Influenza A, dal Comune un numero verde

«L’influenza A H1N1 è un’emergenza da risolvere, ma non deve dilagare il panico tra i cittadini, perché la città ha tutti gli strumenti necessari per contrastare il diffondersi del virus e tutelare le categorie a rischio: anziani e bambini. Ho infatti costituito una commissione di esperti, atta a monitorare gli eventuali casi di contagio». Smorza l’allarme sull’epidemia il sindaco Alemanno nel corso del convegno «Influenza A H1N1, tra dubbi e certezze, istruzioni per l’uso», organizzato, ieri presso l’aula Giulio Cesare. Tra gli atti concreti messi a punto dalla giunta per evitare la psicosi, un programma di informazione che prevede un numero verde da contattare per arginare paure e diffondere un decalogo che spieghi cosa sia l’influenza A. Rassicurazioni per i romani arrivano anche dal presidente della commissione Politiche sanitarie del Comune, Fernando Aiuti: «La chiave è tenere sotto controllo il sistema immunitario, perché nell’influenza è fondamentale per il controllo dell’infezione e per il suo decorso. Il Lazio avrà a disposizione 2 milioni e 249 mila dosi di vaccino per l’influenza A, che verranno somministrate alle categorie più a rischio, quali neonati, donne incinta, e tossicodipendenti».