Commissioni parlamentari, ecco tutti i presidenti

Guerra per la commissione Giustizia al Senato. Doppio "no" a Palma: i democrat pronti a votare un proprio candidato. Cicchitto: "Ognuno si assuma le proprie responsabilità"

Commissioni parlamentari, ecco tutti i presidenti

Un accordo di maggioranza tra Pd, Pdl e Scelta Civica sulle presidenze delle Commissioni parlamentari. Nelle commissioni più delicate (Affari costituzionali, Giustizia, Bilancio e quelle competenti sulle tlc) si profila un’alternanza alla Camera e al Senato tra Pd e Pdl. Ancora incertezza sulla commissioni bicamerali. Il Copasir (servizi segreti) e la Vigilanza sulla Rai per prassi vanno all’opposizione. Alla Camera la Lega si è astenuta sulla fiducia al Governo Letta. Movimento 5 Stelle e Sel hanno invece votato contro. 

Il braccio di ferro tra Pd e Pdl

L’ex ministro della Giustizia Francesco Nitto Palma (Pdl) non ha passato l’esame della prima votazione in commissione Giustizia al Senato per l’elezione del presidente. Il Pd ha deciso di votare scheda bianca e sul suo nome sono confluiti soltanto 12 voti favorevoli, insufficienti a garantirne l’elezione. Alla seconda votazione i sì sono stati 13, mentre la maggioranza sarebbe dovuta essere di 14 visto che i componenti della commissione sono 26. La terza votazione si terrà domani alle 14. "È andata come avevo previsto: io ho preso i voti che dovevo prendere, anzi anche uno di più, non ho preso i voti dell’altro schieramento", ha commentato Nitto Palma invitando il Pdl parlare dal momento che "ha stretto l’accordo politico con l’altro schieramento". "Un accordo politico? Evidentemente non c’era", ha replicato a stretto giro il democrat Felice Casson facendo sapere che domani, a partire dalla terza votazione, il piddì voterà un proprio candidato.

Lo scontro tra M5S e Sel

Anche nell'opposizione non sono mancate le scintille. "La prassi vuole che le presidenze del Copasir e della Vigilanza Rai vadano all’opposizione, ovvero al MoVimento 5 Stelle", ha ribadito su Twitter Beppe Grillo. "L’opposizione parlamentare non si sceglie (né tantomeno la si costruisce) - ha affermato ancora il comico genovese - tra quelle che fanno più comodo". A stretto giro la replica del Sel di Nichi Vendola. "Ci aspettavamo il rispetto da parte del M5S dell’accordo tra le opposizioni. Lo hanno rifiutato e si sono presi tutto, accaparrandosi le poltrone di vicepresidente e segretario in tutte le commissioni della Camera", ha tuonato il capogruppo Gennaro Migliore accusando i grillini di essere "affetti da poltronismo".

I presidenti delle Commissioni

Questa è la lista dei nomi dei presidenti comunicati dai capigruppo ai componenti delle commissioni (frutto dell’intesa di maggioranza):
Affari Costituzionali: Anna Finocchiaro (Pd) al Senato, Francesco Paolo Sisto (Pdl) alla Camera
Giustizia: Nitto Palma (Pdl) al Senato, Donatella Ferranti (Pd) alla Camera
Esteri: Pier Ferdinando Casini (Scelta civica) al Senato, Fabrizio Cicchitto (Pdl) alla Camera
Difesa: Nicola Latorre (Pd) al Senato, un esponente di Scelta civica (C) alla Camera
Bilancio: Antonio Azzollini (Pdl) al Senato, Francesco Boccia (Pd) alla Camera
Finanze: Mauro Marino (Pd) al Senato, Daniele Capezzone (Pdl) alla Camera
Cultura: Andrea Marcucci (Pd) al Senato, Maria Stella Gelmini (Pdl) alla Camera
Trasporti e telecomunicazioni: Altero Matteoli (Pdl) al Senato e Michele Meta (Pd) alla Camera
Attività Produttive: Massimo Mucchetti (Pd) al Senato, Guglielmo Epifani (Pd) alla Camera
Lavoro: Maurizio Sacconi (Pdl) al Senato, Cesare Damiano (Pd) alla Camera
Affari sociali: De Biase (Pd) al Senato, un esponente Pdl (C)
Ambiente: un esponente del Pdl (S), Ermete Realacci (Pd) alla Camera
Agricoltura: Luca Sani (Pd) alla Camera
Politiche Ue: Michele Bordo (Pd) alla Camera
Giunta autorizzazioni/immunità: La Russa (FdI) alla Camera, Raffaele Volpi (Lega) al Senato.

Commenti