Informatica: argento genovese alle Olimpiadi

Informatica: argento genovese alle Olimpiadi

Alla ventunesima edizione delle Olimpiadi Internazionali di Informatica, svoltasi a Plovdiv in Bulgaria, uno studente ligure ha vinto una medaglia d’argento. Si tratta di Paolo Comaschi, diciannovenne che frequenta il Liceo Scientifico Cassini di Genova. Il ragazzo non è nuovo a questo genere di risultati: già nel 2008 e nel 2007 infatti aveva vinto due medaglie di bronzo.
Ottima la performance dell’intera squadra italiana: anche gli altri componenti del team, che hanno gareggiato singolarmente come previsto dal regolamento delle Olimpiadi, sono andati a medaglia ottenendo un altro argento e due bronzi. Si tratta di Massimo Cairo, del Liceo Scientifico Marconi di Milano, che ha avuto un argento, dello studente bolzanino Max Valier e di un altro ragazzo lombardo, Giovanni Paolini, che frequenta il Liceo Scientifico Copernico a Brescia: questi ultimi due, entrambi alla prima partecipazione alla competizione, hanno vinto una medaglia di bronzo. Il vincitore assoluto delle Olimpiadi Internazionali di Informatica è stato un ragazzo bielorusso di soli 14 anni.
Le Olimpiadi Internazionali di Informatica (IOI), avviate dal 1989 col patrocinio dell’Unesco, sono una competizione che vede studenti di tutto il mondo di età inferiore ai 20 anni sfidarsi nella soluzione di problemi risolvibili attraverso algoritmi, che bisogna prima creare e poi trasformare in programmi informatici.
L’edizione di quest’anno ha visto la partecipazione di 305 studenti provenienti da 82 paesi del mondo.