Lampedusa, nuova ordinanza per il sindaco

Secondo caso di concussione contestato al sindaco di Lampedusa. Avrebbe costretto un imprenditore a farsi pagare fino a 40mila euro per pagargli dei crediti che la sua società vantava con il comune

Lampedusa, nuova ordinanza per il sindaco

Agrigento- Ancora un'accusa di concussione, la seconda, è arrivata dalla procura di Agrigento al sindaco di Lampedusa, Bernardino De Rubeis. Al numero uno dell'isola siciliana è stata, infatti, notificata una nuova ordinanza di custodia cautelare nel carcere della città dei Templi dove si trova detenuto dal 21 luglio scorso.

La denuncia dell'estorto Secondo l’accusa, De Rubeis avrebbe costretto un imprenditore a consegnargli tangenti tra i 30 e i 40 mila euro per pagargli dei crediti che la sua società vantava con il comune. La denuncia è stata presentata proprio dalla vittima dopo aver letto sui giornali la notizia dell’arresto di De Rubeis per un analogo caso. Il provvedimento restrittivo è stato emesso dal gip di Agrigento Luisa Turco su richiesta del procuratore capo Renato Di Natale, dell’aggiunto Ignazio Fonzo e del sostituto Luca Sciarretta.

Commenti