Mondo

50 anni fa il discorso di Martin Luther King

Migliaia di persone invadono il National Mall di Washington per "mantenere vivo" il "sogno" dell’agosto 1963

50 anni fa il discorso di Martin Luther King

Migliaia di persone invadono il National Mall di Washington per "mantenere vivo" il "sogno" dell’agosto 1963 quando Martin Luther King pronunciò lo storico discorso "I have a Dream". "Non è il momento delle commemorazioni nostalgiche. E non è il momento delle autocelebrazioni. Il lavoro non è finito. Il viaggio non è completato. Possiamo e dobbiamo fare di più", ha esortato il figlio maggiore di King, Martin Luther King III.

Magliette dedicate al primo presidente afroamericano Barack Obama con la scritta "My dream", e quelle in ricordo di Trayvon Martin con "la giustizia non è né bianca né nera" sfilano per le strade della capitale. Un’invasione di decine di migliaia di persone per chiedere lavoro, diritti civili e giustizia in quello che è solo uno degli eventi nelle celebrazioni per il 50mo anniversario del "sogno", e che culmineranno il 28 agosto con l’intervento di Obama, insieme a quelli di Bill Clinton e Jimmy Carter. "Senza la marcia del 1963 e senza coloro che vi hanno partecipato non sarei il ministro della Giustizia e Barack Obama non sarebbe il presidente", ha sottolineato Eric Holder, il primo afroamericano diventato ministro della Giustizia, aggiungendo che "la nostra attenzione ora si è ampliata. Include le donne, i latinos, gli asiatici americani, i gay e le lesbiche, le persone disabili e tutti coloro che nel Paese reclamano ancora uguaglianza. Ritengo che nel 21mo secolo vedremo un'America più perfetta e più giusta".

Commenti