E Califano è rimasto senza tomba

Dare una degna sepoltura al Califfo Franco Califano, morto il 30 marzo, e non lasciarlo invece in quel loculo temporaneo in cui è sepolto dai primi di aprile ad Ardea. La Siae si mobilita, e con il direttore generale Gaetano Blandini offre la piena disponibilità, anche economica, per risolvere il problema della tumulazione che vede mortificato un autore, attore e scrittore che ha dato lustro alla musica leggera. E un contributo anche per ogni necessità del futuro museo dedicato all'autore di «La musica è finita», «E la chiamano estate» e tanti altri importanti successi. Il via libera è venuto dal commissario straordinario Gian Luigi Rondi e dal presidente designato Gino Paoli. «Faremo di tutto per rispettare le sue ultime volontà - ha raccontato l'avvocato Marco Mastracci, legale di Califano da oltre vent'anni - ovvero essere sepolto accanto al fratello Salvatore, morto a 40 anni, e al nipote Franco, morto di leucemia a 18 anni. E scriveremo sulla lapide il titolo della sua canzone “Non escludo il ritorno“, così come ci aveva chiesto. Ad Ardea sarà allestito il suo museo personale dove saranno raccolti i suoi strumenti e tutto quello che più era caro al maestro. Sarà anche la sede di un'associazione che porterà il suo nome, per ragazzi che vogliano studiare musica, come lui avrebbe voluto».

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento