L'inconfessabile passato da squatter della Merkel

Quando era una giovane donna sola nella Ddr, la Cancelliera è rimasta senza tetto e ha occupato abusivamente una casa. Lo ha rivelato lei stessa al giornale della scuola berlinese in cui ha fatto lezione

L'inconfessabile passato da squatter della Merkel

Si avvicina alla sfida elettorale e tira fuori una confessione imbarazzante per una Cancelliera in carica. O è un'operazione simpatia, per apparire umana e non infallibile? Il fatto è che Angela Merkel ha un passato da squatter ed è stata proprio lei a rivelarlo. Da ragazza della Ddr si è ritrovata senza un tetto e, come decine di suoi coetanei berlinesi di quei tempi, ha "okkupato" abusivamente una casa.

Lo scoop è dei ragazzi della rivista Spiesser, che avevano invitato la Merkel a tenere una lezione di storia sul Muro nel loro liceo. In classe, dove non sono stati ammessi i giornalisti, tra un racconto sulla Germania Est e uno sulla Guerra fredda la Cancelliera ha rivelato il retroscena personale. Ha raccontato di quando, circa trent'anni fa, ha avuto bisogno urgentemente di un alloggio a Berlino, capitale dell'allora Ddr. "Quando mi sono separata dal mio primo marito - riporta il giornale dei liceali a pagina 19 - avevo bisogno di una casa, qualcuno mi ha dato la dritta di andare nella Templiner Strasse". La futura leader della Germania unita ci andò: "Sono entrata in quella casa vuota con una chiave". Beh, no, si è subito corretta, "con una chiave proprio no, ho forzato la serratura", ha ammesso.

La notizia della Cancelliera che andava a fare una supplenza dell'ora di storia per parlare del Muro agli studenti del Ginnasio Heinrich Schliemann di Berlino aveva fatto il giro del mondo. L'insolita lezione si è svolta lo scorso 13 agosto, nel 52esimo anniversario (13 agosto 1961) dell'inizio della costruzione del Muro da parte dei regime comunista di Berlino Est, ma nessun giornalista era stato ammesso in classe. A parte i giovani cronisti di Spiesser, che così si sono aggiudicati in esclusiva la rivelazione della Merkel versione squatter.