Vendola chiede aiuto: "Vasto è insufficiente"

Il leader di Sel commenta i risultati elettorali, parla dell'avanzata dei grillini e sottolinea l'incapacità della coalizione di centrosinistra di porsi come valida alternativa

Vendola chiede aiuto: "Vasto è insufficiente"

Ospite di Mentana su La7, Nichi Vendola commenta a caldo i risultati elettorali delle comunali, che si vanno delineando mano a mano che avanza lo spoglio delle schede. Il leader del Sel sottolinea come l'affermazione di Beppe Grillo, con il suo Movimento 5 Stelle, sia un fattore importante, che aiuta "a leggere il significato di questa tornata elettorale".

Vendola parla di un movimento con "capacità di radicamento sul territorio", in grado di mettere in risalto "elementi di alternatività", in un periodo storico in cui si assiste allo sfaldamento del "sistema di potere centrodestra".

Vendola si chiede anche il perché del mancato successo del centrosinistra e si dà una risposta: "Non viene immediatamente percepito come l’alternativa classica, forte, al centrodestra e all’egemonia culturale di questi anni". Motivo per il quale il Movimento 5 Stelle è riuscito a radicarsi "soprattutto in alcune regioni" tradizionalmente vicine al centrosinistra. "C'è una lezione che tutti dobbiamo trarre - continua Vendola - Se la polica si concentra troppo sulla politica rischia di avere amare sorprese".

La risposta alla situazione attuale per Vendola non si può trovare nel governo dei tecnici: "Quello che esce fuori da questa tornata elettorale è una domanda di politica intesa come contesa credibile tra programmi e ideali alternativi: ma un’Italia che si consegna mani e piedi a commissariamenti tecnici è un paese in cui la politica soffre".

La foto di Vasto "era un'allusione, per provare a dire che si può uscire a sinistra dalla crisi del berlusconismo. Ma era una foto insufficiente perchè va allargata alle realtà sociali. Ma quello che esce da questa consultazione elettorale è una domanda di politica come contesa credibile tra punti di vista alternativi, tra programmi, ideali e valori.

Commenti