Il Dna conferma la paternità del presunto killer

È arrivato a tempo di record l'esito dell'esame del Dna che conferma che il figlio che Marilia Rodrigues Silva Martins portava in grembo è di Claudio Grigoletto, suo datore di lavoro e indiziato numero uno per l'omicidio della donna. Secondo quanto si apprende da fonti giudiziarie, l'esito del Dna ha confermato la paternità del pilota che, al momento, si trova in nel carcere di Canton Mombello. L'uomo aveva ammesso la relazione con la brasiliana e la possibilità di essere il padre del bambino, ma avanzava dubbi in quanto diceva che la donna aveva altre relazioni.
Un lungo viaggio dal Brasile, direzione Brescia, per portare a casa la salma della figlia uccisa giovedì sera a Gambara (Bs). Il padre e il fratello di Marilia Rodrigues Silva Martins, sono arrivati questa mattina, intorno alle 12, al tribunale di Brescia, accompagnati dal Console brasiliano. La madre della 29enne, per la cui morte è stato fermato il datore di lavoro, Claudio Grigoletto, suo amante, arriverà con tutta probabilità domani. Chi ha incontrato il padre di Marilia in tribunale, lo descrive molto scosso.