore di Raitre, Antonio Di Bella: le tre seconde serate (8, 9 e 10 giugno) della versione video del jazz club radiofonico Il Dottor Djembè (via dal solito tam tam). Nelle puntate, prodotte a Firenze, vedremo David Riondino, Mirko Guerrini e Stefano Bollani, che a detta del vicedirettore di Raitre Ennio Chiodi metterà in mostra «inaspettate doti di attore, comico e imitatore». Insomma: Raitre punta sulla radio in tv - sfida che ha pochi e lontani precedenti di successo come la Corrida di Corrado e Per voi giovani divenuto Speciale per voi di Renzo Arbore - e sulla valorizzazione delle sedi periferiche. Non sarà il federalismo televisivo tante volte evocato ma almeno è un altro passo verso il decentramento produttivo che dovrebbe portare più efficienza nel servizio pubblico.
Tornando a Quelli di Caterpillar, l’appuntamento, per i tantissimi fan di Cirri e Solibello e per i telespettatori interessati alle novità, è fissato per domani alle 14.50 su Raitre. Con i due storici conduttori della trasmissione radiofonica ma anche con David Riondino che, come dice Cirri, «che spazierà dall’epica alla cronaca senza passare per la poesia» e Philippe Daverio, «raro esempio», sempre Cirri, «di intellettuale del sabato pomeriggio». E con gli inviati della trasmissione (i tre storici di Caterpillar Marco Ardemagni, Laura Troja e Marina Senesi più la new entry Veronica Del Soldà) che, come spiega Solibello «gireranno in lungo e in largo l’Italia del sabato pomeriggio» per appurare «se è ancora un habitat adatto all’essere umano oppure se è soltanto un centro commerciale» dove c’è spazio solo per «le lamentazioni» su code infinite e parcheggio introvabile.
Nella prima delle cinque puntate (ma il programma sarà anche nel palinsesto autunnale, assicurano i vertici milanesi di Raitre) sono previsti collegamenti con il Festival dell’economia di Trento (per una lettura pubblica di buste paga italiane) e con Bologna (per parlare del Last Minute Market, iniziativa contro lo spreco di cibo).

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti