A Kabul vince Karzai "Ma accertati brogli"

Il presidente uscente con il 54% riconfermato al primo turno. Ma la commissione elettorale, nominata dall'Onu, ordina di ripetere le operazioni in oltre 600 seggi

A Kabul vince Karzai 
"Ma accertati brogli"

Kabul - Karzai vince. Ma con brogli. Il presidente afgano Hamid Karzai ha conquistato la maggioranza assoluta (con il 54,1%) alle elezioni di fine agosto e il suo avversario Abdullah Abdullah ha ottenuto il 28,3% dei suffragi. Ma, annuncia la Commissione elettorale, i brogli sono "chiari ed evidenti". La commissione elettorale indipendente afgana ha reso noto di aver trovato "prove chiare e convincenti" di brogli nelle elezioni presidenziali del 20 agosto e di aver ordinato un nuovo conteggio dei voti in alcuni seggi. L’annuncio è arrivato all’indomani della comunicazione dell’annullamento a causa di brogli dei risultati di oltre 600 seggi su 6.519.

Percentuali impossibili Dovranno essere ricontate e verificate le schede dei seggi nei quali più di 600 preferenze, ovvero il 100% dell’affluenza prevista, sono state assegnate. Verranno ricontrollati anche i seggi dove un candidato ha ottenuto più del 95% dei voti, e dove almeno 100 schede valide sono state votate. "Nel corso dei controlli, la commissione ha riscontrato chiari ed evidenti segni di brogli in un certo numero di seggi", si legge nel comunicato della commissione. Ci si è concentrati soprattutto sui seggi nei quali è stato riscontrato un numero di voti o di preferenze per un candidato superiore al previsto, ha spiegato la Ecc. "La commissione, infatti, ha notato, nella stragrande maggioranza dei seggi sospetti, un’affluenza assolutamente sproporzionata rispetto alle previsioni degli osservatori". A capo della Electoral complaints commission c’è un canadese, mentre tre dei suoi cinque membri hanno ricevuto l’incarico direttamente dalle Nazioni Unite.