Mondo

Marò assenti a udienza per ragioni di sicurezza

La richiesta dei legali arrivata dopo le proteste di alcuni manifestanti del partito comunista locale. De Mistura: "Decisione corte suprema entro fine mese"

I due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone
I due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone

Ancora un rinvio per i marò. Il tribunale di Kollam ha rinviato al prossimo 18 febbraio il processo per omicidio a carico di Massimiliano La Torre e Salvatore Girone trattenuti da quasi un anno in India.

Il rinvio era comunque atteso perché il tribunale attende la sentenza della corte suprema di Nuova Delhi sulla giurisdizione del caso. Intanto in due marò non hanno partecipato all’udienza di oggi per ragioni di sicurezza.

A renderlo noto è stato l’avvocato dei marò che segue il procedimento penale a Kollam, A.K. Manoj, precisando all’ANSA "di aver chiesto al tribunale di esonerare i due militari dal comparire all’udienza di oggi per questioni di sicurezza e di ordine pubblico dopo le proteste di un partito dell’opposizione contrario al permesso natalizio".

Il legale ha spiegato che prima di Natale "una folla di manifestanti del partito comunista locale ha assediato il suo ufficio dove c’erano i marò e che la polizia è dovuta intervenire per riportare la calma e disperdere la folla".

L’incidente è avvenuto quando il tribunale ha riconsegnato i documenti ai due italiani per la "licenza natalizia" concessa dall’Alta Corte del Kerala. "Per evitare questi disordini e anche la ressa dei giornalisti abbiamo quindi deciso di chiedere alla Corte il permesso di non presentare gli imputati, che è stata accettata", ha aggiunto il legale.

"Vogliamo che la Corte Suprema prenda una decisione, che riteniamo debba arrivare entro la fine del mese. Sarei sorpreso se non avvenisse", ha dichiarato a Tgcom24 il sottosegretario agli Esteri, Staffan De Mistura, riferendosi all’attesa sentenza della Corte suprema di New Delhi sul caso dei due marò.
"Sono ottimista di natura e perchè ho motivo di pensarlo, siamo dalla parte giusta e siamo determinati, proprio come i nostri marò", ha concluso De Mistura.

Commenti