L’Isola Madre e gli arredi che fanno grande casa Borromeo

L’Isola Madre e gli arredi che fanno grande casa Borromeo

L'Isola Madre è la più grande delle isole del lago Maggiore, ma non c’è da visitare solo il giardino botanico, esistono anche un grande palazzo e una cappella sepolcrale. Già in un documento dell'anno 846 si parlava della presenza di una cappella dedicata a San Vittore e a quel tempo prosperavano gli ulivi. Chiamata Isola Maggiore fino al Settecento, due secoli prima conobbe lavori di trasformazione in residenza privata a opera di Lancillotto Borromeo. demolita nel 1502, fu ricostruita solo nel 1858. Nel frattempo, grazie al clima mite, l'isola era diventata un luogo di delizie e di vaste coltivazioni. Oggi i visitatori si addentrano sempre più spesso per ammirare gli interni del palazzo e la cappella, costruita sul lato orientale del grande piazzale. Il percorso di visita si snoda attraverso ambienti allestiti a partire solo dal 1978 con arredi provenienti da varie dimore storiche della famiglia. Molte sono le sale visitabili e attrezzate, ciascuna con un nome e una destinazione. Vale quindi la pena, dopo aver visitato i giardini botanici, conoscere palazzo e cappella. Info borromeoturismo.it, 0323.30556.