Gay, l'ultima di Giovanardi: "Dai nazisti persecuzione, ma non ci fu l'Olocausto"

L'ex sottosegretario: "L'Olocausto dei gay non c’è mai stato". Ed è subito polemica. Grillini: "È un ignorante". E Luxuria: "Il negazionismo dilaga"

Gay, l'ultima di Giovanardi: "Dai nazisti persecuzione, ma non ci fu l'Olocausto"

"L'Olocausto dei gay non c’è mai stato". Ospite della puntata del programma televisivo KlausCondicio in onda su YouTube dedicato alle persecuzioni razziali durante la Seconda Guerra Mondiale, l’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio Carlo Giovanardi ha ammesso da una parte le persecuzioni dei nazisti contro gli omosessuali, ma ha negato l'esistenza dell'Olocausto dei gay. Una posizione che ha subito suscitato violente polemiche.

"C’è stata una persecuzione dei gay", ha spiegato Giovanardi sottolineando che "per essere chiari di Olocausto ce n'è stato uno solo, ed stato è quello del popolo ebreo, anche dal punto di vista legislativo, normativo; tutti elementi che hanno costituito l’unicità di questo terribile dramma storico". Secondo l'ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio, infatti, l'Olocausto ha interessato soltanto il popolo ebraico. Giovanardi ha voluto, quindi, distinguere che "ci sono stati da parte del nazismo tutta una serie di azioni che hanno riguardato gli handicappati, i malati mentali, gli zingari, le popolazioni dell’est considerate popolazioni inferiori, i cattolici e gli evangelici che si opponevano al regime e anche i gay". Ad ogni modo Giovanardi ha ricordatoo anche che "il movimento nazista era largamente rappresentato dai gay" dal momento che c'erano gay nazisti ai vertici del partito.

Immediate le polemiche suscitate dalle dichiarazioni di Giovanardi. "Il livello di omofobia di Giovanardi è arrivato a livelli tali da difendere non solo chi odia i gay, ma soprattutto la memoria di coloro che sono stati sterminati", ha replicato l'ex parlamentare Vladimir Luxuria invitando Giovanardi a "documentarsi di più prima di mettere bocca su argomenti in merito ai quali o sa poco o fa finta di non sapere". Luxuria ha spiegato che oltre 15mila omosessuali sono stati internati tra il 1933 e il 1945. Sulla stessa linea anche il responsabile diritti civili e associazionismo dell'Italia dei Valori Franco Grillini che ha accusato Giovanardi di ignorare la storia: "Nei campi di concentramento nazisti furono sterminate diverse decine di migliaia di omosessuali".

Commenti