Interni

Pd, De Luca sfida la Schlein: "Non rinuncio al terzo mandato"

Il governatore attacca la segretaria: "Le burocrazie romane non possono impedirlo". Poi boccia il nuovo corso del partito sui temi etici: "Ascolti i cattolici"

Pd, De Luca sfida la Schlein: "Non rinuncio al terzo mandato"

Ascolta ora: "Pd, De Luca sfida la Schlein: "Non rinuncio al terzo mandato""

Pd, De Luca sfida la Schlein: "Non rinuncio al terzo mandato"

00:00 / 00:00
100 %

Il dilemma del terzo mandatonon è un problema che riguarda me. Io non ci rinuncio”. Così il governatore campano dem, Vincenzo De Luca, mette nel mirino politico il suo bersaglio preferito: la segretaria del suo stesso partito, Elly Schlein. Intervistato da Repubblica, il “cacicco” più temuto dalla leader dem torna a sfoderare un attacco frontale al nuovo corso del Partito democratico. Dal nodo terzo mandato ai temi più eticamente sensibili, il presidente capobastone è un fiume in piena, come spesso accade, contro le “nuove” posizioni del Partito democratico targato Elly.

Sul dossier terzo mandato, una matassa che sta infuocando il dibattito al Nazareno e non solo, il presidente della Regione Campania non intende fare passi indietro. “Seguirò la linea Zaia, dice con tono ironico incalzato dalle domande. E alla segretaria del Pd, ormai totalmente estranea alle stesse logiche regionali del suo partito, spiega che le “burocrazie romane” – così le definisce De Luca – non possono influenzare il destino dei territori a guida democratica.“Da quando si recepisce la legge nazionale – e la Campania non lo ha ancora fatto –, è consentito svolgere un successivo mandato”, spiega con dovizia di particolari il governatore. “È quello – aggiunge De Luca - che sta facendo il collega Zaia, senza che nessuno abbia avuto nulla da ridire”.

Poi, a stretto giro, arriva la stoccata al veleno nei confronti della giovane leader Pd, Elly Schlein: “Trovo intollerabile che piccole burocrazie romane debbano impedire ai cittadini di scegliere democraticamente i propri governanti”. Un ragionamento che, tralasciando il connotato platealmente polemico nei confronti del nuovo organigramma del Nazareno, dal punto di vista politico sarà difficile da smontare per Schlein e compagni. “Può essere eccessivo anche un solo mandato perché si rivela incapace di governare”, aggiunge e conclude il governatore dem con il solito modo scherzoso.

Ma, sorpassato il nodo terzo mandato, il governatore non si tira indietro nemmento sui temi etici che nelle ultime ore stanno animano il dibattito politico nostrano. E, come da copione, la sua posizione è diametralmente opposta a quella della segretaria. "Credo che il Pd – questo il messaggio forte di De Luca - debba affrontare i temi eticamente rilevanti con una attenzione ed un rispetto verso la sensibilità del mondo cattolico molto maggiore.

Sono questioni da affrontare senza ideologismi e sapendo che il tema della vita e della morte tocca in profondità la coscienza di ognuno di noi”. Una missiva dai toni aspri indirizzata a Elly Schlein e, contemporaneamente, ai suoi pochi ma fedelissimi adepti.

Commenti