Khamenei: "Israele sarà distrutta"

La Guida Suprema dell’Iran ha di nuovo invocato la scomparsa di
Israele: "Verrà il giorno in cui le nazioni della regione vedranno la
distruzione del regiime sionista". La replica di Wiesel, premio Nobel per la Pace: "Processare Ahmadinejad all'Aja"

Teheran - Nel Giorno della Memoria, che nel mondo segna il ricordo dell’Olocausto, la Guida Suprema dell’Iran ha di nuovo invocato la scomparsa di Israele. "Di sicuro", ha detto Ali Khamenei accogliendo il presidente della Mauritania, Mohammed Ould Abdel Aziz, "verrà il giorno in cui le nazioni della regione vedranno la distruzione del regiime sionista. I tempi di questa dipendono dal modo in cui le nazioni islamiche affronteranno il tema".

Attacco Le frasi di Khamenei, che rilanciano l’appello del presidente Mahmoud Ahmadinejad a "cancellare Israele dalla mappa del mondo" e a interpretare l’Olocausto come un "mito", sono riportate sul sito web della Guida Spirituale, impegnata con Ahmadinejad a compattare la Repubblica Islamica contro il nemico storico anche per superare le difficoltà politiche interne. Khamenei ha invitato la Mauritania a troncare definitivamente le relazioni con Israele; una strada che Nouakchott aveva già cominciato a percorrere nel gennaio del 2009 con la sospensione delle relazioni diplomatiche.

Contro Israele Khamenei ha parlato ieri sera nel corso di un incontro a Teheran con il presidente della Mauritania: "Il regime sionista - ha detto Khamenei - attraverso le pressioni, il blocco e il genocidio vuol fra sparire la Palestina dalle nazioni islamiche, ma non ci riuscirà. Sicuramente - ha aggiunto la Guida suprema - un giorno verrà in cui le nazioni della regione assisteranno alla distruzione del regime sionista. Quando e come questa distruzione avverrà, dipenderà dal modo in cui le nazioni islamiche affronteranno la questione".

Wiesel: "Processare Ahmadinejad" "Come si può trattare con Ahmadinedjad? Come osa dire che lo Stato di Israele deve essere distrutto? La mia idea, e non so se sia praticabile, è che dovrebbe essere arrestato e tradotto dinanzi alla Corte de L’Aja e accusato di crimini contro l’umanità". Lo ha detto il premio Nobel per la Pace, Eli Wiesel, parlando a Montecitorio in occasione del Giorno della Memoria. "Nutro una certa frustrazione - ha aggiunto - perché i anche se i testimoni hanno parlato poco o niente è cambiato. Il mondo si è rifiutato di ascoltare. Come possiamo comprendere l’antisemitismo oggi - ha proseguito - se Auschwitz non l’ha guarito?".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.