Eto’o non basta, Camerun eliminato

Il Camerun di Eto’o è la prima nazionale a salutare il mondiale sudafricano. I Leoni d’Africa, che si giocavano una sorta di dentro o fuori contro la nazionale danese, hanno giocato a viso aperto, hanno provato a vincere, sono andati in vantaggio con Eto’o grazie a un regalo di Poulsen (ancora un gol «interista» al mondiale, il terzo dopo i sigilli di Maicon e Sneijder), poi sono capitolati sotto i colpi di Bendtner e Rommedhal. Eto’o fa ciao ciao con la manina al Mondiale, non si può dire che ieri non abbia dato il massimo per la sua nazionale, ha preso anche un palo da posizione favorevolissima, ma non è bastato.
La Danimarca resta così in corsa per gli ottavi di finale, la sfida di giovedì contro il Giappone (entrambe a tre punti) sarà partita da dentro o fuori, con gli asiatici che partono con il vantaggio della differenza reti dalla loro parte: alla nazionale danese non basterà il pareggio, a quella dagli occhi a mandorla sì. Comunque una sfida da lente d’ingrandimento, chi passa incrocia negli ottavi la prima del girone dell’Italia. E la Danimarca vista ieri non sembra scoglio insormontabile: apprezzabile in attacco con le imbucate di Bendtner, difesa scricchiolante sorretta dalle parate di Sorensen. E se Poulsen, poi, fa certi regali...

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti