Il Frosinone batte il Mantova È solo in testa

Buona la seconda: dopo la bella vittoria di Salerno, il Frosinone batte anche il Mantova e, in attesa del posticipo Empoli-Torino, si gode il primo posto solitario in classifica. Francesco Moriero manda in campo la stessa formazione di Salerno, con Santoruvo unica punta, supportato sulle fasce da Troianiello e Calil e poco più indietro dallo svizzero Basha. Difesa a quattro comandata da Scarlato, mentre Basso è il faro di centrocampo. Parte dalla panchina Bolzoni, fresco di convocazione con l’under 21 di Casiraghi, addirittura in tribuna i nazionali austriaci Elsneg e Gucher e il portoghese Diogo Tavares. Tanto entusiasmo sugli spalti, con oltre 5mila spettatori. Il Frosinone fa subito la partita e dopo una manciata di secondi è un'incursione di Troianiello a far venire i brividi ai sessanta tifosi lombardi presenti. Al 3’ Basso si presenta davanti a Bellodi, ma l’ex crotonese è troppo altruista, cerca un compagno e l’azione sfuma. All’11’ ancora Basso semina il panico e il tiro viene ribattuto da Salviato in angolo. Al 17’ il Frosinone spreca di nuovo: cross corto dalla sinistra di Bocchetti, piattone di Guidi a tre metri da Bellodi, incredibilmente alto. Al 21’ si fa vedere il Mantova: è bravo Cavalli a girarsi e a tirare, ma Caremi manda in angolo. Poi le due suqdare tirano i remi in barca e fino all’intervallo nessun’altra emozione. Il Frosinone riparte a testa bassa: al 49’ Basso va come un treno sulla sinistra, cross al centro e Santoruvo «sporca» la palla di testa. Al 55’ Santoruvo si riscatta, serve un bel pallone al limite a Basha, lo svizzerotto tira di prima intenzione ma Fissore devia in angolo. Due minuti clamoroso palo di Simone Basso, il migliore in campo, con un tiro a giro di destro. Moriero manda dentro l’ex perugino Mazzeo, al posto di un positivo Troianiello. Cambio azzeccato: al 72’ Mazzeo controlla un pallone ai venti metri e la stoccata di destro non lascia scampo a Bellodi. Il Matusa si trasforma in una bolgia e i canarini insistono. Al 76’ Mazzeo va ancora in gol, ma l’arbitro Peruzzo di Schio aveva già fischiato per un fuorigioco millimetrico di Santoruvo. I canarini in pieno recupero sfiorano anche il raddoppio con Del Prete, e chiudono in scioltezza, tra gli applausi del pubblico. Sabato prossimo il Frosinone renderà visita al Lecce di Gigi De Canio.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento