Il fantasma della terapia che da 15 anni spacca l’Italia

Un pretore l’aveva sdoganata nel 1997, un tribunale l’ha riportata violentemente sotto i riflettori nel 2012. Parliamo della cura Di Bella, quella che sarà somministrata gratuitamente dalla Asl di Bari ad un malato di cancro che chiedeva di essere curato con il metodo ideato dal medico siciliano. I giudici si sono schierati con il paziente a dispetto dello scetticismo della comunità scientifica e delle sonore bocciature da parte del ministero della Sanità.
Insomma, ha sbagliato i calcoli chi pensava che la cura alternativa al cancro senza l’utilizzo della chemioterapia fosse una storia chiusa e caduta nel dimenticatoio. Sembra viva e vegeta. C’è persino qualcuno che la reclama in un'aula di tribunale e la ottiene gratuitamente dallo Stato. Dunque vale la pena di riparlarne. Va trasmesso al lettore il fermento che gira attorno a quel viso serio, incorniciato dalla capigliatura folta e bianca del professor Luigi Di Bella. E’ stato immortalato in tv, nei giornali, in Italia e all’estero quando si cercava di capire se il suo metodo a base di somatostatina fosse davvero una nuova scoperta scientifica rivoluzionaria anticancro. Molti si ricorderanno la lunga coda di pazienti davanti alla sua casa di Modena in attesa di una visita che restituisse loro la speranza di vivere. Qualcuno ha ricevuto sollievo, altri solo illusioni. Si sono scatenate guerre e faide mediche sul metodo Di Bella. E la sperimentazione del ’99 ha bloccato ogni aspettativa rivoluzionaria in campo medico. Il suo cocktail di sostanze a base di vitamine, ormoni e somatostatina che avrebbe dovuto frenare la diffusione del tumore è stata dichiarata «inefficace» dal ministero della Sanità. Una stroncatura. Ma per i suoi sostenitori il professore resta un Salvatore che va sostenuto. Anche quando le luci dei riflettori si spengono. Basta dare un’occhiata al Blog di Gioia Locati «Col senno di poi» sul Giornale per verificare le testimonianze dirette di gente che è guarita usando il suo cocktail di farmaci.
La storia di Marina è emblematica. E’ guarita da un carcinoma mammario senza perdere il seno e senza sottoporsi a cicli di chemio e di radio. Ha s seguito la cura Di Bella con scrupolo. E oggi, assieme ad altre 13 italiane colpite da carcinoma mammario che, come lei, hanno rifiutato intervento e protocollo tradizionale, è un caso scientifico di rilevanza mondiale. Il cancro di queste donne si è rimpiccolito man mano «sotto l’effetto dei farmaci, mica di zuccherini» precisa Marina perché la cura di Bella «non è una pozione preparata da un santone». Marina e tanti altri. Basta cliccare su Internet per scoprire diversi blog con testimonianze di pazienti guariti dal loro male. Il professore è scomparso nel 2003, ma il figlio Giuseppe ha continuato la sua battaglia e ha raccolto in eredità pazienti e fan del padre. E' una storia zeppa di luci e ombre. Molto delicata. Perfino il neo ministro della Sanità Renato Balduzzi sembra imbarazzato dinnanzi alla domanda di un cronista sull’ultima sentenza del tribunale di Bari: «E’ una vicenda che ha già avuto tempo fa un lungo percorso e si è già definita. Non credo di dover fare alcun commento». Stop. Ma lo sa Balduzzi che Ilenia, con la cura Di Bella ha scacciato un linfoma al secondo stadio in pochi mesi e da 15 anni vive felice? Oppure che Caterina non riusciva a camminare per i tumori ossei e dopo i primi giorni di cura saliva le scale? Testimonianze on-line, certo, da prendere con le pinze. Ma non varrebbe forse la pena di rivederla, questa sperimentazione? Gli oncologi scuotono la testa perché questa cura offre «false speranze», il senatore Ignazio Marino critica i giudici perché la prescrivono per sentenza. Ma Giuseppe Di Bella insiste: «Sono 122 i casi di tumore alla mammella guariti senza operazione, chemio o radio grazie al Metodo Di Bella».
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

felicefranca

Mar, 28/02/2012 - 13:39

Molto apprezzabile il non voler commentare l'articolo da parte del Ministro Balduzzi. Quanto però a dire che è una vicenda conclusa, rivela solo che il Ministro non è consapevole di quanto è accaduto in questi anni. Un numero imprecisato di persone ha creduto e, soprattutto ha avuto ottimi risultati con MDB. Varrebbe forse la pena di porre l'attenzione ai conti del Suo Ministero, ai risultati REALI dei trattamenti anti tumorali praticati, ai loro costi REALI e poi, magari,lo so, sarebbe un sogno, avvalersi delle testimonianze di coloro che si sono riguadagnati un'esistenza degna di questo nome, proprio grazie a MDB. La corrente della cosiddetta EVIDENCE BASED MEDICINE significherà pure qualcosa. Sulla scorta di tutto questo, potrebbe riconoscere la libertà di cura e realizzare nello stesso tempo, enormi risparmi per il SSN. Ci vuole molto coraggio, però. Le forze da sfidare sono tante. Ma se il punto di forza dei tecnici è che non devono rispondere a nessuno del loro operato...allora..