Francia, niqab vietato: le due prime condanne

In Francia portare il velo islamico in luogo pubblico è considerato un reato, punibile con pene pecuniarie o con la frequenza di un corso di cittadinanza. Arrivano oggi le prime due condanne dall'approvazione della legge, per due donne trovate coperte da un niqab

Francia, niqab vietato: le due prime condanne

Parigi - Hind Ahmas e Najate Nait Ali sono le prime due donne ad essere condannate per avere portato il niqab in pubblico. La decisione, presa oggi da un tribunale francese, rappresenta il primo caso di esecuzione della norma approvata in Francia l'anno scorso contro l'utilizzo in pubblico del velo islamico.

"Faremo appello" Le due donne condannate, Hind Ahmas e Najate Nait Ali, una di 32 e l'altra di 36 anni - precedentemente confusa dalla stampa per Kenza Drider, un'attivista nella lotta anti-divieto - sono state condannate a una pena di 120 e 80 euro, con una sentenza a cui non hanno potuto assistere, dato che al tribunale sono arrivate in ritardo. Una delle due donne non aveva potuto assistere neppure all'udienza tenutasi in Aprile, per avere rifiutato di togliersi il velo. Ora, a detta dei legali, le due donne faranno appello. "Se necessario, siamo disposti ad arrivare fino alla Corte europea dei diritti umani".

Il primo paese europeo con 'divieto di velo' La Francia è stato il primo paese ad applicare il divieto di indossare il velo integrale in luogo pubblico, con una legge approvata nell'ottobre scorso, che prevede, per chi fosse fermato con indosso un niqab, o un burqa, pene piuttosto pesanti. 150 euro di ammenda o la partecipazione a un corso di cittadinanza, per chi lo avesse indossato scientemente. Un anno di carcere e fino a 30mila di multa per chi invece avesse costretto una donna a girare con il volto coperto, contravvenendo alla legge. Non è però consentito alla polizia di intervenire, togliendo il velo a chi lo portasse.

Contestazioni La legge non ha mancato di suscitare in Francia contestazioni e controversie, anche se, su una popolazione musulmana compresa tra i quattro e i sei milioni di persone, le donne che fanno la scelta di indossare il velo islamico sono solo una piccola minoranza, stimata in 2000 persone. E per "Touche pas à ma Constitution", associazione che milita contro questa legge, il divieto avrebbe già prodotto i suoi effetti. Dal giorno della sua approvazione metà delle donne che prima giravano coperte hanno deciso per l'abbandono del velo.

Commenti