Fiat, Marchionne: "Resta in Italia"

L'ad del Lingotto assicura: "Manterrò la Fiat in Italia con i guadagni fatti all’estero". Della Valle non ci crede: "Fuggono alla chetichella". Elkann: "Troppo livore"

Non è di certo un buon momento. Da un lato la crisi economica che sta ferendo duramente le vendite nel mercato automobilistico, dall'altro il violento braccio di ferro tra l'ad Sergio Marchionne, i sindacati, il governo Monti e una buona parte degli industriali. I dati parlano da soli: nei primi otto mesi del 2012 il gruppo Fiat ha immatricolato in Europa 557.090 unità, in calo del 16,6% sul 2011. In una intervista con Ezio Mauro su Repubblica, Marchionne ha spiegato di non aver mai parlato di esuberi: "Non ho proposto chiusure di stabilimenti, non ho mai detto che voglio andare via. Ci vuole una responsabilità molto elevata per fare queste scelte oggi". Sabato prossimo il presidente del Consiglio Mario Monti incontrerà Marchionne per chiarire la posizione del Lingotto.

Crollano le vendite di auto della Fiat nel mercato europeo in estate, con una quota di mercato in contrazione. Nel mese di agosto Fiat Group Automobiles ha immatricolato in Europa 37.687 unità, in calo del 17,7% rispetto ad agosto 2011. A luglio invece il Lingotto ha ceduto rispetto ad un anno fa il 16,4% a fronte di 63.146 nuove vetture. A giugno il calo era stato del 16,7%. Nei sette mesi le immatricolazioni sono state 519.403, in flessione del 16,5% rispetto ad un anno fa. Nella lunga intervista a Repubblica, l'ad del Lingotto dettaglia i problemi legati alla produzione in Italia, ma ribadisce al tempo stesso che l’impegno di Fabbrica Italia verrà mantenuto: "Era basato su cento cose, e la metà non ci sono più per effetto della crisi. Lo capirebbe chiunque. Io allora puntavo su un mercato che reggeva, ed è crollato, su una riforma del mercato del lavoro, e ho più di 70 cause aperte dalla Fiom".

A detta di Marchionne, sia in Italia sia nel Vecchio Continente non c'è spazio per sfornare nuovi modelli. "Se io avessi lanciato adesso dei nuovi modelli avrebbero fatto la stessa fine della Panda di Pomigliano, la miglior Panda nella storia, 800 milioni di investimento, e il mercato non la prende perchè il mercato non c’è", ha sottolineato l'ad della Fiat facendo notare che il mercato europeo crolla più degli altri. Tuttavia, davanti ai timori che una Fiat americana non si occupi della produzione italiana, Marchionne ci ha tenuto a ricordare che gestisce un’azienda che fa 4 milioni e 100mila vetture l’anno. "Sono andato a Las Vegas e fra novità e restyling abbiamo fatto vedere ai concessionari 66 vetture. È il segno di un’espansione commerciale fantastica di un’azienda globale - ha continuato - non si può pensare alla Fiat soltanto come un’azienda italiana. Sarebbe in ritardo di dieci anni. La Fiat opera nel mondo, con le regole del mondo. Per essere chiari: se io sviluppo un’auto in America e poi la vendo in Europa, guadagnandoci, per me è uguale e deve essere uguale".

La "versione" di Marchionne, però, non convince Diego Della Valle secondo il quale il passo indietro sul piano Fabbrica Italia "è una vergogna". Per il presidente della Tod's, il Lingotto tenta di "far passare per normale che un impegno preso con il Paese sia diventato un pour parler". Consueto stile tagliente, parole nette, ai microfoni dell'Infedele Della Valle ha sottolineato che "la famiglia Agnelli non è una famiglia normale", ma ha degli obblighi verso Paese e lavoratori da cui "ha avuto un aiuto grandissimo". Per quello che "si è fatta dare" potrebbe essere considerata "una azienda pubblica". Il presidente della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo ha, invece, preferito non intervenire più sull'argomento e si è limitato a dire: "Per me è una vicenda amara per la quale non vorrei dire più niente".

"Non capisco il livore che lo anima. Sono stupito che alla sua età e con le aspirazioni che ha agisca in modo così irresponsabile", ha replilcato il presidente John Elkann, "La famiglia è assolutamente in sintonia. Siamo tutti estremamente uniti e il nostro sostegno a Marchionne è grandissimo. Il contesto in cui ci muoviamo è difficile, quindi dovremo tenerne conto per gli investimenti. Faremo scelte oculate". Ma ha ribadito: "Noi investiamo in Italia: abbiamo fatto un investimento molto importante da 700 milioni di euro. Stiamo investendo qui a Grugliasco un miliardo per le nuove Maserati. E questo è un dato di fatto".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di fabiobonari

fabiobonari

Mar, 18/09/2012 - 08:54

Si parla tanto di soldi, e poco di idee.

emma venturini

Mar, 18/09/2012 - 08:57

Ma quel...bollito braccialato non potrebbe pensare ai c,,,@i suoi ?

onofri

Mar, 18/09/2012 - 09:00

Cappello in mano ? E perchè fino adesso che hai fatto ? 500 Md da Obama, sovvenzioni in Polonia, in Serbia (che peraltro ha già fatto sapere di non avere più i soldi per onorare quel impegno), rottamazioni, cig e quant'altro in Italia. E in cambio ? un bel niente condito di nulla, anzi, un macello sociale sulla pelle di chi lavora per te e magari non vedrebbe l'ora di fare auto un pochino migliore a prezzi molto più ragionevoli. Se solo accetti l'offerta di VW per Alfa Romeo quelli ti fanno vedere come si fanno le auto, altro che cause con la Fiom. La verità e che tu sei un perfetto incapace, l'unico vero esubero del gruppo. Il tuo stipendio è pari a quello di tutte le maestranze per un mese. E in cambio cosa hai dato all'azienda ? niente di niente.

Ritratto di pedralb

pedralb

Mar, 18/09/2012 - 09:00

Ma perchè il sig. Della Valle non guarda in casa sua.....con le sue scarpe che rispetto al settore auto richiedono bassissima tecnologia e nella stragrande maggioranza sono prodotte da laboratori clandestini dove tanti cinesi lavorano alla stregua di schiavi.

Claudio53

Mar, 18/09/2012 - 09:05

Cosa pretendete che faccia gli affari dei sindacalisti , degli assenteisti, dei politici con tasse assurde. L'azienda privata deve fare profitto altrimenti viene fagocitato dal resto del mondo. Non c'è pietismo. E' la dura realtà.

gbsirio_1962

Mar, 18/09/2012 - 09:08

..ma lui rimane sempre li a fare il dirigente...col suo stipendio da favola...

Ritratto di Alex Biffi

Alex Biffi

Mar, 18/09/2012 - 09:10

Suggerisco, molto modestamente, al sig. Marchionne di fare come l'ormai falso crinito DellaValle, cioè far costruire la maggior parte della vettura in Cina o in Malesia, magari da bambinetti di sei anni, per poi finire di assemblarla in Italia, come fa il furbastro marchigiano con le sue Tod's od Hogan, al fine di affibbiargli il made in Italy e farle pagare un occhio della testa, con buona pace dei sindacalisti dementi o... conniventi.

Ritratto di aliberti.

aliberti.

Mar, 18/09/2012 - 09:11

Della Valle farnetica, Marchionne dirige in modo avveduto la multinazionale fiat ed ha il diritto dovere di massimizzare i profitti per gli azionisti rispettando le regole dello stato in cui opera, se non lo facesse dovrebbe solo dare le dimissioni...se si vuole ridar fiato a questo mercato si cominci con l'abbassare le tasse che gravano sull'auto ed a porre un limite di decenza alle tariffe assicurative

Cuciapinocasemi...

Mar, 18/09/2012 - 09:20

A parte il fatto che non vedo cosa gliene possa fregare a uno come Della Valle di cosa faccia la FIAT,non ci venga a raccontare, sempre il Della Valle, che lui la sua produzione l'ha concentrata in Italia!!

Ghiringhelli Mario

Mar, 18/09/2012 - 09:20

tutta invidia per lo stipendio di Marchionne, nèèè? straquoto quelli del "bollito braccialato". Per Marchionne, valga di supporto morale la pochezza del Romiti di ieri sera a radio 24: a leccato il cu.lo a Landini della Fiom. Il Cesare, vi ricordate, ne licenziava a decine di migliaia quando era lui l'AD, contro si misero con la marcia dei 40.000. Ricordate? e allora lo Stato,(noi) a pagare la CIG per l'Avvocato e per il Furio Colombo a New York. Ricordate? chi non ricorda allora si faceva la pipì a letto o era senza cervello.

Claudio53

Mar, 18/09/2012 - 09:21

Alex Biffi # concordo al 100 % e conosco pure io personalmente cosa fa Mr Tod's. Dovrebbe vergognarsi o almeno stare zitto !!

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Mar, 18/09/2012 - 09:24

@GBSIRIO: infatti è pagato per fare il dirigente, non il mecenate od il poeta. E' vero che la Fiat ha succhiato un sacco di denari allo stato, ma hanno fatto comodo a molti. Tempi passati: ora ha ragione CLAUDIO53, siamo alle coltellate purtroppo. O così o peggio. Saluti

Ritratto di maurocnd

maurocnd

Mar, 18/09/2012 - 09:25

Certo che se Fiat nel corso dei decenni passati ad oggi avesse fatto automobili più affidabili e curate, senza quella valangata di 'optional'(le concorrenti li offrono nell'allestimento) che aumentano i costi di acquisto in modo spaventoso ed in molti casi sono obbligatori, se facesse delle automobili da comprare e non dei furgoncini con sedile dietro spacciati per auto, se, se, se ...io, come tanti altri, ne avrei acquistata una. Invece ho comprato una giapponese di cui sono MOLTO soddisfatto e, ad oggi, non ho avuto un problema e non sono mai rimasto a piedi. Per quanto mi riguarda Fiat potrebbe construire delle macchine da cucire che non ne sentirei la mancanza.

sergiom

Mar, 18/09/2012 - 09:29

Non vedo come gli si possa dare torto, la prova è fare un esercizio pensando di aprire un impresa, anche piccolissima, il risultato viste le imposte da pagare e burocrazia, è altamente scoraggiante. Altro discorso sono i denari che ripetutamente la Fiat ha preso da noi cittadini negli anni passati.

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Mar, 18/09/2012 - 09:35

Apprendo dai commenti che è mr Della Valle che vende le scarpe hogan. Perchè non sta zitto, allora, considerato quello che ci sta dietro? Saluti

Mario Marcenaro

Mar, 18/09/2012 - 09:48

Mi sembra che cominci a delinearsi un "vago" sospetto: ma non sarà che il sig. Della Valle stia anelando ad accreditarsi quale Responsabile Operativo di una certa FIOM? Stiano attenti i Responsabili attuali di quest'ultima: questo signore é, fra l'altro, anche presidente della Tod's, pertanto un "bieco" capitalista" e, in quanto tale, degno solo di un continuo ostracismo proletario, cerchino di ricordarselo. A meno che, il che é ancor peggio, non aneli ad una poltrona senatoriale, il che sembra qualche cosa di più di un sospetto. Diversamente, con tutta la pecunia e la visibilità di cui dispone, ma chi glielo farebbe di agitarsi tanto, ipotizzando con sdegno addirittura comportamenti fraudolenti. Probabilmente però, lui capitalista, é entrato definitivamente nel girone infernale di coloro che pensano che le aziende siano esclusivamente Opere di Beneficenza, a parte le sue naturalmente, che pertanto cerca di difendere con le esternazioni descritte. Comprendiamolo!

magilla967

Mar, 18/09/2012 - 09:55

Della Valle ha detto la sacrosanta verità. Anni di aiuti di Stato, decenni! Contributi e sovvenzioni in ogni Paese in cui si sono inseriti. Fanno gli imprenditori, da più di un secolo, coi soldi degli altri, cioè i nostri, quelli di tutti. Lo negate? ma da che parte state? Chi vi paga? Facessero auto degne di questo nome. Marchionne ama parlare di concorrenza, ma poi gli dà fastidio perchè gli altri produttori non fanno obbrobrii come quelli che producono loro.... e quindi non vendono..... Perchè, se la Bravo, la Qubo, la Sedici e la Freemont le facessero in Malaysia, le comprereste??? Diventerebbero belle auto o resterebbero quegli sgorbi che sono? Sono d'accordo sulla necessità che tutti, anche i lavoratori e i sindacati, facciano la loro parte, non è più tempo di accampare solo e sempre diritti. Ma questi utilizzatori cronici di finanze pubbliche devono decidere cosa vogliono fare da grandi, e camminare sulle proprie gambe! Bravo Della Valle!!!

onofri

Mar, 18/09/2012 - 10:07

Claudio53: scrivo a lei per rispondere a tutti quelli che hanno visto un pò troppi film americani. Un azienda è una personalità giuridica a cui la legge riconosce diritti e doveri, economici sociali ed etici. Questo è maggiormente vero per la stragrande maggioranza del Vecchio Continente, salvo quei paesi in cui, guarda caso, la Fiat è così interessata. Un azienda NON ha come unico scopo quello di generare profitti. Ci mancherebbere altro. Così fosse bisognerebbe togliersi il cappello di fronte alle organizzazioni mafiose, o fin anche quelle terroristiche. Sono SEMPRE in utile e spesso fanno anche attività legali. Chi si occupa solo di generare profitti è lo stesso che ha causato la crisi in cui ci troviamo oggi. Quando la FIAT produce in Polonia o Serbia schiavizzando i dipendenti e ottenendo in cambio un prodotto di bassissima qualità (non si vede perchè l'operaio serbo debba metterci del suo per fare un prodotto migliore visto come viene trattato) non può poi pretendere di venderla a prezzi come se fosse stata fatta con i costi tedeschi. Io non mi capacito di come i giapponesi o coreani riescano a produrre il medesimo segmento con una qualità e un dinamismo notevolmente superiori ma a prezzi inferiori.

elalca

Mar, 18/09/2012 - 10:07

io non so perchè lo "scarpolino" continua a parlare. Stia zitto e vada in vietnam a vedere le sua fabbriche. stia fuori dall'italia e basta. Imprenditorialmente vale meno di un dattero, chiedetelo al fratello Andrea, politicamente è un surrogato di vendola-casini-bersani-bindi più tutto il peggio che si possa immaginare. vada ai ricevimenti a fare il maestro di cerimonia ma stia lontano dall'imprenditoria e dai media perchè è una bestia

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mar, 18/09/2012 - 10:11

E se andassimo veramente al nocciolo del problema fiat? Imparassero una buon volta a fare auto. Lasciatelo dire ad uno che ha restituito una fiat dopo tre settimane. Non avevo letto nel depliant che gli scricchiolii sono un accessorio obbligatorio ben conosciuto dalla casa nè il concessionario mi aveva avvisato. Io volevo un'auto, non un concerto viaggiante. Ora ne ho una straniera che non si sente nemmeno il motore. Difficoltà di progettazione? incuria nell'assemblaggio? Fatto sta che le altre case automobilistiche ti danno auto superiori a parità di segmento.

Ritratto di ettore muty

ettore muty

Mar, 18/09/2012 - 10:15

che marchionne fosse un pacco era chiaro , che elkan bau bau fosse un bamboccio pure ....ma che dellavalle fosse comunista questo no mi consenta cribbio!!!!

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Mar, 18/09/2012 - 10:15

questo succede quando ai massimi livelli di un'azienda siedono INCAPACI il cui unico pregio è quello di essere ammanicati con altri INCAPACI della politica.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 18/09/2012 - 10:15

"..... e ho più di 70 cause aperte dalla Fiom". Questo la dice lunga....FIAT,se non riceve soldi,"aiuti",dallo Stato Italiano,con questo andazzo,perderà,cambierà presto la vocazione di "OPERA PIA FIAT". Comunque sia,non preoccupatevi,finirà come è sempre andata con FIAT,e tutto l'interesse che ruota attorno ad essa in Italia....

a.zoin

Mar, 18/09/2012 - 10:17

Oltre che alla crisi per la FIAT,ci mancava il governo Monti!!! Monti ,una persona molto presunziosa,ma di politica non ne capisce proprio NIENTE. Con i governi che si fanno chiamare (Democratici) ma in realtà, sono ROSSI-AZZURRI,più ROSSI che AZZURRI ,MA, di una corruzzione e una falsità,senza pari.Perdipiù, sono sempre quelli. Negli anni passati,hanno venduto,o fatto chiudere-MULTINAZIONALI- dove tutti mangiavano a sbaffo, POLITICI-e-DIREZIONE. Questa della FIAT, è il simbolo dell`Italia,(GUAI SE DOVESSE SUCCEDERE.) Quello che si sarebbe dovuto fare,ancora dai tempi di Agnelli, >>>PIÙ CONTROLLI

vacabundo

Mar, 18/09/2012 - 10:21

La fiat resta in italia fino a quando riceverà dei cospicui contributi, se no, va a produrre altrove come già sta facendo da anni.Appena il governo chiude la borsa, la fiat, minaccerà la nazione,il governo, gli stessi operai e se ne andrà verso nazioni che le regalano tutto così come abbiamo fatto da una vita da tempo.Insomma, secondo me, la fiat, vive di risorse altrui,quindi sarebbe ora di finirla,in nome della austerità impostaci a noi tutti meno che ai politici .ECCELLENTE DEMOCRAZIA SIG, PRESIDENTE NAPOLITANO.VIVA LEI.Memento homo, quia pulvis es et in pulverem reverteris.

giovanni PERINCIOLO

Mar, 18/09/2012 - 10:24

Come al solito arrivano i commenti "intelligenti" dei trinariciuti. Mi spiego meglio. Da una parte ricordano che nel passato Fiat ha spesso "profittato" di aiuti di stato per restare a galla e continuare ad impiegare una barcatnoi

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Mar, 18/09/2012 - 10:26

questo è il genio che produce la 500L in periodo di crisi con modello base a 14.000 euro producendola in serbia ad un terzo del costo che aveva in Italia e facendosi dare il 33% dal governo serbo mentre il resto lo mette Fiat (o meglio, noi). Il solito magna-magna insomma.

mariolino50

Mar, 18/09/2012 - 10:27

La fiat ha distrutto due marchi una volta prestigiosi, Lancia ed Alfa, il padrone della Bmw una volta si levava il cappello quando vedeva un Alfa, ora ride se riesce a vederne qualcuna, questo qui pretende di vendere le chrysler e le dodge cambiandoli il nome, cosa pensa che siamo tutti stupidi, come fà capire Romiti lui di macchine ci capisce poco, assai più di finanza, ma la fiat fabbrica auto o è una banca, gli altri tirano fuori nuovi modelli per svegliare il mercato e lui continua con roba vecchia e fatta all'estero, allora fatte fuori lo stesso uno compra cosa vuole, tanto sono tutte straniere, e in genere meglio di quelle che fà lui nel terzo mondo.

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Mar, 18/09/2012 - 10:30

@a.zoin "presunziosa" - "corruzzione". Uno come lei non riuscirebbe a lavorare in fiat neanche adesso che produce in serbia. Una lingua più vicina alla sua a quanto pare.

antonin9421

Mar, 18/09/2012 - 10:30

onofri... il sempre-nominato bue che da del cornuto all'asino "un perfetto incapace, l'unico vero esubero..un bel niente condito di nulla", il parolaio soffia-sentenze nel vento freddo del'ideologia perdente sconfitta dalla storia dell'umanità.

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Mar, 18/09/2012 - 10:31

Premesso che non amo Marchionne e che la Fiat dovrebbe rivedere un pò i suoi prezzi e la qualità, mi chiedo come mai quei pochi italiani che si possono permettere di acquistare una vettura nuova si fanno allettare dalle offerte di tante carrette costruite chissà dove, provate a rivenderle tra qualche anno! Per non parlare poi dei pezzi di ricambio e la manutenzione (provare per credere)! L'esterofilia è stato sempre il tallone di Achille di noi italiani ...finirà che mangeremo gli spaghetti in scatola e il vino cinese e saremo tutti felici e contenti!

Ritratto di Alex Biffi

Alex Biffi

Mar, 18/09/2012 - 10:32

Uhe, #magilla, per caso la 500, la Panda, la Giulietta o la MiTo le fai tu, assieme al quel gran capataz del Diego amico tuo? Che hai da ridire poi sulla Freemont? Sta benissimo al pari di tanti altri SUV, mi pare. E' la solita esterofilia di un popolino affetto da atavico complesso d'inferiorità e da invidia verde, che si trasforma subito in livore nei confronti di chi sa guardare un pochino più lontano del proprio orticello. Che sia anche tu della ... fiorentina?!

onofri

Mar, 18/09/2012 - 10:34

Mario Galaverna : e lei non è l'unico. mi creda: si inizia a vedere l'effetto Fiat anche sulla nuova Jeep. Restituita dopo 2 settimane, peraltro di loro officina, perchè il caro vecchio impianto stereo + altre bischerate NON funzionava per niente.

marvit

Mar, 18/09/2012 - 10:38

onofri,operai Polacchi e Serbi shiavizzati dalla Fiat??Vi rendete conto di quello che scrivete?Su,un pò di vergogna:per cortesia

Mario-64

Mar, 18/09/2012 - 10:40

La FIAT da 40 anni non fa uno stabilimento a nord di Roma ,scelte politiche per portare lavoro dove non c'era. Ovviamente la FIAT ha ricevuto soldi per questo ,non e' certo economico per un'azianda di Torino produrre auto a Palermo... Se no gli operai palermitani oggi farebbero le guardie forestali pagati da noi ,cosa cambierebbe??? Quanto allo scarparo ,ma perche' non si fa' gli affari suoi?? Ricordiamogli che Marchionne ha preso in mano un'azienda fallita ,ha "fregato" due miliardi di dollari alla General Motors ,ha comprato la Chrisler e rilanciato il gruppo a livello mondiale. Se poi in Europa il mercato crolla mica e' colpa sua...

Ritratto di Alex Biffi

Alex Biffi

Mar, 18/09/2012 - 10:41

#MarioGalaverna, sarà mica il tuo cervello a scricchiolare? Io ho sempre avuto Lancia, sette per la precisione, e dei tuoi supposti scricchiolii non ho mai avuto sentore. Se gli stabilimenti italiani avessero la stessa produttività di quello polacco e parlo in special modo per quello di Pomigliano, le cose andrebbero un tantino meglio, presumo. Però mi viene un dubbio: certo in Polonia mica gioca il ...napoli.

onofri

Mar, 18/09/2012 - 10:44

antonin9421: va bene, se lo dice lei sarà vero. già finito di guardare i pockemon ?

Ritratto di deep purple

deep purple

Mar, 18/09/2012 - 10:44

Speriamo veramente che la Fiat non chiuda gli stabilimenti Italiani. Di sicuro Della Valle non è un campione di onestà e simpatia. Tuttavia, faccio una domanda a tutti: secondo voi, qualora la Fiat e altre imprese nostrane che hanno avuto "aiuti", decidessero di trasferire la produzione all'estero, sarebbe una buona proposta obbligarle a restituire tutti i soldi che in tutti questi anni hanno ricevuto dallo stato Italiano e darli a tutte quelle persone che perderanno il posto di lavoro?

onofri

Mar, 18/09/2012 - 10:48

marvit: mi faccia vergognare.

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Mar, 18/09/2012 - 10:48

@marvit gli operai serbi, e dico serbi, non parliamo dei leader nella produzione di auto sul pianeta, devono lavorare ore/giorni in più perchè i componenti dei fornitori sono scadenti. Non è più produzione questa: è improvvisazione.

onofri

Mar, 18/09/2012 - 10:57

Alex Biffi : SUVvia, sia onesto. Tutti noi se possiamo consumiamo Italiano, ma non per questo bisogna necessariamente essere fessi. io sono quello che si può dire un moderately frequent flyer. Non amavo affato volare con Alitalia perchè a parità di prezzo il servizio che mi veniva offerto dalle altre compagnie era di gran lunga migliore (in particolare quello a terra e spesso neanche per diretta responsabilità dei dipendenti alitalia devo dire). Se e quando c'è un eccellenza o quanto meno una qualità percepita adeguata (e prezzo ragionevole) nessuno si sogna di uscire dai confini. Però sarà d'accordo che lo scricchiolio di SERIE su tutte le Fiat, lo scollamento di quasi tutto quello che c'è nell'abitacolo e tutto il corollario di problemi che hanno scoraggiano l'acquisto. Le dirò di più, il freemont non mi dispiace, ma non vale davvero quello che chiedono. recentemente ho visto una nuova lancia, credo l'ammiraglia. non è male, ma è solo una copia di un qualcosa fatto negli stati uniti. ammesso pure che io non voglia essere esterofilo, che senso ha comprare qualcosa marchiato italia ma che è di fatto prodotto negli USA ? e lasciamo perdere la guerra dei poveri ovviamente.

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Mar, 18/09/2012 - 11:00

@antonin9421 a me sembra che chi perde nella storia dell'umanità sia sempre e solo lei. Ha mai pensato di farla finita visto il disprezzo misto a pietà di chi la incrocia?

magilla967

Mar, 18/09/2012 - 11:05

Mi spiace per te, ma non sono né della Fiorentina, né marchigiano né legato in alcun modo alle aziende di Della Valle. Sono uno che lavoro in proprio, che investe e rischia sulla propria persona e capacità, che NON fa un euro di nero, che può dirsi soddisfatto di come gli vanno le cose e che non attende la mucca-Stato per fare il grande imprenditore.... E che soprattutto, a differenza dei truffatori evasori fiscali e della famiglia di Torino, mi sbatto e agisco con le mie sole forze, senza fregare il prossimo - i primi - e usare i soldi degli altri (pubblici) - i secondi.

PEPPINO255

Mar, 18/09/2012 - 11:12

Marchionne resta in Italia ma con i conti correnti "rigorosamente" in Svizzera! Se gli stessi operai Fiat hanno stipendi da sopravvivenza che non permettono l'acquisto "NEMMENO di UNA MACCHINA FIAT", in che modo Marchionne spera in una ripresa ? Mi viene un dubbio: che abbia frequentato anche lui la Bocconi ? La Germania paga salari ben più alti e produce auto di miglior qualità e prezzo più alto, ma i suoi operai possono permettersi di comprare le auto teutoniche. Marchionne, la differenza dei salri serve a finanziare il proprio mercato !!! Dillo alla BOCCONI che questa cosa te l'ho detta io !....

Rossana Rossi

Mar, 18/09/2012 - 11:12

La vera verità è che oramai nel mondo si producono più auto di quanto ne servano. A che serve produrne di più, a riempire i piazzali pur di far funzionare le fabbriche? Non mi sembra una gran soluzione........

killkoms

Mar, 18/09/2012 - 11:20

@alberto43,intanto la freemont è la 7 posti più venduta in Italia!certa gente parla perchè ha la bocca!il problema di marchionne,una volta acquisita chrysler,è stato quello di gestirne i relativi marchi,tutti presenti in Italia,e che ovviamente erano troppi!da qui,la decisione di lasciare in Italia solo il marchio jeep,mentre negli USA solo la 500 avrebbe rappresentato fiat,in attesa del ritorno dell'alfa romeo!quindi, il"rimarchiare"fiat o lancia le chrysler e le dodge già vendute in Italia,non era assolutamente la novità annunciata da marchionne!era una soluzione tampone in attesa dei nuovi modelli che potevano essere costruiti in europa o negli USA con identiche caratteristiche,salvo i marchi!addirittura,marchionne con l'uscita dall'Italia(e da altre zone d'europa)dei brand chrysler e dodge,ha dovuto gestire anche la delicatissima pratica dei concessionari dei brand predetti,poichè non a tutti sarebbe stato rinnovato il mandato,sovrapponendosi le loro strutture a quelle fiat già presenti!ma queste cose certe bgente non le comprende,e saluta solo i successi della"auto del polo",che ha una struttura immutata da decenni,è andata sul redditizio mercato cinse più di 20 anni fà,e costruisce componentistica e motori in ungheria e cechia!

churchill

Mar, 18/09/2012 - 11:21

Della Valle pensi agli affari suoi. Se fosse al posto di Marchionne che ha i sindacati che vogliono gestire la sua azienda prenderebbe le stesse decisioni. Il problema é che l'Italia é un paese dove é diventato impossibile fare impresa. Allora per competere le decisiono di Marchionne si impongono. Nb. meglio una Fiat all'estero che una Fiat in Italia sovvenzionata dalle tasse dei cittadini italiani. Abbiamo gia' dato.

antonin9421

Mar, 18/09/2012 - 11:21

scorpion12... che pena! Per te "disprezzo..e..pietà" e pace.

Ritratto di unLuca

unLuca

Mar, 18/09/2012 - 11:21

Facciamo così; FIAT restituisce all'Italia tutte le sovvenzioni e gli aiuti ricevuti, poi va dove crede.

rokko

Mar, 18/09/2012 - 11:25

@Alex Biffi, la mia terzultima auto è stata una Lancia K 2.4 che di scricchiolii non ne ha mai prodotti (anzi, era di una comodità impressionante), ma mi ha dato tanti e tali problemi di affidabilità che per disperazione ho dovuto cambiarla perdendo un sacco di soldi. Il punto è che non fanno testo i casi particolari, occorre guardare sempre in generale.

antonin9421

Mar, 18/09/2012 - 11:27

onofri... scorpion12... idem cum patatibus.

marvit

Mar, 18/09/2012 - 11:28

PEPPINO225.Benissimo.E il successo di Marchionne in America come lo giustifichiamo?? Colpo di c..lo di un "forse" bocconiano?

onofri

Mar, 18/09/2012 - 11:36

killkoms, msg delle 11:20. Confesso di non aver capito un gran chè del suo post. Di fatto non mi pare che tutte queste decisioni abbiano funzionato.

giovannibid

Mar, 18/09/2012 - 11:39

Per forza gli industriali scappano con le tasse che i governicchi ci propinano con l'ELEVATISSIMO costo del carburante con le imposte sui patrimoni con le tasse comunali, provinciali, regionali oltre a quelle solite dove credete che si possa effettuare un po di guadagno? Basterebbe un po di intelligenza e meno affarismo politico-privato e sopratutto meno MAGNONI ALLE SPALLE DEI CITTADINI

Ritratto di elio2

elio2

Mar, 18/09/2012 - 11:39

Ma chi si crede di essere questo della valle, è stato uno dei primi a delocalizzare e ora vuole dare lezioni di moralità agli altri. E' proprio vero che un sinistro rimane sempre un sinistro, fate ciò che dico ma non ciò che faccio.

Ritratto di Alex Biffi

Alex Biffi

Mar, 18/09/2012 - 11:40

#Onofri, non penso sia questtione di onestà, ma di non farci prendere in giro da un untorello che produce le sue scarpe in estremo oriente e le spaccia come "made in italy". Lei ha ragione nel sostenere che ci siano prodotti migliori di quelli FIAT, ma non certamente a prezzi inferiori, anzi. Le assicuro che sulle mie Lancia non si è mai scollato nulla, non saranno delle Mercedes, ma costano molto meno. Eppoi che male c'è nel comprare un prodotto a marchio italiano, seppur prodotto negli USA, se questo permette di mantenere aperti i poco produttivi opicifici italici?

Manuela1

Mar, 18/09/2012 - 11:41

Completamente d'accordo con Della Valle. Marchionne che poi dichiara "dovrei andare in giro con il cappello in mano" fa un pò ridere....

marvit

Mar, 18/09/2012 - 11:43

unLuca.Veramente d'accordo.Guardi però che una sostanziosa parte dei finanziamenti Fiat è confluita nelle tasche dei dipendenti(come paghe ed esuberi)e nelle tasche dei sindacati e sindacalisti(come contributi e carriere)Facciamo restituire tutto a tutti!!

Ritratto di Cinghiale

Cinghiale

Mar, 18/09/2012 - 11:46

Ho avuto una Fiat Bravo per 22 mesi, è stata in officina 58 giorni di calendario!!! L'ho cambiata per la disperazione. Che facciano meglio le macchine e magari qualcuno le compra. Le auto Fiat fanno c@g@re.

Ritratto di Alex Biffi

Alex Biffi

Mar, 18/09/2012 - 11:49

#Rokko, sette Lancia su sette non mi sembrano un caso particolare, in famiglia abbiamo anche una 500 e una MiTo... saremo particolarmente fortunati, chissà... P.S. Invito chiunque a segnalare una piccola utilitaria curata e assemblata meglio della 500...

onofri

Mar, 18/09/2012 - 11:53

Alex Biffi, msg 11:40. Quelle di Della Valle sono opinioni al pari delle nostre. In tutta onestà non sono un grande esperto dei suoi prodotti. Non so se le fa davvero in estremo oriente per poi rivenderle in Italia. Le confesso che ho provato a fare una ricerca veloce sul web, ma non ho trovato niente. Se lei sa qualcosa in più le dico grazie. Però non cambia la sostanza. Apprezzo che lei difenda l'italianità, ma la politica dello struzzo non funziona. Lei è stato fortunato oppure le sue aspettative sono minori. La qualità dei marchi Fiat è purtroppo tristemente nota. Non ho ben capito la logica: se io compro in Italia una Fiat fatta a Detroit, pomigliano rimane aperto pur non producendo nulla ? Lei comprerebbe il parmigiano fatto ad Atlanta ?

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mar, 18/09/2012 - 11:53

Alex Biffi, gli scricchiolii riguardavano l'ultimo aquisto fiat. Se le faccio l'elenco delle bidonate fiat che ho ricevuto rischio una denuncia. Mi capisca, potri partire dalla topolino.

AndreaT50

Mar, 18/09/2012 - 11:54

Prima di andarsene bisogna che paghi il conto ovvero ridia indietro tutti i soldi (e sono tanti) che lo Stato Italiano (cioé noi)ha a lor signori donato.

Ritratto di aquila8

aquila8

Mar, 18/09/2012 - 11:55

Basta con questi spettacoli fatti per Beatificare Mamma Fiat l'Americanizzata che grazie ai politicanti ha indebitato Torino,distruggendo la piccola e media impresa.Infatti se non c'era la Fiat sarebbe stato meglio per tutti e anche noi avremo potuto avere dei marchi come la Germania.Dobbiamo dire Basta ai Finanzieri imprenditoriali,i quali pensano solo a far denaro e non glie ne frega niente dell'industria.Se siamo sommersi dalla merda,dobbiamo solo ringraziare i Democristiani e Comunisti venduti. Per questo dobbiamo costruire subito un grande monumento in Onore al Presidente della Repubblica per avere salvato la Seconda Repubblica con tutta la ciurma di politicanti a seguito,grazie al suo Governo di Dio degli illuminati SuperProfessori Bocconiani Clericali,soprattutto per aver concesso il mercato delle vacche al Messia affinchè potesse risuscitare per spianare la strada al Super Professore Monti. Finalmente viene alla luce il marciume politico di ABC & C.,l’Ufficializzazione della Spartizione politica delle Istituzioni e che la: “GIUSTIZIA NON E’ MAI STATA UGUALE PER TUTTI”.Questa è la conferma che nella vita non si deve credere a niente,dove Dio è solo un’Illusione immaginaria usata dai Grandi Maestri Burattinai e dal Vaticano per gestire il potere spaventando il popolo.Amen.

onofri

Mar, 18/09/2012 - 11:56

marvit : e perchè i dipendenti dovrebbero restituire i soldi ? Guardi che loro NON DECIDONO niente. Se un azienda va così male è difficile che la responsabilità sia di chi NON PUO' decidere NULLA.

onofri

Mar, 18/09/2012 - 12:00

antonin9421: dia retta, credo che al momento stiano trasmettendo la prova del cuoco. mi rendo conto sia un programma un pochino impegnativo per lei, ma se ci si mette di impegno penso si potrebbe anche divertire. studi le tagliatelle di nonna pina.

onofri

Mar, 18/09/2012 - 12:07

... e poi qualcuno mi sa spiegare perchè in questa foto Marchionne ha due orecchie supplementari che gli spuntano dalla base del collo ?

antonin9421

Mar, 18/09/2012 - 12:11

onofri... ecco, quando parli così va un po' meglio, almeno dai prova del tuo livello culinario, tutto il rimanente non fa per te. Pace.

agosvac

Mar, 18/09/2012 - 12:13

Della Valle parla e sparla della Fiat ma io gli vorrei chiedere: quante centinaia di migliaia di scarpe si fa fare all'estero a due soldi per poi venderle in Italia ed all'esero come "puro prodotto" italiano????

agosvac

Mar, 18/09/2012 - 12:23

# onofri. Egregio lettore, o lei è leggermente stupido oppure è un grande ignorante! Non c'è vettura della Fiat che sia inferiore a quelle costruite dalla VW! VW vorrebbe acquisire Alfa Romeo solo ed esclusivamente perchè la tecnologia Alfa Romeo è di gran lunga superiore a quella sua! Purtroppo molti italiani ragionano come lei: sono esterofili! Se una cosa qualsiasi è contruita all'estero, specie in Krante Germania, è di sicuro, per definizione, superiore alle altre. Niente di più sbagliato. Ho già detto altre volte e lo ripeterò fino alla nausea che la tecnologia Fiat è attualmente all'avanguardia in tutto il mondo: i diesel multijet ed i motori a benzina twinair e multiair( lei sicuramente neanche sa cosa siano, s'informi!) uniscono un bassissimo inquinamento ad un consumo molto ridotto ed una potenza maggiore degli equivalenti motori più tradizionali.D'altra parte l'altro grande difetto degli italiani, almeno di molti di loro, è l'ignoranza e la supponenza.

Alksindrs

Mar, 18/09/2012 - 12:28

All'estero dove? che non vende una fiat manco per miracolo? Il mercato e' in difficolta' ma solo quello della fiat e' crollato, mentre audi bmw renault arrancano ma vendono ancora (e li gli operai li pagano piu' che in italia). Forse perche' la fiat non e' un prodotto valido? E se e' cosi', di chi e' la colpa?

Ritratto di VT52na

VT52na

Mar, 18/09/2012 - 12:30

... lo «stratega» della disfatta dell' FIAT in Italia ?!|?!?! ...

claudio faleri

Mar, 18/09/2012 - 12:49

italia allo sfacelo, hanno voluto entrare nell'euro, noi non siamo da euro ma da quarto mondo e il bello a da venire la fiat non si è mai rinnovata ha vissuto con i soldi della cassa integr. dati dai tanti governi che si sono avvicendati, succhiando soldi senza programmare nulla, italia fanalino di coda dell'europa, io che un po ho girato conosco il tipo di considerazione che hanno degli italiani, al dilà delle solite idiozie che si propongono in televisione......i migliori nel mondo, balle

reliforp

Mar, 18/09/2012 - 12:50

Agosvac...Comunanza (AP)-via Merloni, 7; Comunanza (AP)- via S.maria, 2-4-6; Sant'Elpidio a Mare (AP)-via filippo Della Valle,1; Bagno a Ripoli, Loc.Vallina (Fi)-Via del Roseto, 60;Bagno a Ripoli(Fi)-via del Roseto,50;Tolentino (Mc)-via Sacharov 41/43...quali di questi stabilimenti le sembra ubicato in Cina? Della valle non è simpatico anche a me, non fosse altro perchè amico di clemente Mastella , ma è l'unico imprenditore che, in un momento di crisi, ha messo in tasca ai suoi dipendenti circa 1000 euro? Marchionne, in compenso, ha messo in tasca nulla ai suoi dipendenti, parlo delle tasche davanti, perché im mezzo a quelle di dietro..qualcosa l'ho a messo di sicuro. E senza lubrificante.

Ritratto di unLuca

unLuca

Mar, 18/09/2012 - 12:52

se la FIAT perde il 17% e gli altri meno un motivo ci sarà oppure è tutta colpa della cattiva sorte ?

Il giusto

Mar, 18/09/2012 - 12:54

Come volevasi dimostrare...hanno distrutto fiat e adesso chiedono altri soldi!Date il foglio di via a marchionne,divieto assoluto di rientrare in Italia!!!!

Ritratto di stock47

stock47

Mar, 18/09/2012 - 13:01

Della Valle ha ragione e Marchionne mente sapendo di mentire. E' rivelatrice la sua stessa frase di risposta che dice: "Manterrò la Fiat in Italia con i guadagni fatti all'estero". Il "manterrò" vuol dire che non si aspetta sviluppo e guadagni dall'Italia ma una spesa di mantenimento da fare giocoforza, in pratica un elemosina che ha lo scopo di far vedere lucciole per lanterne mentre fa i suoi affari all'estero. E' ovvio che una cosa mantenuta per dovere, prima o poi, dovrà fare la fine di una cosa che ha da finire e da essere smantellata, salvo che escano fuori nuove prospettive economiche e industriali. In ogni caso una cosa mantenuta al minimo e sempre sull'orlo di essere chiusa definitivamente. Sì, ci stanno prendendo in giro.

Ritratto di limick

limick

Mar, 18/09/2012 - 13:08

Ecco come coerenza vuole, ci sono i professori al governo e insegnano bene come funziona il sistema assistenzialistico italiano: produrre e guadagnare all'estero per mantenere in perdita la fabbrica italiana e foraggiare un po' di operai votanti. Dopo la poltrona di senatore a vita ci vorrebbe una laura ad honorem in economia per Monti e la sua accozzaglia di incapaci.

Daniele Sanson

Mar, 18/09/2012 - 13:10

Dove produce le sue famose scarpe Todss vendute in Italia e nel mondo il signor Della Valle ? Non ho dati concreti ma credo che la maggior parte provenga da paesi dove la manodopera costa pochissimo realizzando così quei guadagni che gli hanno consentito addirittura ,se qualcuno ricorda, di restaurare il Colosseo ....classica sparata finita nel nulla. Ora si permette di criticare Marchionne che ha veramente cambiato Fiat rendendola un gruppo mondiale . Quanto afferma mister Della Valle alla luce della crisi europea con marchi come Opel,Peugeot Citroèn ,Renault,che accusano gli stessi problemi di Fiat è offensivo . Le macchine invendute nei piazzali non si possono mettere in una scatolina di cartone, immagazzinarle e tirarle fuori per la prossima stagione !!! Ridicolo danisan

killkoms

Mar, 18/09/2012 - 13:22

@alksindrs,ma quali statistiche vedi?in Italia stanno perdendo TUTTI i costruttori di autoveicoli!quando fiat perdeva il 20%,audi e"auto del popolo"perdevano il 17%!addirittura, costruttori come renault,psa,ford e opel hanno perso più di fiat!ma lo sà che opel(GM)è in perdita da 11 anni,e che và avanti solo perchè fà parte di un grande gruppo americano?la crisi è generale per l'automobile in europa,ed in particolare in Italia causa l'aumento della fiscalità!

antiom

Mar, 18/09/2012 - 13:24

Un uomo insulso, sciapo e rancoroso come Romiti, da ex amministratore incongruo e distaccato di Fiat, avrebbe molto di che giustificarsi per la mancanza di ampliamento e qualità della gamma di auto prodotte, al punto di essersi fatto sorpassare da tutta l’industria del settore, compresa l’ultima nata, la Volkswagen, con i tumulti dagli anni 70: paradossalmente, come solo un quaquaracqua può fare, da addosso all’attuale primo vero manager e A.D. che la Fiat abbia avuto! Questo figuro nel sostenere la tesi di Della Valle che, passata la meraviglia e stupore, si può, anche comprendere, contesta a Marchionne di non saper fare il proprio mestiere relativamente alla pianificazione industriale dei vari stabilimenti che amministra e dirige. E udite, udite, afferma che allo stesso gli manca la contestazione sindacale esaltando, la Fiom che è l’unica che la fa! Capite dove arriva questo verme cui è stata elargita una liquidazione miliardaria, nonostante sia a conoscenza di come dei manipoli di sindacalisti gli bloccavano la produzione e i camion non potevano scaricare e caricare materiali vari, come solo gli autisti dell’epoca potrebbero ben testimoniare! Personalmente detesto Alexander Peik capo supremo della Volkswagen, ma allo stesso tempo non posso fare a meno di ammirarlo, perché verso l’industria che amministra presiede ha dedicato la vita e immenso amore, al di la dell’interesse: al punto che l’ha portato a primeggiare in Europa e nel mondo. Ora che finalmente la Fiat ha un top manager veramente capace, da far paura soprattutto al megalomane citato, perché entro il 2014 potrebbe portare la stessa a livelli della Francia che si difende alla grande dall’egemonia tedesca: i vermi di sinistra lo dileggiano. Che schifo, che palla al piede ha la nostra amata Italia!

Il giusto

Mar, 18/09/2012 - 13:24

Io capisco chi per amor di patria si ostini a comprare fiat...ma solo per quello lo possono fare!Per la qualità e l'estetica sono auto di 10 anni fà!Non si può pretendere con la punto di gareggiare con polo,yaris etc...

antiom

Mar, 18/09/2012 - 13:32

Ai cretini che auspicano che Marchionne ceda l'Alfa Romeo alla Wolkswagen, perché solo questa lo potrebbe fare bene e bella, dico se all'attuale Giulietta venisse applicato il marchio di questa fortunata industria d'auto, ultima in europa come nascita, ci sarebbero le file a tutti i concessionari d'Italia!

Ritratto di dbell56

dbell56

Mar, 18/09/2012 - 13:36

Prima di scrivere, ho letto tutti i commenti del blog fino ad ora (sono le 13 e 16). Voglio adottare il sistema dell'empatia e ragionare come farebbe Marchionne dopo aver letto come ho fatto io. Visto che le auto FIAT sono solo merda, e che gli italiani pensano che la stessa abbia sino ad oggi solo rubato nelle casse dello stato (?), mi si spieghi per quale motivo è necessario che la FIAT rimanga qui in Italia, dove tutti la disprezzano e la insultano continuamente. Ora voglio raccontare ciò che mi è capitato la settimana scorsa. Vado a fare il tagliando annuale alla VW Polo che possiedo, presso un'officina autorizzata VW. Mi danno una macchina di cortesia. Voi pensate, un'officina autorizzata VW che auto avrà come auto di cortesia? Sicuramente un'altra VW! E invece no. Una bella FIAT Panda 1200 a benzina color crema 150° Anniversario. Salgo a bordo, metto in moto e, meraviglia delle meraviglie, mi accorgo che non fa alcun rumore malgrado fosse in moto. Anzi. Spinto dalla curiosità, mi ci faccio un bel giro e che scopro? Che pare di stare su un'auto di categoria superiore. La posizione di guida è eccellente così come tutto il resto. Insomma sono arrivato poi alla conclusione che la FIAT faccia delle buonissime auto, solo che il popolo italiota le vorrebbe col mirino le auto FIAT! Si, con la stella a tre punte della Mercedes-Benz e, quindi, spendere poco per avere il top. Un assurdo. Comunque, alla fine di tutto, la gente non sa cosa vuole. Ma secondo voi la FIAT cosa dovrebbe proporre agli italiani? L'unica cosa che non riesco ancora a digerire è la storia dell'Alfa Romeo quando questa fu ceduta gratuitamente alla stessa da parte di quella brava persona di Romano Prodi, quando stava al comando dell'IRI. Ma questa è un'altra storia.

onofri

Mar, 18/09/2012 - 13:55

agosvac e il multijet...lo sappiamo, lo sappiamo. Avellino, General motors, bla bla bla. Però come si spiega che nonostante questa ottima tecnologia (e non sto scherzando) le autovetture Fiat NON SI VENDONO ?

Ritratto di dbell56

dbell56

Mar, 18/09/2012 - 13:55

Scusatemi per questo ulteriore commento. Quando un imprenditore miliardario fa il compagno, mi sembra che ci sia qualcosa che non quadra in questa situazione. Due sono le cose. La prima: o Della Valle sente che può comprare la FIAT a prezzo basso per cui mira al suo forte ridimensionamento, quasi a livello di fallimento e sperando che alle prossime elezioni vinca la sinistra, mettersi d'accordo con i politici sinistrati e soprattutto il sindacato sinistrato, affinchè lo appoggino nell'impresa. Fare insomma il De Benedetti di turno per ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo. Oppurre è proprio matto da legare pronto per linternamento in qualche casa di ricovero per dementi.

rokko

Mar, 18/09/2012 - 13:58

Alberto43, gli italiani non sono esterofili, semplicemente comprano quello che gli serve al prezzo migliore che possono, e bisogna dire che ormai la fiat non è più competitiva nemmeno nel segmento delle utilitarie. Qualche esempio da Quattroruote: se uno cercasse un'auto diesel tra 1300 e 1600, 4/5 porte, tranquilla, con autoradio e cerchi in lega, la prima auto fiat che sbuca nel calderone è una Bravo a 21500 euro. Con concorrenti come la Citroen C4 a 19000 oppure la Toyota Auris a 18000, perché uno dovrebbe acquistare la Bravo ? Di questi tempi, 3-4 mila euro di differenza sul listino non sono certo pochi. O la Bravo ha una qualità superiore, oppure uno si compra le altre due, italiane o no. Provi, per esercizio, a fare la stessa ricerca con le auto più piccole o quelle più grandi, noterà che non cambia assolutamente nulla, la Fiat costa sempre di più delle altre.

onofri

Mar, 18/09/2012 - 14:02

pazzesco. si parla di auto e c'è qualche pirla che la butta su sinistra e destra.

antonin9421

Mar, 18/09/2012 - 14:13

Il giusto.. spargitore di fango su tutto ciò che è italiano. Se proprio c'è da sparger succo di latrina su qualcosa d'italico, questo è unicamente il popolo sinistrato.

onofri

Mar, 18/09/2012 - 14:14

dbell56 : forse le sfugge la differenza fra concessionario e officina autorizzata. e non è un caso se un offician autorizzata le ha dato proprio una panda. a parte che non vedo cosa ci sia di male nel pretendere e cercare il meglio al minor costo, al momento quando lei acquista una simpatica fiat si porta a casa il peggio pagandolo come il top. ma certo gli italioti sono altri.

canova.emilio

Mar, 18/09/2012 - 14:20

Sono più di trent'anni che FIAT ha iniziato a far fagotto e a traslocare un pò di quì, un pò di là. Nelle aziende che lavoravano con, o per FIAT, già si avevano i primi sentori negli anni '80. Mi chiedo dove fossero i sindacati sopratutto l'agguerrita FIOM. In trent'anni si sono "liberati" di oltre settantamila persone, piano ,piano,in modo quasi indolore, duemila tra operai e impiegati ogni anno, più le incentivazioni ad uscire, più i prepensionamenti ecc. ecc. Paradossalmente ciò accadeva negli anni nei quali FIAT riceveva dallo Stato Italiano importanti contributi. E il sindacato? Il sindacato sembrava non esserci, addirittura il TG3 Regionale, notoriamente di sinistra esaltava i risultati produttivi ed economici dell'azienda. Qualcuno mi spiega perchè, adesso, che siamo all'epilogo della vicenda, dopo trent'anni che i buoi escono, assistiamo a tutta questa turbolenza con persone che vogliono a tutti i costi andare a chiudere le stalle?

Claudio53

Mar, 18/09/2012 - 14:26

Tod's deve lavarsi la bocca e smetterla di pontificare. Proprio lui che fa le scarpe in Cina e poi le assembla minimamente per poterci attaccare l'etichetta " made in Italy " a costi irrisori di produzione e a costi esorbitanti di vendita. Vi siete mai chiesto perché ha tutti quei soldi ? Perche lavora sullo sfruttamento della manodopera cinese. Basta chiedere ai calzaturieri Italiani come si comporta lui e tutti gli altri calzaturieri. Lavorano sul differenziale. Gli Italiani : pagano !!! Tod's : No grazie

ESILIATO

Mar, 18/09/2012 - 14:30

Della valle prima si deve lavare la bocca, poi portare la sua produzione in Italia; fatto questo puo nominare il nome MARCHIONNE. BASTA DICHIARIAMO IL BOICOTTAGGIO DI TUTTI I PRODOTTI COLLEGATI A DELLA VALLE E MONTREPREZZEMOLO.......

Ritratto di dbell56

dbell56

Mar, 18/09/2012 - 14:37

Caro ornofri certo che se una concessionaria ufficiale VW avesse come auto di cortesia una FIAT si vedrebbe risolvere il contratto da parte della casa madre in un batter d'ochhio. L'officina autorizzata VW è stata libera di scegliere. Quindi mi è sembrato singolare che la stessa avesse adottato un'auto FIAT per offrire alla clentela VW questa soluzione. Quindi facendo un ragionamento semplice sono arrivato alla conclusione che la Panda fosse ok come vettura. Poi a 12-13.000,00 euro non è che compri una Mercedes-Benz. Intendevo solo dire che se tu hai da spendere tale cifra, se acquisti una Panda e non una UP! della VW, ad esempio, non è che ti faccia un brutto acquisto. Stia bene.

Ritratto di dbell56

dbell56

Mar, 18/09/2012 - 14:40

Sono d'accordissimo con lei, Claudio53! Dio ci scampi e liberi dagli esperti, dai saggi e dagli imprenditori miliardari di sinistra!!!

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mar, 18/09/2012 - 15:03

#onofri. Ma, lei mi dica quanti anni ha lavorato in una fabbrica D,automobili?io ho 44 anni di Ford sul groppone é mai mi permetterei di parlare male del mio datore di lavoro o del prodotto che io costruisco! Lei, é una vergogna da come parla, perche la sola cosa che sa dire é che la Fiat fa schifo, se la Fiat fá auto che fanno schifo o che non funzionano bene questo e da addebbitare alla maestranza che gia nel passato faceva atti di sabotaggio contri chi gli dava il pane, per questo le auto Fiat hanno una brutta image! QUESTO E COLPA DI TUTTO UN SISTEMA CHE É MARCIO DALLA TESTA AI PIEDI! A COMINCIARE DAI SINDACATI CHE SI CREDONO DEI SEMIDEI E CHE PERMETTONO A 3 OPERAI DI ATTI DI SABOTAGGIO; SENZA CHE QUESTI VENGONO PUNITI! CARO MIO QUI IN GERMANIA LI AVREBBERO PRESI A CALCI NEL KULO FINO ALLA FRONTIERA ITALIANA! LO CAPISCI QUESTO???! Persone, che vorrebbero che la Fiat darebbe indietro quello che ha avuto dallo Stato, dovrebbero prima pensare che anche gli operai hanno incassato questi aiuti, allora dovrebbero anche loro dare questi soldi indietro?; chi pensa che qui in Germania gli operai incassano solo dovrebbero sapere che alla Ford per rinnovare un nuovo reparto hanno tolto la gratifica di Natale a me é agli altri operai dopo 30 anni di lavoro!. MA, IO VOGLIO DIRE ANCHE CHE FINO A QUANDO CI SARANNO ESTEROFILI ITALIANI CHE COMPRONO OGNI ANNO 150,0000 AUTO SOLO DALLA FORD! LA MIA PAGA É AL SICURO E PER ME CHI NON HA LAVORO IN ITALIA PER COLPA DEGLI ESTEROFILI PUO MORIRE DI FAME! TANTO VOI CHE CRITICATE LA FIAT CHE VI INTERESSA SE IN ITALIA CI SARANNO 200,000 DISOCCUPATI IN PIÚ!.

antiom

Mar, 18/09/2012 - 15:14

Onofri, le macchine Fiat non si vendono perché gli italiani, oltre essere cretini, sono pure autolesionisti con assoluta mancanza di amor di patria! Capisco che non si può conciliare quest'ultima affermazione col portafoglio e qualità generale di ciò che si compra, tuttavia solo chi è poco informato e senza cognizione di causa, offende e dileggia le Fiat attuali. Per sua informazione di sicuro simpatizzante della Ww: le dico che i responsabili della stessa solo da poco hanno adottato il sistema d'iniezione "common-raill" nonostante se di proprietà Bosh, perché si sentivano sminuiti ad adottare la tecnologia italiana, e solo ultimamente su alcune Golf montano le sospensione multilik quando la Focus le monta da una vita.Infine lei ha ragione a dire cosa c'entrano le auto con la destra e la sinistra: io le dico, dato che questi ultimi si mettono sempre dalla parte sbagliate di tutte le cose, che c'entrano, anche se non proprio totalmente!

MagoGi

Mar, 18/09/2012 - 15:22

Considerando com'è ridotto il mercato italiano dell'auto e che per FIAT il mercato Europeo è sostanzialmente l'Italia, non posso che considerare giustamente oculato Marchionne. Ci vorrebbe anche un ripensamento su alcune strategie e prodotti, come mai l'80% del mercato Fiat in Europa è solo in Italia?

onofri

Mar, 18/09/2012 - 15:25

ribadisco la mia ignoranza in materia, ma non risulta che Della Valle abbia stabilimenti in Cina. Qualcuno mi può illuminare in materia ?

Ritratto di Markos

Markos

Mar, 18/09/2012 - 15:26

E vero le Fiat non sono male , pero' a parità' di costi le Tedesche le Giapponesi le Coreane sono preferite da tutti , Tedeschi compresi . un motivo ci sara'.

onofri

Mar, 18/09/2012 - 15:29

antiom: scusi ma che palle. esterofili autolesionisti e compagnia bella. se una roba è un cesso rimane un cesso sia che la costruiscano in italia sia che la facciano in germania. domanda: lei ha per caso un cellulare o un computer made in italy ?

killkoms

Mar, 18/09/2012 - 15:33

@antiom,romiti"questi anni alla fiat",è proprio uno di quelli che più degli altri dovrebbero stare zitti e togliersi il cappello davanti a marchionne!

gpl_srl@yahoo.it

Mar, 18/09/2012 - 15:34

la dissennata politica di Monti sta distruggendo anche il mercato automobilistico: chi puo permettersi una automobile?? di certo non l' operaio o l' impiegato, e la Fiat è la macchina dell' operaio e del piccolo e medio risparmiatore che ora non è più in grado di acquistare una macchina: cosa deve fare4 marchionne?? deve forse comperarsele lui le macchine in esubero???: quindi non esgeriamo e chiediamo piuttosto alla fornero di darci spiegazioni su questa recessione che sta dando i frutti che tutti ci aspettavamo: al di la del tunnel per il momento c' è solo disperazione quindi non cerchiamo di dare solo colpe alla fiat ma con un po' di obiettività cerchiamo anche di individuare i responsabili di questa crisi

onofri

Mar, 18/09/2012 - 15:35

pasquale.esposito : lei è un emigrante bugiardo. mi lasci perdere per favore. non me ne frega niente delle sue balle.

onofri

Mar, 18/09/2012 - 15:37

Markos: e non si capisce perchè io debba comprare il peggiore del lotto pagandolo come fosse il migliore. ma tutti sti patrioti che telefonino hanno? quello fatto a catania?

killkoms

Mar, 18/09/2012 - 15:38

@markos,inn brasile,mercato emergente,i costruttori di auto costruiscono ovviamente quasi tutto lì,e gli operai sono tutti brasiliani,come lam maggior parte dei fornitori!ebbene,a parte un solo periodo,fiat è stata sempre davanti alla"auto del popolo"!un motivo ci sarà..!il motivo fondamentale perchè i tedeschi comprano auto tedesche o straniere costruite in germania è che non sono esterofili come noi!

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Mar, 18/09/2012 - 15:43

La FIAT ora produce più all'estero che in Italia. Se i sindacati fossero la vera radice del problema FIAT allora l'azienda avrebbe già cominciato a vendere di più. La verità è che il prodotto non è un granchè e a livello europeo viene snobbato. Tutto qui. E' la FIAT che non sa venderlo? E' la FIAT che deve diventare un'azienda privata con tutti i crismi del caso? Non lo so e neanche mi frega. So solo che pochi in europa le scelgono. Tutti fessi? Non credo proprio.

onofri

Mar, 18/09/2012 - 15:50

Marchionne prende 4.782.400 € di stipendio annuo, ha cittadinanza canadese e nel 2006 è stato denunciato dal sindacato svizzero UNIA per l'assunzione illegale di giardinieri italiani pagati un terzo del salario minimo nella sua villa di Blonay. Si è difeso affermando che l'irregolarità sarebbe avvenuta a sua insaputa, poi ha trasferito il giardino in Serbia.

killkoms

Mar, 18/09/2012 - 15:59

@magogi,accadde tutto negli anni '60/70!attraverso le cosidette schedaturev politiche,fiat era riuscita a tenere fuori dalle sue fabbriche i compagni!poi,un pretore del lavoro che poi ha fatto carriera,sancì che ciò non era giusto!i compagni9,enyrarono in massa e cominciarono subito a piantare grane;era pur vero che all'epoca le condizioni dei lavoratori erano più dure di oggi come del resto anche in europa,ma i compagni lo affrobntarono con la sacra lotta di classe,invece che col dialogo!cominciarono così i famosi sabotaggi,che proprio quando fiat aveva chanches di essere tra i primi costruttori europei,la affossarono squalificandola davanti agli utenti europei!carrozzerie non trattate con la zincatura,viti non strette,e altre delizie,unitamente aglin scioperi selvaggi!un mio professore, ebbe in quel periodo una A111 che gli diede un monte di problemi di alimentazione.cambiò carburatore più di una volta,ed infinite candele,senza alcun risultato.il"problema"glie lo risolse un altro professore,ingegnere esperto di autoveicoli,che scoprì che il tubo che portava la benzina al carburatore era stato intaccato,ma non tagliato!in tal modo,la benzina insufficiente faceva andare male l'auto,ma allo stesso tempo le chiazze erano poco visibili per l'entità del taglio!accaduto ciò.la fiat dovette arroccarsi sul mercato italiano,e cominciarono i sussidi..!

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mar, 18/09/2012 - 16:03

#onofri. Se, lei vuole un computer Made in Italy si deve rivolgere a Debenedetti, lui sa come scassare le ditte che fanno computer Made in Italy!.

onofri

Mar, 18/09/2012 - 16:04

e dalli con sta boiata dell'esterofilia. ma ve lo insegnano da qualche parte a essere deficienti? gli unici obbligati a non essere esterofili ERANO I CITTADINI DELLA URSS !!! in Italia abbiamo costruttori di computer, telefonini e televisori. dove sono tutti sti patrioti ????

mario.de.franco

Mar, 18/09/2012 - 16:11

Marchionne ha le sue ragioni. Ma la Fiat in Europa è come il cane che si morde la coda: i nuovi modelli non avrebbero mercato, ma senza di loro la Fiat non ha mercato. Il problema viene da lontano quando i tanto osannati "re d'Italia" si sono fatti soffiare sotto il naso due importantissimi settori : la trazione integrale e quello del turismo sportivo. Però Marchionne sa che con i prezzi dei carburanti alle stelle ritornano in auge le vetture di piccola cilindrata e non può perdere l'occasione in un settore dove la Fiat è fortissima. Ha fatto la Panda nuova e non tira ? Riveda le sue strategie di mercato... !

G_Gavelli

Mar, 18/09/2012 - 16:12

Concortdo con i dubbi di Della Valle. In FIAT si ragione sempre e soltanto in chiave di profitto, anche quando altre grosse aziende nel mondo decidono in periodo di grave crisi di limitarsi al pareggio. l'Italia e l'Europa non danno e non daranno per anni alla FIAT (e rivali) utili, per cui...si...resteranno in Italia, magari con 1 stabilimento e la sede di rappresentanza.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mar, 18/09/2012 - 16:18

#onofri. Bugiardo, sará lei! e chi crede alle caxxate che lei scrive in ogni commento!. Mentre, io parlo della mia esperienza di costruttore di Auto, lei insulta chi é superiore a lei per esperienza e sapere!. BASTA! LEI HA UN QI INFERIORE A UN;OCA!.

eloi

Mar, 18/09/2012 - 16:21

Marchionne è un manager, gestisce i conti aziendali. Alla FIAT mancano forse ingegneri/manager responsabilizzati. Hanno fatto andare in Germania i migliori progettisti. Un inciso: ricordate cosa era l'Alfa Romeo ai tempi di Massacesi?

Massimo Bocci

Mar, 18/09/2012 - 16:21

Il Marchionne, vero capitano di industria ITALIANO, (non come i compagneri, pavidi alla Schettino??) rimarrà sulla tolda della nave ITALIA che affonda,infestata e smembrata da TOPI (comunisti LADRI),e l’ancia l’ultimo S.O.S,………..CAMBIATE I MALFATTORI “EURO” AL COMANDO, SI SON FREGATI (venduto ai CRUCCHI) ANCHE IL TIMONE!!! …. Chissà se i nuovi armatori TIMONIERI (i veri padroni EURO) dopo la disinfestazione comunista, gli cambieranno anche il nome alla disastrata nave ITALIA, con (in piccolo) REPUBBLICA ITALIA DEMOCRATICA, (in grande, in caratteri cubitali..) COLONIA EURO CRUCCA.

baio57

Mar, 18/09/2012 - 16:29

@ onofri Non sto dalla parte di nessuno ,ma alcuni "pontificatori" approfittano anch'essi della delocalizzazione a basso costo.Infatti alcuni modelli di Hogan tipo quelle vendute a 220/240 euro vengono prodotte in Romania (stipendio medio mensile della forza lavoro circa 380 euro ).Per quanto riguarda la linea "bambino"(fino al 38 di taglia comunque )vengono prodotte in Cina.

marvit

Mar, 18/09/2012 - 16:29

onofri,che palle oggi!!Che prezzemolino!!Ultima. Marchionne guadagna 4.782.400 euro e specula sugli stipendi dei giardinieri?? Ma ci crede veramente??E se fosse vero, non viene il dubbio che li abbia assunti semplicemente perchè più competenti degli svizzeri??Non sapete più dove attacarvi.Che miseria,ragazzi!!

reliforp

Mar, 18/09/2012 - 16:31

(r)onofri...ma ancora dai retta a 'sti buzzuri? Ma mandali a cagare!!

ESILIATO

Mar, 18/09/2012 - 16:33

Onofri, per produrre in China non e' necessario possedere gli immobili....basta piazzare gli ordini e loro hanno le capacita produttive. Per quanto concerne i Computer lei ha perfettamente ragione, La olivetti aveva i migliori prodottti sul mercato europeo ma non aveva telefonia quindi fece un patto di scambio cooperazione. Ricordo ancora l'hardware con il nime olivetti venduto a NYC, purtroppo De Benedetti riusci a sfasciare l'accordo.....dove e' la Olivetti oggi.....bidogna adeguarsi ai tempi e mercati ed un esempio e' il gruppo Fiat con la SORIN fatta rinascere come una fenice dalle ceneri ed oggi leader mondiale.

onofri

Mar, 18/09/2012 - 16:43

baio57: e finalmente qualcuno che me lo dice!!! onestamente non ne avevo idea. grazie dell'informazione. e sono d'accordo con lei circa i "pontificatori".

onofri

Mar, 18/09/2012 - 16:46

pasquale.esposito : ieri era operaio alla opel, oggi alla ford, poche settimane fa libero professionista pasticciere. emigrante da 40, 30, 50 anni. Domani ci sarà un articolo su Ruby. Sono certo lei ci dirà di essere un porno attore tedesco collega di rocco siffredi e che la colpa di tutto è dei sindacati italiani che hanno fatto scappare le attrici in ungheria sabotando i preservativi.

onofri

Mar, 18/09/2012 - 16:49

reliforp: oggi ho un pò di tempo libero e da perfetto fancazzista di sinistra frequentatore di centri sociali nonchè gourmet di bambini bolliti mi diletto in commenti. (r)onofri.

onofri

Mar, 18/09/2012 - 16:58

ESILIATO: grazie del commento. Ho conoscenza piuttosto sommarie delle vicende Olivetti quindi non me la sento di entrare nel dettaglio. Mia intenzione era rispondere ai "patrioti". Comprate Italiano, ma portano scarpe da tennis fatte in vietnam, o come mi ha confermato baio57 delle tod's prodotte in romania e cina.

baio57

Mar, 18/09/2012 - 16:59

Amici avrete notato che mediante anagramma è ritornato sul forum un esimio componente dell' intellighenzia , il cui sport preferito è l'insulto gratuito ma tant'è ne abbiamo bisogno per "elevare" il livello culturale , tipo Pazzaglia in " quelli della notte " per intenderci .

Ritratto di franco@Trier

franco@Trier

Mar, 18/09/2012 - 17:04

questo e' saper lavorare: http://www.volksfreund.de/nachrichten/welt/geld/boerse/Nachrichten-Bahn-zeigt-Gesicht-des-neuen-Fernzugs-ICx;art55,3285951 Bahn Ruediger Grube capo e Ministro dei trasporti tedesco Peter Ramsauer (CSU) ha rivelato ai InnoTrans Art Fair a Berlino un modello della testa di potenza in dimensioni originali. Il ICx è la grande speranza della pista dopo alcuni contrattempi tecnici e introdurrà un cambiamento generazionale nel trasporto a lunga distanza. Per sei miliardi di euro di società di Stato aveva ordinato lo scorso anno dal produttore Siemens inizialmente 220 treni. Sei nel 2016 per sostituire il Intercity 40 anni parte vecchia. In seguito, si può anche andare in rete ICE. Alte velocità non sono in corso in programma: Il ICx guiderà una velocità massima di 249, ma di trasportare fino a 724 passeggeri.

Ritratto di franco@Trier

franco@Trier

Mar, 18/09/2012 - 17:05

al mio paese dicono niente parole ma fatti!

Gianna Lorella

Mar, 18/09/2012 - 17:06

Basta nasconderci dietro un dito: bisogna reintrodurre il DAZIO, altrimenti tutte le nostre industrie falliranno. Non potremo mai essere competitivi con la Cina o l'India e con la loro manodopera a prezzi stracciati.

reliforp

Mar, 18/09/2012 - 17:20

(r)onofri..baio 57 t'ha detto una cazzata riportata, paro paro, da Dagospia . C'è anche una foto di quella che dovrebbe essere una scarpa Hogan (ma non lo è , e, non a caso, sono state vendute a ..Napoli). Guardala e confrontala con queste foto che trovi in questo sito..http://www.stylosophy.it/articolo/scarpe-hogan-originali-come-riconoscerle/7124/...Mai fidarsi degli ad-destrati!!! (profiler)

onofri

Mar, 18/09/2012 - 17:59

reliforp: quindi Della Valle non produce in Cina e Romania ? aiuto...

onofri

Mar, 18/09/2012 - 18:03

baio57 : penso di immaginare a cosa si riferisce, ma guardi che non c'è alcun anagramma o robe strane, semplicemente da ste parti hanno cambiato tutto e bisognava adeguarsi. Per quanto riguarda l'insulto lei provi a farmi parlare di berlusconi e vedrà cosa succede...e mi fermo qui. (r)onofri.

reliforp

Mar, 18/09/2012 - 18:14

onofri..ecco dove produce :.Comunanza (AP)-via Merloni, 7; Comunanza (AP)- via S.maria, 2-4-6; Sant'Elpidio a Mare (AP)-via filippo Della Valle,1; Bagno a Ripoli, Loc.Vallina (Fi)-Via del Roseto, 60;Bagno a Ripoli(Fi)-via del Roseto,50;Tolentino (Mc)-via Sacharov 41/43...ti sembra che i luoghi abbiano assonanze cinesi o rumene?

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mar, 18/09/2012 - 18:14

Basterebbe andare nei forum di discussione sulle auto per capire la costante lamentela sui dettagli delle fiat. Scricchiolii a gogò. Google, chiave ricerca = scricchiolii mito Fatevi due risate.

marvit

Mar, 18/09/2012 - 18:20

reliforp+onofri,che bella coppia!!Come si dice:Dio li fa e poi li accoppia.Forza,bacino e poi uscite a festeggiare stasera perchè,forse, lo scarparo non produce ne in Romania ne in Cina.A proposito: la sapete l'altra di BIANCANEVE E I SETTE NANI??

Ritratto di franco@Trier

franco@Trier

Mar, 18/09/2012 - 18:24

come dicevo io altro ieri basta vedere le borse che scendono e si capisce che l'euforia sta passando il dollaro sale ecc ecc,

baio57

Mar, 18/09/2012 - 18:34

@ profiler - Lo stesso Diego Della Valle ha dichiarato che parte della produzione per bambini viene fabbricata in Cina .Comunque non l'ho letto su Dagospia ,bensì sul sito di moda forumalfemminile.com che fa riferimento testuale ad un'inchiesta del programma "report" del 18.05.2008 ,inchiesta sui marchi mondiali più famosi che delocalizzano in Cina (verificare per credere). (p.s.) x onofri : talvolta è meglio non fidarsi nemmeno dei sinistropolitani .....

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Mar, 18/09/2012 - 18:40

@onofri ma lasci perdere gli idioti che scrivono qui. sono tutti degli anzianotti rincoglioniti che a malapena sanno usare il browser oppure sono boiardi di partito di qualche oscuro paesello che lottano per quei 4 soldi che fregano al partito. Molto probabile che inventino notizie perchè non sanno cosa rispondere e quindi piazzano la stupidaggine. Qui possono. Su un forum normale non durerebbero 10 min. Non è durato 10 min neanche uno dei loro guru dell'economia che ogni tanto scrive i loro articolo tecnici. Sommerso da gente che ne sapeva più di lui.

masbalde

Mar, 18/09/2012 - 18:47

Marchionne produce la nuova fiat 500L in Serbia: io non la comprerò. Esattamente come non comprerò più scarpe Tod's e Hogan, da quando 3 anni fa ne comprai un paio trovando la scritta made in Italy solo sulla scatola ma non sulle scarpe: segno evidente che le scatole sono fatte in Italia ma le scarpe sono fatte in cina o vietnam, importate in scatoloni e solo confezionate in scatola singola in Italia. Mi auguro che Della Valle voglia chiarire...ma non ci credo.

thepaul

Mar, 18/09/2012 - 18:56

Da ex dipendente del gruppo Fiat e di Fiat Automobiles in particolare, non mi stupisco per niente di queste parole di Marpionne. Io da qualche anno non lavoro più, felicemente, per questa azienda che NON è quello che vogliono fare credere. Non entro nei particolari per non rischiare qualche denuncia, ma questa di Marpionne è una strategia iniziata molti anni fa. Mi dispiace che molti lo osannino come un grande stratega, un grande manager che ha risollevato l'azienda. In realtà l'asse tecnologico, il "cuore dell'azienda", ossia l'Engineering&Design, cioè la progettazione, lo sviluppo di nuovi modelli, le piattaforme, si stanno spostando inesorabilmente verso gli USA. Da anni, infatti, si assiste ad un progressivo svuotamento delle funzioni aziendali italiane a favore di quelle statunitensi. L'abbandono di Fiat all'Italia è cosa già decisa da tempo, si tratta soltanto di gestirne le modalità, facendo digerire a piccoli bocconi i vari passi necessari: prima la chiusura di Termini Imerese, poi l'accordo capestro di Pomigliano (che comunque non è servito a niente), poi l'uscita da Confindustria, poi l'art. 18. E' evidente l'intento di Fiat di lasciare l'Italia. I tedeschi avevano capito il reale peso di Marpionne, quando voleva acquistare l'Opel con i soldi del Monopoli, ma la Merkel l'ha smascherato e rimandato a casa con le pive nel sacco. In definitiva: il tanto decantato manager "denoantri", a mio avviso, non è per niente un bravo manager, ma è soltanto uno dei tanti amministratori che, finché arrivavano i soldi da mamma Stato, investiva e pagava gli stipendi; ora che i soldi sono finiti fa come i bambini che prendono la palla in mano e dicono "non giochiamo più"...siamo tutti capaci di fare i manager, chiudendo gli stabilimenti, vessando i lavoratori e utilizzando gli ammortizzatori sociali per coprire le perdite...

gian carlo galli

Mar, 18/09/2012 - 19:00

come si a dar torto a Marchionne. un'azienda deve avere i conti a posto, soprattutto deve guadagnare per investire in tutti i sensi. perche' dovrebbe mantenere uno status quo' negativo ... lo stato ha voluto cancellare l'auto, prima con la caccia alle streghe verso i suv, secondo tracciando la spesa ed invitando la gente a non spendere per non incorrere in grane fiscali. Marchionne cosa se ne puo' fare di un paese dove il Governo prima ammazza l'economia e poi dice che dovrebbe 'inventarsi la crescita' . Ma chi e' questo Monti .... un marziano, un extraterrestre. se si, rimandatelo da dove e' venuto !!!

st.it

Mar, 18/09/2012 - 19:12

La fiat dovrebbe vendere le auto in italia,se da noi si vendono col contagocce,e con una concorrenza assurda,è normale che chiuda bottega.I 20 miliardi di investimento li faranno dove conviene,non credo che nessun azionista accetterebbe di buttare i soldi,e oggi investire in italia equivale a questo.Andate a farvi un giretto alla volkswagen per capire.

giolio

Mar, 18/09/2012 - 19:55

MARCHIONNE Ê UN MANAGER APPREZZATISSIMO INTUTTO IL MONDO SI STA FACENDO DI TUTTO IN ITALIA PER FARLO ANDARE VIA

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Mar, 18/09/2012 - 20:16

@giolio dove l'ha letta sta stupidaggine? Su Topolino?

baio57

Mar, 18/09/2012 - 20:27

@ onofri 18,03 Guarda che non mi riferivo a te ,e lo sai benissimo. In quanto a quell'idio... carissima persona di skorpion 12 , vada a guardarsi la puntata di"report" da me prima menzionata ,e veda se scrivo cacchiate o meno.

Il giusto

Mar, 18/09/2012 - 20:47

Thapaul...da molto tempo vado scrivendo le stesse cose.Da alcuni anni fiat elimina le auto che si vendono senza sostituirle con modelli nuovi(multipla,stilo sw,alfa duetto etc).E' chiaramente un sistema per poi dire"non c'è produzione,ce ne andiamo"!Il brutto è che in pochi l'hanno capito!!!

antonin9421

Mar, 18/09/2012 - 21:17

Ma come si può paragonare la tecnolegia, la scienza «matematica, fisica, chimica, metallurgia, termodinamica, elettronica, meccanica dei fluidi, aerodinamica...ecc. ecc.. tutte discipline d'università d'alto livello scientifico e tecnico e centri di ricerca avanzata pure presenti in Italia, nonostante la disinformazione, il boicotaggio, lo svilimento politico-sindacale-giornalistico mediatico-propagandistico.. targato ignoranza-stupidità-infamia-miseria-incapacità.. prevalentemente sinistra» che sta a monte, dentro e a VALLE DELLA costruzione di una autovettura (e tutto il resto) che anche LA FIAT NEL BENE (tanto) e NEL MALE (poca cosa, se pure c'è) utilizza e promuove, con la SCIENZA DELLA COSTRUZIONE SCARPE?

marcomasiero

Mar, 18/09/2012 - 21:36

perchè Della Valle si inalbera tanto quando è il primo ad avere stabilimenti all' estero ? ... bah... ah già ... forse Marchionne ha gli attributi per non leccare PD e sindacati rossi ...

killkoms

Mar, 18/09/2012 - 21:55

@thepaul,tu sei stato in fiat come io sono stato nell'armata rossa!o sei classico che sputa nel piatto dove ha mangiato!anni fà,nel condominio dove abitavo(in toscana)si decise di passare da una gestione interna ad una organizzata chiamando un amministratore di professione.si discussero le varie linee da seguire,e quando l'amministratore invitato chiese se volevamo una banca o un conto corrente postale per il fondo cassa condominiale,uno dei condomini disse di optare per la banca,poichè,disse che per versare soldi su un conto postale si paga."lo so perchè ci lavoro",disse!ora,chi parla"male"del posto in cui lavora,è colui che sà,che la baracca andrà sempre avanti,anche senza il loro impegno,poichè ò dello stato,ò di un'azienda talmente grande,che sicuramente ci si prende la pensione,ed è il caso di fiat!e secondo te,se marchionne voleva far mollare l'Italia a fiat riportava la produzione della panda in Italia a pomigliano,quando lo stabilimento polacco di tichy era più competitivo?è forse"capestro"l'accordo con cui è sopravvissuta la vauxall(GM)di ellesmore port,che grazie ad un accordo coi lavoratori(votato al 95%)per puntare tutto sull'alta produttività,salvando il sito!addirittura ridicole,le sue tesi sul tentativo di marchionne di acquisire opel,che a sua dire sarebbe stato stroncato dalla cu.lona perchè fondato sull'inganno,ma come sono andati gli eventi?a prescindere che i crucchi non hanno mai visto di buon occhio chi compra da loro, infatti anni fà,scoraggiarono l'acquisto di continental da parte di pirelli,i savi crucchi predetti,si sono fatti prendere"per i fondelli"da gm,che prima ha incassato fondi dalla germania in previsione della vendita di opel alla cordata austro russo cansdese di steryr magma,salvo poi ripensarci e tenersela, restituendo i soldi con comodo!e meno male che il"marpione"era marchionne!bene ha fatto quest'ultimo a non imbarcarsi con la gm europa,visto la finaccia che ha fatto saab,e anche opel non è messa bene,visto che è in rosso da 11 anni!

Luigi Fassone

Mar, 18/09/2012 - 22:51

la fabbrica Fiat di Tychy (Polonia) che ha seimila dipendenti produce circa 468mila macchine all'anno mentre qui da noi,nei tanti stabilimenti Fiat sparsi sulla Penisola,i venticinquemila suoi addetti,di vetture ne costruiscono solo circa 470mila nello stesso periodo. Il mio dubbio : il difetto sta forse solo nei macchinari,che in Italia,essendo nati prima e non del tutto rammodernati,sono meno "produttivi" di quelli polacchi,oppure perchè colà si "fatica" di più,oppure i sindacati "rompono" meno ?.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 19/09/2012 - 01:38

Della Valle non ha mai subito l'intervento di magistrati che abbiano imposto l'assunzione di 145 operai della FIOM nella sua azienda. Perciò è meglio che taccia e la finisca di fare il primo della classe. Di saputelli come lui ne abbiamo già troppi.

gpl_srl@yahoo.it

Mer, 19/09/2012 - 07:24

discutere con della valle non ha senso perché significherebbe mettersi alla sua altezza: errore quindi farlo: basta ignorarlo facendo estrema attenzione a Monti perché monti sa solo distruggere tutto ciò che tocca: io eviterei anche di dargli la mano per evitare che se la porti via per consegnarla alla signora Merkel

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mer, 19/09/2012 - 07:36

# onofri. Lei, é un emerito bugiardo, come lo sono quelli della sua parte politica!, io non ho mai detto che sono un operaio della Opel, come non ho mai detto che siffredi é un mio collega! Io, ho incominciato a lavorare alla Ford nel 1968 ed ho costruito piu auto io, che i capelli che lei ha in testa, io ho incominciato a costruire le Ford 12M , 17 M, Capri 1, 2,3, e 4 poi Consul, Granada, Fiesta 1,2,3 e 4 e per ultimo Ford, Kuga, Puma e Focus, e ogni giorno ho fatto 600 vetture,cosa che lei non ne capisce una beata mazza. Lei. deve parlare di quello che capisce, e non di quello che lei non potra mai capire, io ho visto nella mia lunga appartenenza alla Ford, come si conduce una Fabbrica di 30,000 Operai,e come si costruisce un, auto dalla pura lamiera fino all,uscita dalla catena di controllo! mentre lei parla solo di minkiate senza capirne una beata mazza di come funziona una Fabbrica di Auto!; e di come si suda costruendo le Auto!. VADA A FARSI BENEDIRE! IGNORANTE!.

Ritratto di unLuca

unLuca

Mer, 19/09/2012 - 07:59

Nell'incontro di sabato la società esporrà le enormi difficoltà del mercato interno e chiederà ulteriori aiuti, evidenziando in caso di rifiuto la necessità di risurre la capacità produttiva. Il nostro autonominato "Statista" prenderà atto delle richieste e predisporrà nuovi aiuti, utilizzando naturalmente le tasse dei cittadini. E' un "déjà vu" ?

vacabundo

Mer, 19/09/2012 - 08:16

Sig, Monti, una volta ogni tanto nella storia,facciamo un passo differente:cacciamo noi italia,fuori dell'italia, la fiat.Faremmo una cosa molto giusta sia per i lavoratori e per le casse dello stato.La fiat, se rimane vuole garanzie e non a chiacchiere, vuole in poche parole,SOLDI.Mandiamoli.Diamo gli stabilimenti a gente straniera che voglia investire in italia,sicuramente sarò molto più seria della fiat.La fiat fino adesso ci ha mangiati vivi.Questi, Marchionne ed Elkann, non amano l'italia, amano i soldi e per i soldi si fà qualunque cosa,si può promettere mari e monti, fino a quando non finiscono e poi punto e a capo.Ormai è una routine della fiat.

mariolino50

Mer, 19/09/2012 - 08:42

Chi dice che la fiat, o megli la magneti marelli, ha inventato alcune soluzioni come il multijet, adottati poi da tutti gli altri, ha ragione, però si scorda che hanno venduto il brevetto alla Bosch che ci stà facendo un sacco di soldi, ma questo succedeva prima, quando non c'era il finanziere canadese a comandare, ora non hanno modelli validi in fascia medio alta, da quando hanno fiatizzato Alfa e Lancia, poi a quelli che pensano che siano uguali o anche meglio delle tedesche dico di no, io ho avuto molte fiat, ora o anche un Mercedes usato medio piccolo, e posso dire che non si possono fare paragoni, il fossato è troppo largo, la potrei confrontare con la vecchia Alfa che aveva mio fratello, se avessero continuato in quel modo poteva essere anche meglio, ma noi siamo peggiorati e gli altri andati avanti. Chi dice di comprare macchine italiane dovrebbe prima individuare quali sono fatte in Italia e quanto importate, la nuova 500l è forse italiana, no è di un marchio italiano, e non è la stessa cosa.

Willy Mz

Mer, 19/09/2012 - 08:52

certo che dopo aver spremuto i vari governi nel giro di cinquant'anni è giusto che appena si vede un calo dei profitti, via si chiude! i lavoratori? sono problemi di monti, cioè nostri..

Willy Mz

Mer, 19/09/2012 - 08:52

certo che dopo aver spremuto i vari governi nel giro di cinquant'anni è giusto che appena si vede un calo dei profitti, via si chiude! i lavoratori? sono problemi di monti, cioè nostri..

Ritratto di aquila8

aquila8

Mer, 19/09/2012 - 09:06

Ha avuto ragione Eltsin considerato l'ubriacone dai nostri Politicanti venduti guerrafondai.Quando l'Italia ha fatto la Guerra contro la Serbia per isolarla dalla Russia e portarla nel Pachiderma UE,Eltsin ha dichiarato: "Lasciateli fare,poi vedrete che per mantenere le promesse fatte alla nostra zavorra,saranno costretti a sacrificare i loro popoli e allora ne vedrete delle belle,perchè saranno costretti ad abassare il loro tenore di vita per continuare a dare il pesce promesso.Adesso noi paghiamo le conseguenze per le manie di Onnipotenza dei politicanti che con mamma Fiat,i Banchieri,la Massoneria,il Vaticano,ecc...,invece di fare ognuno il proprio dovere,si sono coalizzati per riportare Corbaciov al potere e grazie all'accoppiata Prodi & Berlusconi sono riusciti a distruggri fondatori della UE,facendola diventare una Struttura Burocrate Guerrafondaia sottomessa ai padroni del mondo.Quindi è naturale che: IL GOVERNO DEGLI ILLUMINATI,IMPOSTOCI PER SALVARE ABC & C.,INVECE DI INTACCARE IL CANCRO MALIGNO DEL SISTEMA POLITICO,PREFERISCE FARE SPETTACOLI EMANANDO PROCLAMI COPRI AFFARI DI FAMIGLIA! Fiat, iniziativa del governo: «Sabato l’incontro».Elkann : «Massimo sostegno a Marchionne». Monti chiama il manager. Fornero apre: «Idee interessanti».Il presidente della Repubblica Napolitano: occorre coniugare la severità del trattato europeo con provvedimenti per la crescita. Questa è la prova che il Governo impostoci come Salva Italia,nella realtà è solo un governo Salva Casta che esegue gli ordini dei nostri padroni ” America Vaticano Israele Regno Unito” per mantenere in piedi il Baraccone Guerrafondaio UE.Per questo che il governo non dimezza i parlamentari,non sopprime le Province-Enti Inutili-Regioni Autonome-Auto Blu,non fa il Senato Federale con al massimo 100 Senatori e non mette fine alle Ruberie Legalizzate dai politicanti.Infatti il loro scopo è solo mantenere i loro privilegi e accontentare i padroni della nostra Nazione che grazie a loro siamo diventati una Colonia Americana,però doive non vengono applicate le loro leggi contro i politici corrotti.Ormai è chiaro che la Casta ha l’interesse di mantenere le promesse fatte alla Zavorra delle ex Nazioni che facevano parte della ex Grande potenza Russa,fatte entrare nel Paradiso UE con le guerre e promesse da paese dei Balocchi.Quindi il governo recita questi grandi spettacoli per calmare il popolo per nascondere la grave realtà della Nazione intaccata da cancro Maligno della spartizione politica,prolungando così l’agonia del popolo,tanto loro con i famigliari non risentono la Crisi e non devono nemmeno rinunciare al Superfluo.Serbia:Turni massacranti e 320 euro al mese,Italia addio, ‘Fabbrica Serbia’ è già realtà.

onofri

Mer, 19/09/2012 - 09:08

baio57 : apologise. onestamente non l'avevo capito.

onofri

Mer, 19/09/2012 - 09:12

scorpion12: concordo. salvo pochissimi che come tutte le persone normali hanno qualche sacrosanto dubbio il 99% dei "forumisti" legge i titoli e ripete pedissequamente la litania del capo. sono berluscocentrici...certo credono che sia la terra a girare intorno al sole ma solo perchè spinta da silvio.

thepaul

Mer, 19/09/2012 - 09:53

@killkoms: mi dici che grado avevi nell'Armata Rossa? Il grado di sciacquino? Io, purtroppo per te, in Fiat ci ho lavorato tanti anni, prima di cambiare lavoro con molta più soddisfazione sia professionale che economica. Non sputo nel piatto dove ho mangiato, ma ho visto tante storture che, ovviamente, da solo non potevo risolvere, dalla gestione del personale alle logiche "aziendali". Vedi, mi sa che tu sei quello che non sa come vanno le cose. Tu parli di Tichy, ma lo stabilimento di Tichy è completamente saturo, perché, sicuramente non lo sai, da quello stabilimento escono sia la 500, sia la Ford Ka, che è stata sviluppata sulla stessa piattaforma della 500. Infatti nella "stanza dei bottoni" si parlava di un raddoppio di quello stabilimento, solo che per fare questo servono tanti "dindini" (dell'ordine di qualche miliarduccio di euri), che Fiat non aveva. A quel punto il caro Marpionne si è trovato di fronte ad una scelta: continuare a produrre la Panda a Tichy, ma con forti problemi nel rispettare le consegne (ti ricordi che la Panda aveva tempi di consegna di oltre 6 mesi?) o spostare la produzione in altri stabilimenti. Quello con i macchinari più simili a Tichy era proprio Pomigliano, per cui il riattrezzamento dei macchinari sarebbe stato più facile. Peraltro, la produzione di Pomigliano, incentrata sulle Alfa (prima la 147, il GT e la 159, poi praticamente solo la 159 che di volumi ne faceva pochi) era fortemente dissatura. Ecco perché la produzione è stata spostata a Pomigliano. Ma tutto questo TU non puoi saperlo e parli solo per dare fiato alle tue corde vocali. Ecco perché l'Italia va male, perché nonostante ci sia qualcuno che cerca di fare aprire gli occhi agli stolti, gli stolti, di fronte al dito che indicano la luna, guardano il dito. Del resto, il tuo stesso nick la dice lunga. Continua a credere alle favole che ti racconta Marpionne, "er mejo" manager che abbiamo, così potrai continuare la tua caccia ai komunisti che esistono solo nella tua testa... @luigi fassone: non è una questione di macchinari meno produttivi o di sindacati che "rompono" o perché colà si fatica di più. E' una questione di modelli: in Polonia producono vetture che si vendono, in Italia si producono vetture che si vendono di meno. Infatti, l'unico stabilimento più o meno saturo è Melfi...

Ritratto di danutaki

danutaki

Mer, 19/09/2012 - 09:56

Ha ragione Marchionne quando dice che investire ora è come sparare nell'acqua ! Gli investimenti in tecnologie i proprietari della Ferrari li fanno ad ogni Gran Premio ed attendono per farli ricadere sulle linee di produzione industriali che la bufera accenni a passare.... Purtroppo il buonsenso non aiuta molti dei commentatori.. Buona giornata dal Brasile ... regno della Fiat!

soldellavvenire

Mer, 19/09/2012 - 10:02

tranquilli, ragazzi! il venturo regime comunista attuerà l'unica soluzione intelligente in questo caso: NAZIONALIZZAZIONE! per troppo tempo nazionalizzati sono stati solo i loro debiti, mentre intascavano gli utili: è tempo di rispolverare la sana condivisione! che vadano fuori dalle italiche balle! con la tecnologia di stato produrremo auto VERE con ritorno degli utili, anzichè alle bahamas, nelle casse dello Stato.

MMARTILA

Mer, 19/09/2012 - 10:05

Alla fine il nodo sta sempre lì, creano bagarre per avere soldi, magari con rottamazione ma comunque soldi. Certo che le auto Fiat non sono un granché, ma la retromarcia funziona benissimo...buffone.

Ritratto di dlux

dlux

Mer, 19/09/2012 - 10:07

La Fiat (è risaputo e magari fosse un luogo comune!) ha sempre ottenuto grossi finanziamenti da parte dello Stato, quindi da parte di tutti noi. Ora questa pantomima serve solo a ribattere cassa ed a costringere il governo ad allentare i cordoni della borsa...Vedrete, la soluzione è semplicissima.

Robertin

Mer, 19/09/2012 - 10:17

Sveglia ragazzi, non lo sapete che siamo in più di 9 miliardi ? O facciamo una bella guerra universale che elimina almeno la metà di noi oppure nei prossimi anni non solo FIAT ma tante altre case automobilistiche saranno costrette a chiudere per mancanza di spazio fisico dove mettere i loro prodotti ....

Ritratto di enzo33

enzo33

Mer, 19/09/2012 - 11:06

Sono rimasti soltanto due uomini in Italia: Monti e Marchionne. Non c'è due senza tre, Silvio, se ci sei batti un colpo.Ciao, un caro saluto da: enzo33

Robertin

Mer, 19/09/2012 - 11:36

Leggo e condivido il commento di ieri di antiom 13.24. Aggiungerei immondo (nel senso di sepolcro imbiancato), visto che pretende di dare lezioni agli altri mentre lui alla sua veneranda età non si decide ancora a sgravarsi la coscienza raccontandoci perchè è stato cacciato dall'azienda.

Ritratto di Alex Biffi

Alex Biffi

Mer, 19/09/2012 - 11:59

Con tutta la buona volontà, non riesco proprio a capire come possano fare soggetti come #onofri o #scorpion12 a postare continuamente sui blog de ilGiornale. Onofri, poi, a quanto è dato vedere, ci passa l'intera giornata. A me non verrebbe mai in mente di fare un login su cartadacesso edita dal sig. (sic) DeBenedetti, interloquire con chi la pensa "sinistramente" sarebbe, per me, legittimarne l'esistenza: certo, io sono un destrorso decerebrato, leghista per giunta! Che poi DeBenedetti o Della Valle siano ormai i mentori della nuova sinistra, mi fa capire come siano ormai ridotti i tovarish e mi fa addirittura rimpiangere i vecchi comunisti trinariciuti, tanto "cari" la grande Guareschi. Comunque, sig Onofri, si fidi, il suo amico pluribraccialato fa costruire la maggior parte dei componenti per le scarpe che poi assembla in Italia, in paesi dell'estremo oriente e da maestranze che annoverano bambini di sei anni. Non sono notizie da Dagospia come vuol farle credere il suo amicone scorpion, ma le può trovare su tutta la stampa che, certo, non sia Corriere o... Pravda.

idleproc

Mer, 19/09/2012 - 12:21

Esproprio totale garantendo solo i piccoli azionisti e dandola da gestire a qualcuno della vecchia guardia imprenditoriale che la rimetta in piedi.

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 19/09/2012 - 12:22

Resteremo in Italia. Traducendo dal linguaggio Fiat finanziario : speriamo in qualche aiuto di stato, magari una rottamazione. Poi grattato il fondo del barile ce ne andiamo. Obama e i serbi pagano bene le fabbriche.

mariolino50

Mer, 19/09/2012 - 13:11

Vedo che alcuni criticano e offendono Romiti per quello che ha detto del maglioncino, definito l'unico vero manager avuto dalla fiat, e forse l'ultimo visto che la stà distruggendo inglobandola nella chrysler, l'ultimo che capiva davvero auto era Ghidella, cacciato per far posto a Romiti, ma comunque dice cose giuste anche se uno str..., ma l'altro è molto peggio, l'Alfa ha smesso di essere tale quando fù tolto il bialbero alfa, uno dei migliori e più avanzati motori del mondo, per metterci i fiat di vent'anni più indietro, Bmw e Mercedes hanno continuato a fare motori del genere, più tradizionali ma certo più duraturi e potenti, come erano gli Alfa, anche la Lancia è stata rovinata appiccicando il una volta prestigioso marchio alla 300C americana, quante se ne vedono in giro, solo sui giornali si vedono, chi può compra ormai sempre le solite 3 marche tedesche, nessuno si ricorda la Thema e quante se ne vedevano, come anche l'alfetta del resto, chi ha una certa età lo sà che prima erano competitive e spesso anche meglio, provate a fare confronti diretti ora esclusa la Ferrari.

Alberto67

Mer, 19/09/2012 - 14:07

La totale incompetenza di Marchionne nel settore auto è palese.Noi Italiani abbiamo insegnato a fare auto a tutto il mondo. Fiat, Alfa Romeo e Lancia hanno prodotto sempre tecnologia all'avanguardia ancora oggi è così.Ci stiamo facendo fregare dai Tedeschi e dalla loro Golf un auto brutta e scialba.Sono 10 anni che esce la "nuova golf"ma è sempre la stessa auto tra l'altro con uno stile vecchio e datato.Marchionne, ci vogliono i modelli nuovi,un grande rilancio in Italia,crederci,sognare,progettare.Le auto Italiane vanno fatte in Italia come i Tedeschi fanno le loro in Germania.Diamo un po meno dividendi agli Elkan/Agnelli e torniamo a fare auto come sappiamo fare!!!W la Fiat!!!

onofri

Mer, 19/09/2012 - 14:10

Alex Biffi 11:59: evidentemente la sua volontà non è poi così buona anche se credo a difettarle sia qualcos'altro. Non discuto sulla definizione che lei da di se stesso: "destrorso decerebrato, leghista per giunta". Non avrei saputo dire di meglio. Prendo atto di come lei attribuisca a De Benedetti e Della Valle la patente di nuovi mentori della sinistra. Non me ne ero accorto. capisco benissimo il suo timore anche solo a pensare di partecipare ad un forum con chi non la pensa come lei. però questo è un problema. da buon berluscocentrico chiunque non si conformi al non-pensiero unico del capo la pensa "sinistramente". Di fatto riuscirà ad interloquire solo con una persona su 5 e non riuscirà mai a farlo in pubblico visto che l'elettore pdl è introvabile nel mondo reale. per quanto mi riguarda invece che posso mai dirle? sono un plurimiliardario, spesso in crociera con il mio mega yacht dotato di ogni comfort ivi compresa connessione wi-fi, sppc, dltm, avn. mi diletto a scrivere perchè annoiato durante le lunghe ore di trasferimento da un porto all'altro e non sempre posso ingannare il tempo dimostrando una alla volta tutte le sfumature di Mr. Grey. Certo le due o tre super gnochhe che ho a bordo sono un piacevole diletto, ma nulla in confronto ad un bollito di bambino come di deve.

killkoms

Mer, 19/09/2012 - 14:14

@thepaul,fiat in italia era come il pubblico impiego,poichè chi ci entrava,ci entrava prima dei 35 anni e ci prendeva la pensione!il fatto di essere stata chiusa a gente proveniente da altre esperienze lavorative,ha creato il mito de lavoratore fiat "dannato",bistrattato dagli agnelli,quando poi in Italia nelle aziende mediopiccole c'è di peggio,ma quelle ai sindacati non interessano per i bassi volumi della gente coinvolta!del resto i sindacati non riconoscono nemmeno l'art.18 ai"loro"dipendenti! io non dò fiato a vuoto,mi limito a dire ciò che sò,eche è ben noto a tutti!lo sanno anche i vitelli al pascolo che a tichy si fabbrica anche l'attuale ford KA,visto che i tedescoamericani di ford hanno convenuto di risparmiare il massimo sulla nuova piccola di casa,sfruttando l'affidabile piattaforma fiat,dimostrando così che i prodotti italici non sono così male!e se è per quello,a tichy è prodotta anche l'attuale lancia Y,che sfrutta il medesimo autotelaio della 500,ed è ancora prodotta la vecchia panda;non serve essere stati alla fiat per sapere queste cose!e per la cronaca,io non sto assolvendo fiat,che l'ho sempre detto,ha colpe storiche anzi ataviche,e nemmeno marchionne,che qualche errore pure l'ha fatto,come far produrre la fiat 500L in un sito ancora da ultimare,con un indotto indefinito e carente pure sul fattore,fondamentale,dei collegamenti viari!la 500L era idonea per cassino,mentre magari inserbia ci si poteba spostare quelle auto con volumi di produzione attualmente bassi come la bravo e la delta!a marchionne và dato atto di aver tirato fuor fiat dal pantano in cui l'aveva cacciata la precedente dirigenza,quella che aveva fatto andar via cantarella e de silva!il peggioramento del mercato italiano ed europeo,purtroppo non lo aveva previsto nessuno,neppure marchionne che pure ha"lodato"chi ha sicuramente contribuito ad affossare quello italiano,il"supermario denoantri",quello che nulla ha fatto,(se non tassare)ma risulta bravo perchè lo scrive repubblica!a quanti sputano su marchionne,ricordo sempre la figura di carlos ghosn,attuale ad di renault e nissan!ghosn,"sanò"nissa,entrata nell'ornita renault,ma come?lasciò a casa 21000 operai,in un contesto,quello nipponico,in cui una tale cosa fino a pochi anni prima,era inconcepibile,specialmete se fatta da un"gaijin"!

killkoms

Mer, 19/09/2012 - 14:32

@alberto67,non puoi dare a marchionne colpe della vecchia dirigenza fiat!se la golf da noi vende,la colpa è diquelli che comprano un nome e non una macchina!le golf dalla 3^ serie in poi sono indistinguibili

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Mer, 19/09/2012 - 14:43

LA COLPA E' DEI SINDACATI I QUANTI HANNO SEMPRE ACCAMPATO DIRITTI E MAI DOVERI. PERCHE' PRODI HA REGALATO L'ALFA ALLA FIAT, QUANDO C'ERANO FIORI DI COMPRATORI ESTERI? ORA FORSE LA MUSICA SAREBBE DIVERSA

onofri

Mer, 19/09/2012 - 14:49

killkoms : allora bisogna davvero lei si arrabbi un pochino anche con quelli de il giornale perchè fanno sempre un sacco di pubblicità alle auto NON italiane.

onofri

Mer, 19/09/2012 - 14:52

giorgio.peire : potrei sbagliarmi, ma credo che la ragione per cui Prodi favorì la cessione dell'alfa alla fiat piuttosto che a compratori stranieri sia la stessa per cui berlusconi ha regalato alitalia ai capitani coraggiosi (anche se poi di fatto è air-france).

killkoms

Mer, 19/09/2012 - 15:33

@onofri,arrabbiarmi per chi,o per cosa?chiunque è libero di comoprare ciò che gli aggrada,a patto che poi non si lamenti se la nostra economia va male!

killkoms

Mer, 19/09/2012 - 15:36

@onofri,se alitalia era finita sotto airfrance,ma sai come stavano sotto lo schiaffo dei francesi certa gente,a cominciare dalla famosa hostess col cappio?

killkoms

Mer, 19/09/2012 - 15:37

@onofri,anzi,si chieda perchè prodi voleva (s)vendere alitalia ad airfrance!

mariolino50

Mer, 19/09/2012 - 17:42

killkoms Io ho comprato diverse fiat e anche macchine francesi, 4 anni fà ho preso una tedesca usata e posso dire che cè una notevole differenza, poi quali sono le macchine davvero italiane, che ce lo scrivano sopra, se uno può comprarsi una macchina un minimo decente cosa prende, la 300c marcata Lancia se la tengano, più su di nostrano cè Maserati e Ferrari, ma non sono certo per tutti, per forza vendono le tre marche tedesche più rinomate, non è solo fumo, cè anche l'arrosto, ora che ho fatto la prova lo sò.

killkoms

Mer, 19/09/2012 - 21:36

@mariolino50,la lancia thema attuale è un'auto di transizione,nata dal fatto che sarebbe stata dura gestire 6 marchi sul mercato italiano,e ciò ha comportato la scomparsa dei marchi dodge e chrysler,lasciando solo jeep per ovvi motivi! quindi,dove riposizionare la chrysler 300C,costruita sull'autotelaio della mercedes classe E,che tra l'altro in Italia aveva avuto un buon successo di vendita?la si è dovuta rimarchiare lancia,ovviamente!l'alternativa era rimarchiarla maserati,ma le concessionarie di tale marchio sono meno diffuse,ed era troppo spigolosa per essere un'alfa!la nuova thema(o flavia) avrebbe dovuto essere l'attuale chrysler 200,ma l'autotelaio di tale auto,peraltro lo stesso della vecchia seebring,non poteva ospitare motori diesel,indispensabili da noi!per lo stesso motivo si è dovuto rimarchiare la voyager e la dodge journey;e quest'ultima,come fiat freemont ,a tenuto ed è la 7 posti più venduta sul mercato italiano!nessuno può prevedere il futuro,tantomeno marchionne!anch'io compro solo auto usate,e nel 2010,ho"pensionato"la vecchia laguna sw del 1997,comprando una fiat stilo diesel sw del 2004,che mi sta dando buone soddisfazioni!sono tornato al diesel dopo 11 anni,solo che nel 2010 pagavo il gasolio 1,34 € al litro,oggi,a trovarlo a buon mercato mi costa 1,77 € al litro!non lamentiamoci se le condizioni per"fabbrica Italia"non ci sono più!