Immigrati: meno assunzioni, più discriminazioni

Il rapporto del Censis: "Le imprese italiane ridimensionano le previsioni di assunzione di immigrati". Sfratti per morosità in aumento. Rimesse all'estero in calo. Il governo: "Infondate le critiche sui respingimenti, 41mila salvati in mare in due anni"

Immigrati: meno assunzioni, più discriminazioni

Roma - Diminuiscono le assunzioni fra gli immigrati che fanno sempre più figli degli italiani e aumentano le discriminazioni nei loro confronti. Sono alcuni dati che emergono dall’ultimo Rapporto "International Migration Outlook" del Censis, che in qualità di corrispondente per l’Italia ogni anno raccoglie e analizza i principali dati disponibili sul fenomeno migratorio per l’Ocse. "Le imprese italiane hanno ridimensionato le previsioni di assunzione di personale immigrato: 92.500 nuove assunzioni per il 2009, contro le 171.900 che erano state previste per il 2008", si legge in una nota del Censis che presenta il rapporto al Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro.

Sfratti in aumento "Si registra un aumento degli sfratti per morosità a causa dell’aumento del canone o della perdita del lavoro (soprattutto al Nord, dove le famiglie immigrate rappresentano il 22% del totale delle famiglie sfrattate). Allo stesso tempo - continua la nota - si è fermata la corsa al mattone degli immigrati: tra il 2007 e il 2008 gli acquisti di immobili da parte di immigrati sono diminuiti del 23,7% interrompendo un ciclo di crescita che durava da quattro anni".

Rimesse in calo Crisi anche per le rimesse che gli immigrati inviano mensilmente nel loro paese d’origine: diminuisce del 10% la cifra pro capite (155 euro nel 2008 a fronte dei 171 del 2007) e rallenta il ritmo di crescita dell’ammontare complessivo delle rimesse (6,4 miliardi di euro nel 2008).

Discriminazioni "Le difficoltà legate alla crisi avvertite dagli italiani possono aver determinato anche un calo del livello di tolleranza nei confronti degli immigrati, come dimostra l’aumento degli episodi di discriminazione, il 22,1 per cento dei quali subiti in ambito lavorativo: il 32,1 per cento delle denunce riguarda la fase di accesso al mercato del lavoro, il 23,2 per cento le condizioni lavorative, il 19,6 per cento di azioni di mobbing".

Quanti sono gli immigrati Il Rapporto tratteggia un fenomeno migratorio in continua crescita, con un aumento degli immigrati regolarmente residenti in Italia del 16,8 per cento nel 2008, ovvero 493.729 individui in più rispetto all’anno precedente, per un totale di 3.432.651 presenze. "Si consolida anche il processo di stabilizzazione degli immigrati. Al 1° gennaio 2008 erano 1.684.906 le famiglie con almeno un componente straniero, pari al 6,9% del totale. Un terzo dei permessi di soggiorno rilasciati nel 2008 (pari a 680.225) è stato motivato da ricongiungimenti familiari. Sono stati 28.932 i matrimoni con almeno un coniuge straniero celebrati nel nostro Paese (pari all’11,6% del totale), un numero più che raddoppiato negli ultimi dieci anni (nel 1997 erano stati 13.490)".

Donne più feconde Il livello di fecondità delle donne straniere (2,5 figli per donna) è doppio rispetto a quello delle italiane (1,3 figli per donna). Gli stranieri residenti nati in Italia sono 457.345 (il 13,3% del totale). I nati da genitori stranieri sono 64.049 (l’11,4% del totale dei nati in Italia) e 760.733 sono i minori stranieri residenti nel nostro Paese (pari a più del 20% del totale degli immigrati e ad oltre il 7% dei minori residenti).

Stranieri a scuola Negli ultimi cinque anni gli alunni stranieri presenti nelle scuole italiane sono cresciuti del 139,4% (per un totale, nell’anno scolastico 2007-2008, di 574.133 alunni stranieri nelle scuole di ogni ordine e grado, pari al 6,4% del totale). Nel 2008 il numero dei rapporti di lavoro di stranieri registrati presso l’Inail è arrivato a 3.266.395 (+41,9% in quattro anni). Nel 42% dei casi si tratta di donne, divenute ormai indispensabili al nostro sistema di welfare. Infatti, il 71,6% delle colf e delle badanti che lavorano in Italia (pari complessivamente a circa un milione e mezzo) sono di origine immigrata.

Nitto Palma: 41mila salvati in mare Negli ultimi due anni l’Italia ha salvato in mare 41.200 migranti, curandoli ed alloggiandoli con un costo complessivo di oltre 77 milioni di euro. Lo ha detto il sottosegretario all’Interno, Nitto Francesco Palma, osservando che "questi numeri non permettono a nessuno di criticare i principi di solidarietà del nostro paese". Dal gennaio 2007 all’aprile del 2009, ha spiegato il sottosegretario parlando alla presentazione del rapporto Ocse-Censis sull’immigrazione in Italia, "abbiamo fatto 653 operazioni di soccorso in acque internazionali, in zone spettanti ad altre autorità nazionali, sopperendo quindi all’inerzia di altre nazioni".