Già svanito l'effetto Schlein: il sondaggio che inchioda il Pd

L'ultimo sondaggio Ipsos gela il segretario dem: il Partito democratico cala di un punto percentuale e torna sotto il 20%. L'effetto Schlein è solo un miraggio

Già svanito l'effetto Schlein: il sondaggio che inchioda il Pd
00:00 00:00

“Gli elettori – afferma Elly Schlein a Repubblica – torneranno a scommettere su di noi. Non faccio politica e non compio scelte guardando tutti i giorni i sondaggi”. La scelta della segretaria dem, più che di principio, sembra una questione di necessità. Gli ultimi sondaggi, infatti, registrano un calo netto e costante del Partito democratico targato Schlein. La situazione, certificata anche dall’ultima rivelazione Ipsos, è molto preoccupante per il Nazareno. L’effetto Schlein è solo un miraggio.

Il crollo del Pd

L’estate militante di Elly Schlein e del suo cerchio magico dovrà affrontare, ancora prima di partire, una tragedia numerica sostanziale. Se a maggio il Partito democratico aveva registrato un piccolissimo calo, la discesa di giugno è molto più netta. Il calo è di un punto percentuale in un solo mese. Dal 20,4% del mese scorso, secondo l’ultimo sondaggio Ipsos, il partito guidato da Elly Schlein passa al 19,4% delle preferenze totali. Un dato ancora più basso delle rilevazioni registrate nelle ultime settimane.

I motivi di questa lenta discesa, a ben vedere, sono innumerevoli. Dai malumori interni al partito, alle tante sconfitte elettorali, passando per una leadership scarna nei contenuti e debole mediaticamente, il nuovo corso dem va incontro alla sua ora più buia. Tutto questo nonostante le performance del Movimento 5stelle, ipotetico alleato dem e grande competitor nel campo progressista. Il partito guidato da Giuseppe Conte raccoglie tutte le contraddizioni interne al Pd, ottiene l’1,2% in più rispetto a maggio e si attesta al 16,2% delle preferenze totali. Un risultato, l’ennesimo, che mina il progetto “campo largo” e promuove una competizione senza esclusioni di colpi tra grillini e dem. Guardando al centrosinistra non è pervenuto il fu Terzo Polo: Azione torna al 3,1% mentre Italia Viva registra il 4,4% delle preferenze. Numeri troppo bassi per provare ad impensierire Giorgia Meloni e il governo che presiede.

Il centrodestra rimane stabile

L’intera corazzata di centrodestra, infatti, rimane stabile registrando un 46,7% dei consensi. Entrando nei particolari il trend positivo è ancora più evidente. Fratelli d’Italia rimane primo partito al 29,4%. Lega e Forza Italia, rispettivamente al 9,1% e al 7,3%, fanno quadrato intorno al premier. La valutazione dell’esecutivo fa registrare una piccola crescita: l’indice di gradimento passa dal 51 al 52, mentre il gradimento del presidente del consiglio rimane stabile a 53 punti.

Tra i leader di partito più graditi troviamo il coordinatore di Forza Italia, Antonio Tajani, e il leader del Carroccio Matteo Salvini. Non si può dire lo stesso per l’indice di gradimento per Elly Schlein che perde ben cinque punti in un solo mese. La narrativa della gauche italiana, mediatica e politica, si scontra con la certezza dei numeri.

Nota sondaggio:

Sondaggio realizzato da Ipsos per Il Corriere della Sera presso un campione casuale nazionale rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne secondo genere, età, livello di scolarità, area geografica di residenza, dimensione del comune di residenza. Sono state realizzate 1.000 interviste (su 5.244 contatti), condotte mediante mixed mode CATI/CAMI/CAWI tra il 27 e il 29 giugno 2023. Per dare stabilità alle stime di voto pubblicate, i risultati presentati sono il prodotto di un'elaborazione basata, oltre che sulle 1.

000 interviste prima citate, su un archivio di circa 5.000 interviste svolte tra il 26 maggio e il 23 giugno 2023. Il documento informativo completo riguardante il sondaggio sarà inviato ai sensi di legge,
per la sua pubblicazione, al sito www.sondaggipoliticoelettorali.it.

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Pubblica un commento
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette. Qui le norme di comportamento per esteso.
Accedi
ilGiornale.it Logo Ricarica