Fonzie di Happy Days? Ora chiamatelo cavaliere

A Henry Winkler, il popolare Fonzie di Happy Days, è stato attributo l'Order of the British Empire, onorificenza che premia il suo sforzo nella lotta alla dislessia e ai disturbi dell'apprendimento. E ora chiamatelo cavaliere...

Fonzie di Happy Days? Ora chiamatelo cavaliere

Londra - Per la maggior parte dei fan di Happy Days, la leggendaria sit-com che raccontava la vita degli Stati Uniti tra gli anni '50 e '60, Henry Winkler è Fonzie, lo sciupafemmine simpatico, il "giusto" della situazione. Pochi sanno che Henry Winkler è anche una persona molto attiva nel sociale e che si è battuta negli ultimi anni per diffondere una migliore conoscenza riguardo alla dislessia. Il motivo è presto detto. All'attore è stato diagnosticato il disturbo da adulto, cosa che lo ha convinto a girare le scuole britanniche per informare studenti e genitori sul disturbo dell'apprendimento, che causa difficoltà riscontrabili soprattutto nella lettura.

"Sono lieto che il mio sforzo sia stato riconosciuto" Ora anche la regina Elisabetta ha riconosciuto lo sforzo dell'attore, attribuendogli l'Obe, Order of the British Empire, in riconoscimento del suo lavoro in favore dei bambini del Regno Unito. L'onorificenza gli è stata riconosciuta da Nigel Sheinwald, ambasciatore britannico, in una cerimonia tenutasi presso l'ambasciata di Washington. Dal canto suo Winkler si è detto lusingato, lieto del fatto che gli sia stato riconosciuto il lavoro a favore dei giovani con difficoltà di apprendimento, che, ci tiene a ribadire "non è un handicap grave, ma un disturbo a cui si può far fronte".

Una folta compagine E Winkler non potrà certo lamentarsi della compagnia. A condividere con lui l'onorificenza, tra i molti nomi a cui è stata appuntata dal 1917 in poi, il calciatore David Beckham, David Gilmours, leggendario chitarrista dei Pink Floyd, il Fab4 George Harrison e Tim Berners-Lee, profeta della rivoluzione lisergica e inventore del World Wide Web.

Commenti