La generosità si tramuta in scoperte e terapie

Le donazioni sono necessarie per sostenere il lavoro di scienziati che lottano con la Sclerosi laterale amiotrofica

Che fine farà il mio 5 x 1.000? È una domanda che a porsi sono in tanti, soprattutto nelle settimane destinate alla presentazione della dichiarazione dei redditi. Un esempio di trasparenza e concretezza rispetto all'impiego delle donazioni ricevute con il 5x1000 arriva da AriSla, Fondazione Italiana di ricerca per la Sla, nata nel 2008 per promuovere, finanziare e coordinare la ricerca scientifica d'eccellenza.

Ogni euro ricevuto è destinato al sostegno della ricerca scientifica sulla Sla. E i risultati, a oggi, sono stati notevoli. Grazie, infatti, a quanto raccolto con il 5 x 1.000 AriSla ha potuto finanziare in questi anni i progetti di ricerca che hanno portato alla scoperta di tre dei geni all'origine della patologia. E, ancora, le donazioni dei contribuenti stanno supportando altri due studi in corso, uno finalizzato a testare l'efficacia di un farmaco nel rallentare il decorso della malattia, e un altro che si pone l'obiettivo di approfondire le conoscenze sul ruolo di una proteina negli eventi che scatenano la malattia. Grazia al 5 x 1.000 nel 2015 AriSla ha potuto ricevere circa 166mila euro, che saranno interamente investiti per sostenere l'eccellenza della ricerca scientifica. In Italia sono 6.000 le persone malate di Sclerosi laterale amiotrofica, una malattia neurodegenerativa che porta alla paralisi progressiva di tutta la muscolatura volontaria: la Sla, nel tempo immobilizza, impedisce di comunicare, fino a compromettere le funzioni vitali, ma non fa perdere la capacità di provare ancora emozioni e lascia intatte, nella maggior parte dei casi, le abilità cognitive.

AriSla, che ha come soci fondatori soggetti di eccellenza in campo scientifico e filantropico, anche quest'anno ha lanciato la nuova campagna per il 5 x 1.000 «È questione di tempo». La sfida è non fermare il fondamentale lavoro dei ricercatori. Grazie al contributo di quanti credono nella ricerca, a oggi AriSLla ha investito in attività di ricerca 9.731.516 euro, ha sostenuto 56 progetti di ricerca scientifica di base, traslazionale, clinica e tecnologica ed è al fianco di oltre 150 ricercatori italiani, offrendo servizi e strumenti a supporto del loro impegno quotidiano. È possibile sostenere la ricerca sulla Sla e il lavoro di AriSla inserendo nella propria dichiarazione dei redditi, il codice fiscale 97511040152.

RCe

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti