Istituto tumori, il cda frena il presidente sulle case

Molti sorrisi e qualche viso lungo all’interno del consiglio di amministrazione dell’Istituto dei tumori di via Venezian. Le linee che il presidente Antonio Colombo vorrebbe seguire non sembrano piacere sempre a tutti i membri del cda. L’ultimo episodio è di pochi giorni fa. Durante la riunione del 24 maggio, tre proposte che il presidente ha sottoposto al consiglio hanno suscitato polemiche. All’ordine del giorno: la pianta organica del personale e degli staff, la politica dei brevetti e - argomento che di questi tempi risulta più che mai fonte di attrito - la gestione del patrimonio dell’istituto, che dal 2006 è stato trasformato in fondazione. In particolar modo, pare sia stata avanzata l’ipotesi di alienare una parte del patrimonio immobiliare. Ma, di fronte al muro dei consiglieri, il presidente Antonio Colombo ha dovuto ingranare la retromarcia e tornare sui suoi passi. Senza l’appoggio della squadra nessun progetto di vendita può infatti andare avanti. Nessun nuovo «caso Policlinico» dunque. Anche lìMaS

Commenti