D'Alema: "Letta sosterrà Renzi"

Il rottamatore: "Se vinciamo vanno avanti i bravi, non i fedeli, la prima cosa da rottamare sono le correnti"

D'Alema: "Letta sosterrà Renzi"

Al congresso del Pd "c’è un vincitore annunciato, ma il metodo di elezione del segretario del partito è secondo me sbagliato". A dirlo, parlando alla festa del Pd a Genova, è il presidente della Fondazione Italiani Europei Massimo D’Alema, secondo cui "le elezioni del segretario del nostro partito dovrebbero avvenire con i voti dei nostri iscritti. È come se l’amministratore del condominio sia eletto dalla casa di fronte".

In merito al rottamatore, l'ex premier ha detto: "Renzi fa una premessa suggestiva: con me si vince. Solo che non ci sono le elezioni. Il che rende questo discorso perlomeno ambiguo, se cadesse il governo e ci fossero elezioni si farebbero le primarie per il candidato premier e in quel caso non escluderei di votare per Renzi". Inoltre, D'Alema ha spiegato che "è lotta impari con Renzi ma noi ci batteremo con le forze meno rumorose di cui disponiamo. Lui ha l’appoggio di tutto l’establishment, dei giornali, delle tv e di molti dirigenti. Lui parla di rivoluzione ma è come se la presa della Bastiglia fosse stata fatta con il re e le baronesse".

Secondo l'ex ministro degli Esteri, "Letta sosterrà Renzi perché non può permettersi di perdere il congresso”. Alla Festa Democratica di Piombino, il sindaco di Firenze ha spiegato il suo punto di vista: "Se vinciamo vanno avanti i bravi, non i fedeli, la prima cosa da rottamare sono le correnti, se non prendi il voto dei delusi dell’altra parte, ti becchi i ministri dell’altra parte e ti becchi i governi di coalizione. Per questo dobbiamo andare a prendere i delusi, anche quelli dei Cinque Stelle che hanno votato Grillo perché stufo di questo Pd, dicono che abbiamo già vinto il Congresso. Intanto inizino a convocarlo".