A Palermo e Catanzaroscrutinio incompletoa tre giorni dalle urne

Discrepanze dei dati tra Regione e Comune e problemi organizzativi a Palermo. Nel capoluogo calabrese, indagini della procura

Palermo e Catanzaro vanno a braccetto. I due capoluoghi sono in clamoroso ritardo nello scrutinio delle schede elettorali dopo le elezioni amministrative. I risultati definitivi arriveranno (forse) solo in serata.

A Palermo regna il caos. La Regione in un primo momento aveva confermato l'applicazione di una viziata interpretazione della legge elettorale, cosa che aveva portato a una discrepanza con i dati del Comune sul calcolo delle percentuali di voto da attribuire ai candidati a sindaco e alle liste per il consiglio. Poco dopo la Regione ha smentito tutto. Anche se le divergenze si sono verificate lo stesso.

"I comuni dove si è andati al voto e che hanno seguito le indicazioni comunicate ieri dall’assessorato alla Funzione pubblica, non faranno alcun riconteggio, laddove è stato seguito un criterio diverso è invece necessario ricalcolare i voti. Entro stasera, comunque, avremo i dati", ha rassicurato l’assessore alle Autonomie locali della Regione siciliana, Caterina Chinnici.

Quello che è certo è che a Palermo lo spoglio non è ancora concluso. Tre giorni dopo la chiusura delle urne, non c’è un ancora un dato definitivo sulla competizione. La sezione 271, allestita nella scuola elementare Basile di Largo Corleone, sembra una roccaforte inespugnabile. Resta solo quella.

La partita è ancora aperta sul fronte delle liste. Partiti e candidati consiglieri sono col fiato sospeso e c'è chi ha annunciato ricorso (come i grillini, l'Mpa, Api) e chi ha proposto il riconteggio dei voti.

Tra le altre cose, adesso tutte le schede sono state portate alla caserma Bichelli di San Lorenzo per le verifiche del caso. E secondo alcune indiscrezioni, pare si sia verificato anche un problema organizzativo legato alla sostituzione di numerosi presidenti di seggio (si parla di circa 150) alla vigilia della tornata elettorale, che non avrebbe consentito la necessaria istruzione di questi ultimi in vista dello scrutinio. Insomma, l'incompetenza e la scarsa informazione ha regnato.

A Catanzaro la situazione non è poi così diversa. Anche qui, l’esito del riconteggio delle schede, almeno per quanto riguarda la sezione 85, arriverà solo in serata. A distanza di quasi 72 ore dalla chiusura delle urne, la città resta nell’incertezza di ciò che potrebbe accadere. Su questa situazione che definire anomala è poco, la politica locale e nazionale si sta dando battaglia. Il Pd (insieme con l'Udc), che ha schierato come candidato a sindaco il giovane Salvatore Scalzo, ha chiesto l'annullamento del voto e ha presentato un esposto al ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri.

Nel testo si parla di "molteplici irregolarità" soprattutto nella sezione 85 del Comune di Catanzaro doce al momento risultano 3 schede votate e non vidimate, 2 schede votate in più rispetto agli elettori registrati e la presenza di schede stranamente deteriorate. Nell’esposto si parla, inoltre, di "numerosi elettori che denunziano la mancata assegnazione di voti ai candidati per i quali hanno espresso preferenze; moltissimi rappresentanti di lista e scrutatori dichiarano che gli uffici elettorali delle sezioni hanno assegnato voti riportati in schede radicalmente nulle e al contempo hanno qualificato come nulle schede perfettamente valide".

Il centrodestra vuole invece che venga proclamato sindaco l’imprenditore Sergio Abramo, che per una manciata di voti dovrebbe aver superato il 50%. La procura ha aperto una inchiesta su segnalazione della Digos.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di vince50_19

vince50_19

Gio, 10/05/2012 - 13:12

Il fu Benny Hill ha degli ottimi imitatori..

gibuizza

Gio, 10/05/2012 - 13:45

E poi qualcuno ancora sostiene che l'Italia è una e omogenea!! A Palermo e Catanzaro nemmeno sanno fare le elezioni (e questi due comuni li conosciamo, figuriamoci gli altri), come possono gestire una città?

Ritratto di dbell56

dbell56

Gio, 10/05/2012 - 13:49

La mafia e la 'ndrangheta stanno manipolando i voti! Poco ma sicuro.

Ritratto di marforio

marforio

Gio, 10/05/2012 - 13:49

MAFIA e ndrangheta forever. Cosa hanno a compartire queste regioni con il resto d´italia?

disalvod

Gio, 10/05/2012 - 14:23

Questa E' L'italia Oggi.stiamo Nelle Mani Di Incapaci,ignoranti,superbi E Presuntuosi Che Voglioni Gestire Un Paese E La Vita Dei Cittadini.quale Puo' Essere Il Nostro Destino Con Questa Gente?

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 10/05/2012 - 14:35

Beh a correggere le schede ci vuole il tempo necessario,e poi con questo caldo!!!!

Ritratto di blues188

blues188

Gio, 10/05/2012 - 14:37

Ueh, calabbresi e palemmitani, vi mandiamo il Trota! Che è sicuramente meglio di vvoi. Lo vvolete o nno? Miii, che figura emmedda...

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Gio, 10/05/2012 - 14:45

echissenefrega, come se il destino della Sicilia dipendesse da l'uno o l'altro candidato. Ma se la Sicilia e' cosi' da mille anni, cosa pretendiamo, che cambi ora? per un pugno di voti? non so nemmeno il perche' si facciano ancora le elezioni. Per buttare via altri soldi?

eglanthyne

Gio, 10/05/2012 - 14:44

Per far di conto potrebbero usare un pallottoliere .

alberto51

Gio, 10/05/2012 - 14:47

Mi sembra giusto, cli ci sono i Presidenti consiglieri e personale della Regione i più pagati al mondo per fare le porcate di ogni genere , che questa a me sembra poca cosa, anzi sia il segno della migliorata rapidità , rispetto al tempo dei Borboni. Coraggio Sicilia la Tunisia non è poi così lontana.

pinocchioudine

Gio, 10/05/2012 - 15:02

E' inutile, laggiù uno più uno non sempre è uguale a due...

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 10/05/2012 - 15:14

Altrimenti come farebbero a falsificare il risultato, certe cose vanno fatte con calma ed al miglior offerente.

fossog

Gio, 10/05/2012 - 15:15

Cediamoli all'africa !! Tra l'altro Orlando lo ha già fatto il sindaco in quel cesso di città che è Palermo, e ha già ben dimostrato di quali bestialità sia capace, ed è solo una rappresentazione di politica africana..... non certo migliore di quella che lo ha preceduto, ed è proprio per questo, per questa manifesta incapacità di cultura e di civiltà, che dobbiamo spingerli verso sud e...... LIBERARCENE.

AnnoUno

Gio, 10/05/2012 - 15:37

Sicuri che non si tratta di notizia della sezione Esteri?

mekong43

Gio, 10/05/2012 - 15:43

Capitanati da quel fulmine di guerra di Orlando immaginate che equipaggio che faranno! Viva la Trinacria.

federossa

Gio, 10/05/2012 - 15:47

La MAFIA di ORLANDO è già ATTIVA!

no b.

Gio, 10/05/2012 - 15:54

mandiamogli il Trota così completiamo il gioioso quadretto!

cameo44

Gio, 10/05/2012 - 16:05

Questi episodi ci fanno capire ancora una volta che siamo in mano di nessuno ma è mai possibile che in un paese civile a distanza di tre giorni non si possono avere i risultati definitivi ma tutti questi burocrati e funzionari che paghiamo a peso d'oro cosa ci stanno a fare? perchè non si fanno delle leggi semplici ed espliciti in modo da poterle applicare senza nessuna interpetrazione ed equivioci? e dato che ci dicono che l'Italia è unica per chè non vi è una legge elettorale unica in tutto il paese e per tutte le elezioni? il motivo è senzaltro perchè ognuno vuole la sua secondo convenienza

gi.lit

Gio, 10/05/2012 - 16:16

Si vota in Sicilia, come in tutto il Paese dal lontano dopoguerra e non è mai accaduto un inconveniente del genere. Si spera pertanto che un'inchiesta accerterà le responsabilità ma parlare di brogli mi sembra prematuro. Tirare poi in ballo la mafia sol perché tutto questo è avvenuto in Sicilia è il solito riflesso condizionato di gente che sguazza nei pregiudizi. Ieri mi sono permesso di ricordare che nel lontano 1946 autorevoli osservatori, politici e non, erano pronti a giurare che il risultato del referendum Monarchia-Repubblica fu viziato da gravissimi brogli. E ora anche in Russia ci sono tumulti per presunti brogli elettorali. Succede spesso, succede ovunque. Insomma, non è che la Sicilia abbia l'esclusiva in materia, ammesso che di brogli si tratta. Lo dico per ribattere a tutti quegli idioti, dementi, ignoranti che hanno approfittato dell'occasione per insultare i siciliani.

Ritratto di Bartuldin

Bartuldin

Gio, 10/05/2012 - 16:37

Ma possibile che solo al sud devono succedere questi fatti? Aggregateli a Cartago.!!!!

AlFa 46

Gio, 10/05/2012 - 16:40

L'Uganda è un gran paese, certo dopo l'Afghanistan ma sempre davanti l'Italia....... a voi l'ardua sentenza..... Ma il bocchino formato PD risolvera tutto. importante è votaqrlo e mandarlo in parlamento, e poi sta bene ... da fascista a comunista passando per berlusconi, e Casini, le stesse performance della sua famiglia......

silvio50

Gio, 10/05/2012 - 16:46

non si capisce xche certe cose capitano solo e sempre al sud, sicilia o calabria, ci sara ben qualche problema i quelle regioni, e nessuno ci mette mano, chissa xche a milano, varese, torino ,ecc, non capita mai nulla, meditate.

maurizio50

Gio, 10/05/2012 - 17:25

Palermo e Catanzaro:sempre più lontane dall'Italia;sempre più vicine al Nordafrica!!!

il veniero

Gio, 10/05/2012 - 18:31

manco nel Gabon,vergogna .Quale Europa ,manco la Grecia vi vuole.

roliboni258

Gio, 10/05/2012 - 18:54

c'è ne sono parecchi in sud Italia come il trota

MEFEL68

Gio, 10/05/2012 - 19:20

Questo fatto rispecchia l'Italia e le sue leggi cervellotiche e contorte. In Francia, nelle ultime elezioni, dopo mezz'ora di orologio dalla chiusura dei seggi, già si conoscevano i dati ufficiali. Per andare oltre il veniero, stiamo 10 anni indietro rispetto al Gabon.

peropix

Gio, 10/05/2012 - 20:40

e pensare che hanno il triplo degli impiegati .

peropix

Gio, 10/05/2012 - 20:43

sono la causa dei nostri mali, hanno esportato mafia e corruzione in tutto il mondo. La mentalità mafiosa è insita nell'80% di loro. Sono le regioni canaglia d'Italia ttanto care a Napolitano.

scapellato

Gio, 10/05/2012 - 20:43

la solita tarronata.