Franciacorta in fiore per il Palio della Rosa

Non passa mese o stagione che la Franciacorta, tra il capoluogo Brescia e il lago di Iseo, non presenti una manifestazione accattivante al punto da catturare l’attenzione degli appassionati di un vivere buono e bello. A parte essere sinonimo di superbe bollicine, una qualità diffusa in maniera più omogenea rispetto agli altri due territori vocati, l’Oltrepò e il Trentino, ecco eventi legati ai turismo del vino piuttosto che l’artigianato e l’agricoltura, il golf e i formaggi fino all’appuntamento a tutto verde e fiori di oggi, domani e domenica a Cazzago San Martino, comune di 11mila abitanti facile da trovare per chi arriva da fuori provincia. Il casello autostradale è quello di Rovato lungo la Milano-Brescia, si passa Calino e si è a destinazione.
In questo lungo fine-settimana Cazzago ospita Franciacorta in fiore e chi vuole saperne di più è bene che navighi nel sito franciacortainfiore.it piuttosto che fare una telefonata alla Pro Loco, al numero 030.7750750. E anche se l’inaugurazione è fissata per domani alle ore 11.30 presso la cella cluniacense di Santa Giulia (bisogna avere l’invito), la mostra si aprirà questo pomeriggio alle 15 per concludersi alle 19 mentre domani e domenica aprirà alle 9.30 per chiudersi alle 19; prezzo del biglietto d’ingresso 5 euro (ma 0 i minori come gli invalidi e i residenti nel comune ospitante. Questi ultimi dovranno però mostrare un documento di identità valido).
Quest’anno Franciacortainfiore cambia sede e si accomoda a Palazzo Guarneri e a Palazzo Bettoni Cazzago con tutto il suo spettacolo fatto di rose ed erbacee perenni in simbiosi con la storia, i sapori e le fragranze della Franciacorta, lungo i momenti che scandiranno la mostra-mercato e tutti gli altri appuntamenti previsti come gli incontri con gli autori, ad esempio domani con Carlo Pagani e la biblioteca del maestro giardiniere o domenica con Keiko Ando Mei e il libro Ikebana - Arte zen piuttosto che il corteo medioevale e la giostra del Palio della Rosa di Franciacorta.

Commenti