Formigoni: "Bene i tagli ma se ripartiti fra tutti Più sacrifici nei ministeri"

Alla vigilia del vertice con il ministro Tremonti il governatore ha incontrato gli amministratori. Il governatore: "Stretta doverosa ma bisogna tenere conto delle diverse virtuosità"

Formigoni: "Bene i tagli 
ma se ripartiti fra tutti 
Più sacrifici nei ministeri"

La Lombardia si prepara all’incontro con il governo sulla manovra. E i tagli in arrivo non convincono la Regione né gli enti locali, che chiedono a Roma di fare altrettanto, rivedendo abbondantemente anche i costi dei ministeri.
A guidare la protesta è il governatore, Roberto Formigoni: «È necessario che i tagli siano equamente ripartiti. Porterò già domani (oggi per chi legge, ndr) la proposta al governo di rispettare il totale della manovra, i famosi 25 miliardi, ma di dividerli proporzionalmente tra ministeri, Regioni, Province e Comuni». Formigoni ha incontrato ieri al Pirellone il direttivo di Anci (l’associazione nazionale dei Comuni) Lombardia e dell’Unione delle Province Lombarde, mettendo così a confronto difficoltà e richieste in arrivo dal territorio.
Formigoni invita poi il governo a tenere conto del «grado di virtuosità» dei diversi enti. In questa classifica, un ruolo di primo piano tocca proprio alla Lombardia, che può contare su conti in ordine. «La manovra - dice il presidente - deve tenere conto della virtuosità. Bisogna chiedere di più a chi ha sforato tutti i bilanci, e di meno a chi li ha rispettati. Da anni abbiamo ridotto i nostri dipendenti, i nostri dirigenti e abbiamo portato in pareggio i nostri bilanci. In altre parti d’ Italia, questo non è avvenuto».
Ma il punto forse più dolente è il diverso trattamento riservato a Roma e alle realtà locali. «La proposta avanzata dal governo - è la critica di Formigoni - penalizza troppo fortemente le Regioni, i Comuni e le Province e salva sostanzialmente i ministeri, ai quali dà solo una sforbiciata». Propone così il governatore: «Se dividiamo i 25 miliardi in maniera proporzionale, ciascun ente contribuisce per l’1.5 - 1.7%». Il presidente della Regione si dice anche pronto a partecipare al dibattito parlamentare: «Scriveremo degli emendamenti e li difenderemo in parlamento».
Un serio allarme è lanciato dall’Unione delle provincie lombarde. «Da una prima stima risulta che il taglio provocato dalla manovra sulle Province lombarde potrebbe sfiorare i 50 milioni di euro: un grave colpo che mette in serio pericolo servizi e infrastrutture per i cittadini» dice Vittorio Poma, vicepresidente vicario dell’Upl e Presidente della Provincia di Pavia. «Negli ultimi anni - aggiunge Poma - le Province lombarde hanno ridotto la loro spesa complessiva del 3%, al contrario dello Stato, che l’ha incrementata del 18%. Abbiamo quindi piena consapevolezza di dover contribuire allo sforzo richiesto dal governo, ma siamo altrettanto consapevoli del peso che, insieme ai Comuni, abbiamo sopportato negli ultimi anni».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti