Amato, tappabuchi di lusso eterno candidato a tutto

Il Dottor Sottile non è mai considerato la prima scelta, ma una riserva per tempi bui Cinico sbrogliatore di matasse, anche questa volta rispunta per la corsa al Quirinale

Se c'è una carica in scadenza, puntuale si affaccia la candidatura di Giuliano Amato a fare da tappabuchi. Amato non è mai considerato una prima scelta, ma una riserva per tempi bui. Questo perché ha le due caratteristiche di fondo dello sbrogliatore di matasse: è molto capace e, soprattutto, capace di tutto.

Questa volta, per il Quirinale, si fa il suo nome da sinistra mentre nel 2006 - quando vinse Napolitano - era il pupillo della Cdl per un vago innamoramento del Cav che aveva sentenziato: «È il migliore di tutti». Prudente e insinuante, il Dottor Sottile sa entrare nelle grazie di coloro cui offre i suoi servigi, lesto però, al primo allarme, ad abbandonare la nave che affonda.

Memorabile, vent'anni fa, il voltafaccia con Bettino Craxi, di cui era la creatura, ma che rinnegò ai tempi della morsa giudiziaria con la frase più maramalda dell'epoca: «Non immaginavo tanto marciume», riferita alle malversazioni che il pool di Milano rinfacciava al Psi. In realtà, sapendo tutto del partito di cui era il factotum, quel finto cadere dal pero dette intera la misura del suo cinismo. Superato solo dalla pavida indifferenza con cui assistette alla fuga in Tunisia del Cinghialone e alla lunga malattia, senza mai recarsi al capezzale ed evitando di partecipare al funerale. Il tutto, per un preciso calcolo: non pregiudicarsi l'avvenire con una compromettente visita al latitante. Una cautela che portò i suoi frutti.

Appena quattro mesi dopo la morte di Bettino nel gennaio 2000, Giuliano tornò, infatti, con pifferi e tamburi alla guida di Palazzo Chigi. Era la sua seconda volta. Ma che differenza dalla prima! Nel 1992, era diventato premier come socialista - l'ideale degli anni giovanili - e per volontà di Craxi, il suo leader. Nel 2000, era invece sulle spoglie di Bettino che rientrava nel giro. Tornava premier grazie alla presa di distanza da lui, alla protezione di D'Alema & Co, alla sostituzione della tessera Psi con quella degli ex comunisti. Il baratro politico che divide i due soggiorni a Palazzo Chigi riassume l'opportunismo di Amato e la sua capacità di essere uomo di opposte stagioni. A fissarne il giudizio per i posteri, due giorni prima di morire, fu lo stesso Bettino: «Alla fine, è quello che si è comportato peggio». E includeva nell'amaro confronto anche i propri aguzzini giudiziari.

Dopo essere stato molto in vista per oltre due decenni - da braccio destro di Craxi negli anni Ottanta, alla guida del Viminale dell'ultimo governo Prodi -, Giuliano è defilato dal 2008 quando proclamò di avere chiuso con la politica. Lì per lì, la promessa non fu creduta perché l'aveva fatta più volte, continuando imperterrito ad accumulare cariche. Effettivamente però, da ultimo, si è accontentato di quisquilie: la presidenza della Treccani, una consulenza Deutsche Bank e la guida della Commissione sul futuro di Roma che Gianni Alemanno gli ha offerto ma che ha presto abbandonato, offeso dal rifiuto del sindaco di definire il fascismo «male assoluto». Anche in questo collaborare con un ex missino, mantenendosi però entro i confini del politicamente corretto di sinistra, c'è tutta la bramosia di Giuliano di ritagliarsi - ormai settantacinquenne - la silhouette neutrale di riserva della Repubblica, uomo di raccordo e conciliatore degli opposti. L'identikit ideale per il Colle.

Curiosamente, non avendo più ruoli precisi, l'attenzione verso Amato negli ultimi anni si è concentrata sulla sua sovrabbondante pensione. Giuliano gode infatti, come ex parlamentare (cinque legislature), di 9mila euro mensili, più altri 22mila per cumulo tra vitalizio di ex docente universitario e l'indennità di ex presidente dell'Antitrust. Un totale di 31mila euro lordi il mese (più di mille il giorno) che sono la gioia di tutti i lanciatori di strali sui privilegi della casta. Stufo di essere preso di mira da ogni sponda, Giuliano ha dichiarato di «non essere un topo nel formaggio e di fare beneficenza». Ha precisato di tenere per sé solo i 22mila euro - che netti sono la metà - e di versare gli altri 9mila ai bisognosi. Ciononostante, ogni due per tre, la questione riaffiora. Tanto che il Dottor Sottile ha preso carta e penna e in una lettera al Corsera ha difeso se stesso con un'oratoria da libro Cuore - a cavallo tra ideali socialisti e individualismo liberale - che a parere del sottoscritto è la cosa più onesta che sia uscita dal suo in genere contortissimo cervello. «Io - scrive - nella mia vita mi sono fatto largo con le mie qualità. Non avevo alle spalle una famiglia altolocata, mio nonno era muratore, mia madre aveva fatto le elementari, mio padre (esattore siciliano, ndr) era diplomato». Spiega poi come sia emerso senza protezioni lavorando il doppio (se ad altri, sotto l'ala dei baroni, bastava un libro per salire in cattedra, a lui toccava scriverne due), fino a sfondare. E, giunto alla conclusione della sua arringa di uomo artefice di sé, pone un interrogativo: «Un curriculum così va additato ai giovani come esempio da non seguire o, invece, come un modello di mobilità sociale per chi non ha vantaggi di partenza?». Non fa una grinza.

Ma non dice tutto. La capacità, infatti, non è il solo ingrediente dei successi giulianei. All'origine, ci sono il suo genio manovriero e i leggendari salti della quaglia. Il ruolo che Amato, tra gli altri, ha svolto nella strana carriera imprenditoriale di Carlo De Benedetti, illumina nuovi aspetti della sua personalità.

Negli anni '80, l'Ingegnere stava per acquisire dall'Iri di Romano Prodi il gruppo alimentare Sme per pochi spicci. Su incarico di Craxi, Amato silurò il progetto con un duro intervento parlamentare. Consumata però la rottura con Bettino, metà anni '90, si fece perdonare lo sgarbo favorendo sfacciatamente gli affari dell'editore di Repubblica, beniamino dei Ds. Erano i tempi delle privatizzazioni. Le ferrovie di Lorenzo Necci, volendo fare cassa, avevano stipulato con la Telecom (allora pubblica) la cessione della rete telefonica ferroviaria per 1.100 miliardi sull'unghia. Amato, però, allora presidente dell'Antitrust, bloccò la vendita, con la scusa della posizione dominante di Telecom, e indicò in De Benedetti (già beneficato come secondo gestore dei telefonini da Ciampi nell'ultimo giorno del suo governo, prima dell'ingresso del Cav a Palazzo Chigi) l'acquirente perfetto. L'Ingegnere, esaltato dal favoritismo, fece un'offerta assai micragnosa: 750 miliardi (350 meno di Telecom), rateati in 14 anni. Un bidone che le Ferrovie (non Necci, già travolto innocente dalla giustizia all'italiana) trangugiarono, in ossequio al potente Amato e al famelico clientelismo che sperpera il bene comune. Ma vogliamo davvero, sfiancati come siamo dal debito di Stato, mandare al Quirinale chi ce lo ha inflitto?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Cuciapinocasemi...

Lun, 18/03/2013 - 09:03

Caro dr.Perna, il dr.Sottile ha solo praticato lo sport nazionale, cioè il voltagabbanismo.Nei suoi disinvolti salti della quaglia ha predecessori e compagni illustri:Dario Fo, ex repubblichino, e Eugenio Scalfari, ex fervente fascista.Se uno come lui diventa presidente (e ci sono buone probabilità che ciò avvenga), avremo l'ennesima riprova che l'Italia è una repubblichetta delle banane.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 18/03/2013 - 09:31

Il povero Craxi si rivolterà nella tomba. Comunque meglio lui che D'Alema o Prodi.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 18/03/2013 - 09:33

Sarà anche un “tappabuchi di lusso”. A sembrerebbe una soluzione squallida, anche se ce ne sono di molto peggiori.

Rossana Rossi

Lun, 18/03/2013 - 10:37

Trovo aberrante il solo riproporre un figuro del genere, estremo inverecondo rappresentante della più famelica delle caste che, si dice a parole, si vorrebbe ripulire. Tra lui e prodi non so chi sia il peggiore.......a casa e di corsa!

pl.braschi@tisc...

Lun, 18/03/2013 - 12:35

Un'autentico ed eterno imbroglione! In un Paese normale sarebbe stato schiaffato in galera per tutte le cialtronerie perpetrate contro il Popolo Italiano! A paragone dei peggiori brigatisti e terroristi di Al Kaeda segna un notevole vantaggio! Basta. Levatecelo dai cojoni una volta per tutte!

giottin

Lun, 18/03/2013 - 14:11

Aveva il padre esattore, tra l'altro siciliano, da lui deve avere preso tutti i cromosomi. Al massimo lo vedrei bene come presidente dell'assciazione pensionati d'oro! PUAH, PUAH, PUAH, PUAH,....

MMARTILA

Lun, 18/03/2013 - 14:34

...diversi anni fa creò nel mio conto una voragine, più che un tappabuchi direi un apri falle!!!

maurizio50

Lun, 18/03/2013 - 16:49

Un pessimo deprecabile personaggio,;e come insegna la vicenda di Bettino Craxi, pure fedifrago.

tartavit

Lun, 18/03/2013 - 17:07

Dio ce ne scampi e liberi! Quest'uomo è solo un arrivista senza tanti scrupoli. E' dappertutto, come lo è il sale. Mi ricordo quando da presidente del consiglio sponsorizzò le azioni Enel che, nel breve periodo, dimezzarono il loro valore con perdite consistenti per i piccoli risparmiatori.

dukestir

Lun, 18/03/2013 - 17:41

Il buco, caro Sperna, lo tappera' la sinistra a voi temo.

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Lun, 18/03/2013 - 17:50

Se lo fanno Presidente, tutti in fila a ritirare i soldi dalle banche.

forbot

Lun, 18/03/2013 - 18:40

Dott. Amato, ci dia retta, non ha bisogno di avvelenarsi la vita con tutti i problemi che troverebbe a quel posto. Si goda quello che ha e lasci anche noi tranquilli. Abbiamo già dato.

mares57

Lun, 18/03/2013 - 20:16

Finchè avremo politici di questa levatura morale, alla faccia di chi si suicida per disperazione, non si andrà in nessun posto. Non credo che il grillismo sia la soluzione ai nostri problemi, però una epurazione all'interno dei partiti è d'obbligo. Chi non la farà non avrà mai più il mio voto. Basta chiacchiere, un poco di pragmatismo è d'obbligo. Fate come il Papa Signori Presidenti cominciate a dare il buon esempio e sarete seguiti.SOLUZIONI CONCRETE BASTA CIANCE!

Ritratto di pinox

pinox

Lun, 18/03/2013 - 21:19

amato, insaziabile ed esoso, non gli bastavano i 60000 euro al mese di pensione, ha il copyright sul prelevamento forzato e adesso cipro gli deve pagare anche i diritti d'autore.....roba da matti!!!

Ritratto di sydneysider

sydneysider

Lun, 18/03/2013 - 23:13

bisognerebbe ricordare anche quando tasso', da Pres d Consiglio, i nostri conti correnti, primo al mondo, creando un precedente pericolosissimo: se lo stato ti sequestra i soldi in banca chi investe in quel paese? Comunque mi colpisce un tratto in comune con la descrizione di D'Alema: la mancanza di coraggio. E la mia impressione che e' che sia una caratteristica abbastanza comune tra i politici

enzo1944

Mar, 19/03/2013 - 08:23

E' solo una faccia di palta!...Ha rubato agli Italiani(pensioni con diritti già acquisiti),si è fatto leggine(3)per le sue pensioni,ha contato balle e bugie in tutta la sua vita politica,ed ha tradito gli amici di partito(Craxi)!...E' un povero buffone, ricco,con i soldi dei Contribuenti Italiani!!...fuori dalla palle per sempre,ladrone!!

vittoriomazzucato

Mar, 19/03/2013 - 11:54

Sono Luca. Era vice segratario del PSI al tempo di Craxi, ma non deve aver avuto le stesse idee di Craxi altrimenti saebbe stato massacrato da Mani Pulite. E da "buon riconoscente" per il PCI-PDS-DS-PD ha fatto di tutto per loro per ringraziarli. GRAZIE.

Ritratto di lucianaza

lucianaza

Mar, 19/03/2013 - 12:31

COLUI CHE NEL 1992 TOGLIEVA LE PENSIONI DEI 25 ANNI DI CONTRIBUZIONE AGLI ITALIANI PER DARLE AI PARENTI DEI LAVORATORI EXTRACOMUNITARI CON 0 ANNI DI CONTRIBUZIONE

hellas

Mar, 19/03/2013 - 14:03

Amato ? No , adesso basta, è ora che questo personaggio, personificazione perfetta dell'opportunismo, del cinismo e del badogliano voltagabbana, vada ai giardinetti di Ansedonia a godersi una lauta quanto assolutamente immeritata pensione,e ci lasci in pace, che di problemi ne abbiamo già abbastanza !!

Paoloribelle61

Mar, 19/03/2013 - 14:43

Ma tra tutti... e di gente di qualità ne abbiamo... dobbiamo sempre pensare alle eterne riserve della repubblica? La Divina Provvidenza ci ha dato un Papa straordinario, potrebbe fare uno sforzo e darci un presidente degno di questo nome. Magari la Bonino, sarà un poco antipatica ma mi sembra meglio ti tanti altri, certamente di tutti quelli proposti finora.