Salvati da una foto con lo Special OneMourinho «scagiona» tre camorristiIl caso Calcio e malavita

Salvati da una foto con lo Special OneMourinho «scagiona» tre camorristiIl caso Calcio e malavita

Jose Mourinho «scagiona» tre presunti sicari della camorra. Alcune foto, infatti, che ritraggono tre esponenti dei clan di Scampia con lo Special One (nel 2006, all'epoca in cui aveva allenato per la prima volta il Chelsea) e alcuni giocatori dei Blues, tra cui Lampard e Crespo, costituirebbero la prova che i tre imputati in un processo per omicidio, nel giorno dell'agguato si trovavano lontano da Napoli. Notizia e foto sono state pubblicate ieri dal più antico quotidiano di Napoli, Roma. Naturalmente l'indimenticato artefice del Triplete nerazzurro e i suoi calciatori non erano al corrente che i tre uomini fossero dei camorristi a caccia di foto ricordo. Era il 5 marzo del 2006, a Napoli impazzava la faida di Scampia, tra il clan Di Lauro e gli «scissionisti». Nella lontana Barcellona c'era attesa per il big match di Champion's League, tra i blaugrana e i blues di Mou. Nel lussuosissimo albergo che ospita il Chelsea piombano i tre camorristi. Mou viene fotografato di passaggio in un corridoio, sullo sfondo i tre imputati. Poi le foto con i calciatori tra i piu' rappresentativi della formazione londinese. Proprio in quelle ore Carmine Amoruso veniva massacrato a colpi di pistola mentre si trovava in una sala bingo. Le foto scattate nell'hotel spagnolo sono tate depositate agli atti del processo che si sta celebrando in Corte di Assise di Appello. I tre imputati, che alloggiavano in suite da 7mila euro al giorno, sono accusati da due pentiti ma basteranno alcune foto a scagionarli?

Commenti