La Generazione Z e i temi della sostenibilità

Al Verde Giffoni quattro giorni per confrontarsi sui temi della sostenibilità in tutte le sue accezioni

La Generazione Z e i temi della sostenibilità

Se pensate che la sostenibilità sia solo quella ambientale dovreste ampliare l'orizzonte per conoscere come le nostre scelte di oggi influiscono su quelle delle generazioni future. Non è una frase fatta, ma la consapevolezza di come oggi la sostenibilità sia l'avamposto per affrontare i temi del cambiamento climatico, dell'innovazione tecnologica e delle strategie per il futuro. 'Verde Giffoni - Youth for the Present' è stata la kermesse, alla prima edizione, rivolta alla salvaguardia del Pianeta e destinata alla Generazione Z, ovvero i ragazzi nati dopo il 2000. Studenti da tutta Italia e giovani partecipanti si sono ritrovati a Giffoni Valle Piana per un antipasto dell'evento che si terrà a luglio. I ragazzi hanno avuto l'opportunità di confrontarsi sul tema della sostenibilità con manager di alcune delle più importanti aziende italiane e internazionali nei campi dell'energia, dell'industria e dell'innovazione.

"Verde Giffoni - spiega il direttore generale di Giffoni, Jacopo Gubitosi - rappresenta la nostra nuova sfida. La sostenibilità è una parola chiave, intesa però in termini universali. Non è solo una questione di ambientalismo o di ecologia: vogliamo che abbia una veste etica, morale, in grado di coinvolgere la coscienza di ciascuno di noi. Dobbiamo necessariamente aprirci al futuro, prepararlo e determinare le condizioni per un mondo finalmente migliore. Questa iniziativa vuole essere un vento di speranza, aria pulita da respirare a pieni polmoni, la leva intorno a cui costruire il presente". Dalle riflessioni più ampie sul ruolo del singolo nella società e sui linguaggi contemporanei, ai piccoli gesti quotidiani, legati al cibo, all'abbigliamento, al rapporto con la natura e con i mezzi digitali è intervenuta anche la madrina dell'evento Francesca Michelin che con una battuta ha spiegato come l'utilizzo degli smartphone possa aumentare il rischio inquinamento. "Se ogni tanto non volete rispondere al vostro ex su whatsapp sappiate che la giustificazione può essere 'scusa non potevo perché sennò inquinavo'. Ognuno di noi ha un ruolo fondamentale nel migliorare il mondo in cui viviamo e in cui vivremo, ed è proprio a partire dal quotidiano che si può instaurare uno stile di vita più sostenibile ma soprattutto più consapevole".

I fondi del Pnrr per la sostenibilità

Il tema della sostenibilità è tra i prioritari per il Governo tanto che arriva l'annuncio da parte del Sottosegretario di Stato Lucia Borgonzoni che assicura che: "A breve usciranno i bandi dedicati alle imprese culturali e creative - tra cui anche quelle dell'audiovisivo - che stanziano fondi dal PNRR per la transizione digitale e green delle aziende. Un tema che riguarda da vicino anche il nostro patrimonio culturale, fortemente condizionato dal cambiamento climatico in aspetti fondamentali come la sua conservazione e la sua tutela"

Il frutteto digitale

A Giffoni è stato inaugurato il frutteto nell'area verde della Multimedia Valley, dove si svolge il festival, piantando gli alberi donati da Biorfarm, prima comunità agricola digitale. Come segno di speranza e cambiamento per un mondo più sostenibile. I ragazzi hanno assegnato un nome ad ogni albero donato legandolo ad un personaggio del mondo del cinema. Dall'Antoine Doinel de 'I 400 colpì di Truffaut, a Hermione Granger di 'Harry Potter', all'Oskar Schindler di 'Schindler's List', attraversando tutti i personaggi della storia del cinema per rafforzare le due anime del festival di Giffoni, ambiente e cinematografia. Biorfarm è la prima comunità agricola digitale e si basa su quattro passaggi: adottare un albero, seguire la coltivazione, ricevere la frutta a casa e partecipare ad un circolo virtuoso che premia il piccolo agricoltore evitando, che sia schiacciato dalla grande distribuzione. Anche questa è sostenibilità perché con un gesto semplice si sostengono tutti quegli agricoltori che non riescono ad emergere.

Commenti