Inventato a Milano sms asciuga-bucato È già boom di utenti

Un messaggio segnala, città per città, il momento migliore della giornata per stendere i panni in base a previsioni del tempo e raggi Uv

Matthias Pfaender

Sarà il momento adatto per fare il bucato? E se poi il tempo peggiora e mi ritrovo con tutti i vestiti bagnati? Dubbi che accompagnano la quotidianità di ognuno, soprattutto di quanti sono costretti, per impegni lavorativi o quant’altro, a trascorrere molto tempo fuori di casa. La risposta a tali amletici interrogativi è finalmente oggi a portata di mano, o meglio, di tastiera. Il sito internet www.stendibiancheria.net offre, con rigore scientifico, la soluzione definitiva alla sciagura della felpa bagnata che staziona giorni e giorni sul balcone senza asciugarsi. Collegandosi al portale, si può scoprire gratuitamente, giorno per giorno, l’arco di tempo ottimale per stendere fuori il bucato.
L’estrosa pensata è opera di due scanzonati informatici milanesi, Julien Buratto e Davide Bongianni, titolari di una società che opera nella comunicazione multimediale, esperti dell’universo del web e, a detta di quanti si affidano alle loro indicazioni - oltre 12mila contatti sul sito dalla nascita del servizio - maghi della fantasia.
«Nella quotidianità di Milano - commenta Julien - mi è più utile sapere se potrò mettere gli slip asciutti e dormire in un letto caldo che sapere se ci sarà il blocco del traffico». Da questa personale scala di valori nasce l’idea di un sistema che, sfruttando le potenzialità della rete informatica, sia capace di dare indicazioni precise su come ottenere in breve tempo un bucato perfettamente asciutto. «All’inizio - continua Julien -, per sapere se era il momento adatto per mettere lo stendibiancheria sul terrazzo, controllavo su siti Internet di previsioni meteo le temperature e l’umidità di Milano. Col tempo ho però capito che serviva ampliare i parametri di scelta. Attraverso una formula matematica di mia ideazione, e della quale intendo mantenere il segreto, metto in relazione dati quali temperatura, umidità, velocità del vento, pressione atmosferica e densità dei raggi ultravioletti, ottenendo il valore dell’“indice di bucato”. A valori elevati si associa un tempo si asciugatura breve, mentre valori bassi indicano condizioni sfavorevoli per i panni stesi».
Non potendo, per imperativo morale, non condividere col resto dell’umanità il suo lampo creativo, Julien, con l’aiuto di Davide per veste grafica e linea comunicativa, decide nell’aprile di quest’anno di offrire a tutti la possibilità di ottenere un bucato a regola d’arte. È bastato collegare il programma di calcolo ai dati forniti da Weather.com - il più grande portale di previsioni meteo al mondo - per poter fornire, da Tokyo a Los Angeles passando per Mosca, il prezioso indice di bucato alle disperate massaie di tutto il pianeta. «È tutto automatico - illustra fieramente Julien -. Weather.com aggiorna i dati atmosferici oltre venti volte al giorno, ed il nostro sito corregge di conseguenza i parametri. Così possiamo dare un’informazione sempre precisa al minuto». Non solo. Chi non avesse la possibilità di collegarsi alla rete, può optare per il servizio via cellulare. Un sms, spedito dai computer di Julien, informerà il titubante lavandaio sul momento adatto per premere start sulla lavatrice. Il tutto gratuitamente. «Certo, per affrontare i costi telefonici - sottolinea Davide -, abbiamo dovuto chiedere aiuto. Ci siamo rivolti ad una famosa ditta che produce detersivi, esponendo ai loro manager il nostro progetto. Una volta che questi hanno finito di sghignazzare, ed hanno capito che il nostro era un servizio serio e già avviato, hanno accordato di sostenere le spese di telefonia, in cambio di un loro banner sulla pagina principale del sito».

Commenti

Grazie per il tuo commento