Com’è conservatrice la sinistra televisiva (e non solo quella)

Contro la Tav, il Cavaliere, Wall Street e ogni riforma Nel programma della Guzzanti tutte le idee dei radical chic

Per anni la sinistra ha raccontato che solo la... sinistra è capace di produrre buona televisione. I modelli vincenti, secondo il dogma, sono la Raitre di Angelo Guglielmi e la Raitre di Paolo Ruffini. Ora che quest’ultima è stata trapiantata a La7 (e altrove) i conti non tornano. Né sul piano degli ascolti, né sul piano della qualità. Serena Dandini è scivolata nell’irrilevanza, Daria Bignardi corre lo stesso rischio, Luisella Costamagna ha fatto un buco nell’acqua (su Raitre). Gad Lerner prima e Corrado Formigli poi non sono mai decollati. L’altroieri ha debuttato lo show di Sabina Guzzanti, Un due tre stella, con ascolti non entusiasmanti, in linea con quelli di La7. Gli spettatori di queste trasmissioni sono sempre gli stessi e oscillano intorno al milione, con qualche picco verso l’alto o il basso, più spesso verso il basso. Diverso il caso di Michele Santoro: anche il suo Servizio pubblico stenta ma sconta la novità di andare in onda su un network di canali locali, cui si è aggiunta Sky.

Il vero problema, però, non sono gli ascolti ma la sensazione che prova il telespettatore non appena si sintonizza: un gelo catacombale. È come entrare nella macchina del tempo e tornare agli anni Novanta. Eppure in Italia sono cambiate molte cose, in politica e nel costume. La sinistra televisiva, incarnata al meglio e al peggio da Sabina Guzzanti, si rivela tenacemente conservatrice, a partire dai format. Un due tre stella ricorda The Show Must Go Off che ricorda Le Invasione Barbariche che ricorda Robinson che ricorda...

Le stagioni passano ma loro, i conservatori di sinistra, restano sempre uguali. Non si sono accorti che c’è un governo tecnico, voluto dall’Europa e battezzato non dagli elettori ma dal presidente Giorgio Napolitano. Sabina Guzzanti, e quelli come lei, ancora ripetono la solita litania anti-Cav, vecchia di vent’anni: il conflitto d’interessi, i processi, la legge Gasparri.

La sinistra conservatrice, poi, si batte per tutele e garanzie, che a volte sono privilegi, e rifiuta in partenza innovazione, meritocrazia e concorrenza. Perché? Perché il mercato è cattivo, la finanza è crudele, le banche sono associazioni a delinquere. A ulteriore conferma, la Guzzanti ha chiamato Michael Moore, un altro spettro del passato. Da brividi.

La sinistra conservatrice si sente migliore, e fa la morale agli altri. In Un due tre stella il senso di superiorità antropologica ha trovato sfogo nell’imitazione di una fantomatica deputata del centrodestra che, pur essendo oca e ignorante, è arrivata dove è arrivata grazie ai calendari, alle fiction, alla bellezza. Ecco, questa è la destra secondo l’intellighenzia.

La sinistra conservatrice è antimoderna. Si oppone alla Tav in nome della democrazia e della libertà dei cittadini di scegliere il destino del proprio territorio, dimenticando che non c’è nulla di antidemocratico nella decisione, votata in Parlamento, di procedere coi lavori e neppure nell’esproprio delle proprietà, previsto dalla Costituzione; rifiuta la riforma del lavoro senza neppure stare a sentire cosa c’è sull’altro piatto della bilancia (ammortizzatori e crescita); fa le barricate per difendere tutto ciò che è pubblico in campo culturale: senza chiedersi se un’arte pesantemente finanziata dallo Stato sia o meno un ostacolo alla libertà degli artisti stessi.

La sinistra conservatrice ruba la scena al Partito democratico e vince le primarie, tenendolo così in ostaggio. Istruttiva è stata l’intervista della Guzzanti a Stefano Fassina, responsabile economico del Partito democratico (e tutt’altro che liberista). Il politico è stato costretto a spiegare la necessità di costruire la Tav e di ripianare il debito pubblico, la vera zavorra che affonda l’Italia. Di fronte alle obiezioni della conduttrice e dei suoi ospiti, Fassina ha cercato di opporre resistenza, ripetendo vanamente: «Mi sembra demagogia» e «Ho informazioni diverse». Forse avrebbe voluto mandare tutti a quel paese ma non poteva permetterselo.

La sinistra conservatrice è no-Cav, no-Tav, vuole occupare Wall Street e anche il Teatro Valle. Si oppone al cambiamento della scuola, della magistratura, della Costituzione. Però non sa cosa proporre in alternativa, se non il solito statalismo. Per questo i sedicenti eroi della libertà d’informazione, ora che non possono nemmeno spacciarsi per martiri, mandano in onda soltanto la propria inutilità. E non è un bello spettacolo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giacinto49

Ven, 16/03/2012 - 09:21

Ancora grazie a Silvio Berlusconi ed al centrodestra per aver tenuto e continuare a tenere a freno una sinistra che, finchè ha potuto e per soli fini elettorali, ha cercato di distruggere tutti i valori su cui dovrebbe fondarsi una società civile: famiglia, scuola, lavoro.

Giacinto49

Ven, 16/03/2012 - 09:21

Ancora grazie a Silvio Berlusconi ed al centrodestra per aver tenuto e continuare a tenere a freno una sinistra che, finchè ha potuto e per soli fini elettorali, ha cercato di distruggere tutti i valori su cui dovrebbe fondarsi una società civile: famiglia, scuola, lavoro.

nino47

Ven, 16/03/2012 - 10:53

Chi era la colonna portante della "qualità" dei programmi di sinistra (praticamente tutti se si esclude il partigiano e quindi lecchino e culatone porta a porta)?Berlusconi! Chi dava le idee alla Guzzanti per la sua pietosa ironia sulla monoidea che il suo mononeurone partoriva ad ogni sua comparsa? Berlusconi!Chi era la pietra angolare su cui poggiava il palinsesto di rai 1,2,3 la 7 ed il fervore comico degli scomparsi Benigni e soci compresi quelli che da mediaset percepivano la loro sostanziosa busta? Berlusconi!Chi ha elevato all'onore della croce di ferro il santone Santoro ed il suo scudiero Travaglio?Berlusconi! Berlusconi non c'è più e questi assomigliano ad una colonia di formiche che si rincorrono smarrite qua e là dopo che qualcuno ha loro demolito il formicaio!!! La monidea non paga. Nenache il mononeurone!!

nino47

Ven, 16/03/2012 - 10:53

Chi era la colonna portante della "qualità" dei programmi di sinistra (praticamente tutti se si esclude il partigiano e quindi lecchino e culatone porta a porta)?Berlusconi! Chi dava le idee alla Guzzanti per la sua pietosa ironia sulla monoidea che il suo mononeurone partoriva ad ogni sua comparsa? Berlusconi!Chi era la pietra angolare su cui poggiava il palinsesto di rai 1,2,3 la 7 ed il fervore comico degli scomparsi Benigni e soci compresi quelli che da mediaset percepivano la loro sostanziosa busta? Berlusconi!Chi ha elevato all'onore della croce di ferro il santone Santoro ed il suo scudiero Travaglio?Berlusconi! Berlusconi non c'è più e questi assomigliano ad una colonia di formiche che si rincorrono smarrite qua e là dopo che qualcuno ha loro demolito il formicaio!!! La monidea non paga. Nenache il mononeurone!!

Wolf

Ven, 16/03/2012 - 11:06

Scusate ma una sinistra erede del comunismo è oggettivamente conservatrice, retrograda e violenta. Continuiamo a giocare con le regole imposte da questi buffoni, autoproclamatisi intellettuali e progressisti. Diamogli dei rifiuti storici, liquidiamoli in 5 secondi e passiamo oltre.

Wolf

Ven, 16/03/2012 - 11:06

Scusate ma una sinistra erede del comunismo è oggettivamente conservatrice, retrograda e violenta. Continuiamo a giocare con le regole imposte da questi buffoni, autoproclamatisi intellettuali e progressisti. Diamogli dei rifiuti storici, liquidiamoli in 5 secondi e passiamo oltre.

Ritratto di Fr3di

Fr3di

Ven, 16/03/2012 - 11:20

Un ottimo articolo, azzeccato.

Ritratto di Fr3di

Fr3di

Ven, 16/03/2012 - 11:20

Un ottimo articolo, azzeccato.

sirio900

Ven, 16/03/2012 - 13:08

Caro alessandro gnocco, dimentichi che sono colpa della sinistra anche i calli, le verruche e l'alitosi, per non parlare della flatulenza che ti angoscia da molti anni, ma non temere sei in buona compagnia, ... ma fammi il piacere... tu e la sinistra madre di tutti i tuoi problemi

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Ven, 16/03/2012 - 13:09

Sì, caro Gnocchi, la sinistra (non solo televisiva) sarà vetero, conservatrice e catacombale, ma a destra, purtroppo, c'è il nulla, il sotto vuoto spinto: in tv l'ennesima, stanca riedizione del Grande Fratello e, in politica, il deserto dei tartari. O, addirittura, qualcosa di peggio: l'adesione, sempre meno nascosta, alla tecnocrazia montiana, tassaiola e illiberale, che però fa "quello che noi avremmo voluto fare ma che non siamo stati capaci di fare". Mi creda, così non si va da nessuna parte.

sirio900

Ven, 16/03/2012 - 13:08

Caro alessandro gnocco, dimentichi che sono colpa della sinistra anche i calli, le verruche e l'alitosi, per non parlare della flatulenza che ti angoscia da molti anni, ma non temere sei in buona compagnia, ... ma fammi il piacere... tu e la sinistra madre di tutti i tuoi problemi

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Ven, 16/03/2012 - 13:09

Sì, caro Gnocchi, la sinistra (non solo televisiva) sarà vetero, conservatrice e catacombale, ma a destra, purtroppo, c'è il nulla, il sotto vuoto spinto: in tv l'ennesima, stanca riedizione del Grande Fratello e, in politica, il deserto dei tartari. O, addirittura, qualcosa di peggio: l'adesione, sempre meno nascosta, alla tecnocrazia montiana, tassaiola e illiberale, che però fa "quello che noi avremmo voluto fare ma che non siamo stati capaci di fare". Mi creda, così non si va da nessuna parte.

nino47

Sab, 17/03/2012 - 11:09

#5sirio900:forse ho capito male fino ad ora! Ma stando al giudizio dei magistrati nonchè della stampa , tv e borse mondiali armate di spread avevo dedotto che calli verruche alitosi e flatulenze, fossero colpa per universale accordo, proprio di Berlusconi! E poi egregio FRITZ1996, non ho mai visto il grande fratello, preferirei ascoltare un'ora la Finocchiaro! ma tra questo e Santoro ...mi scusi! Penso che la sinistra non abbia niente di vetero,conservatorismo o alcunchè di catacombale! Direi proprio "ALCUNCHE'".Ma apprezzo il suo sforzo lessicale per trovarci qualcosa!