Ucraina, la tregua è già finita: blitz e morti vicino a Slaviansk

Blitz nell'est dell'Ucraina: uccisi tre militari filorussi. Salta la tregua di Pasqua

Ucraina, la tregua è già finita: blitz e morti vicino a Slaviansk

In Ucraina salta la tregua di Pasqua. In un attacco al posto di blocco eretto nel villaggio di Bilbasivka, città a qualche chilometro a ovest di Slaviansk che si trova sotto il controllo di milizie filorusse, sono morti tre militari e l'assaltatore. Un blitz che Mosca non ha faticato a definire "una provocazione" dei nazionalisti ucraini radicali.

Proprio mentre papa Francesco chiede che siano "illuminate e ispirate iniziative" di "pacificazione perché tutte le parti interessate intraprendano ogni sforzo per impedire la violenza e costruire, in uno spirito di unità e di dialogo, il futuro del Paese", in Ucraina tornano a soffiare venti di guerra. Il ministro dell'interno Arsen Avakov è volato verso l'est del Paese per ispezionare le truppe della Guardia nazionale dispiegate in risposta alle azioni dei filorussi nella regione. Ed è proprio nell'Ucraina dell'est che la situazione torna a farsi calda dopo che un assalitore ha ucciso i tre militari a pochi chilometri da Slaviansk. Viaceslav Ponomarev, sindaco filorusso di Slaviansk, ha imposto il coprifuoco da mezzanotte alle sei e ha chiesto a Mosca l'intervento di forze per il mantenimento della pace.

Commenti